“Dagli altrui vizi impara quanto i tuoi detestabili siano.”/“From other’s bad habits learn how dreadful yours are.”

Proverbio

-Avresti dovuto mandarla a quel paese!
-Non avevo tempo.
-Per dire “Va a quel paese!”?
-Per il dopo.
-Dopo cosa?
-Dopo l’insulto.
-Non è un insulto!
-Sappiamo che significa tante altre cose…
-Sì, ma vuoi negare il piacere dello sfogo?
-Io preferisco tacere.
-E non soffri?
-Soffrirei di più insultando.
-Dai! Ti ho sentito dire tante parolacce!
-Sì, ma per ridere! O indirizzate a me! Quando ho insultato, direttamente, ho visto del terrore negli occhi degli altri.
-E ti fanno paura?
-No, mi fa pena… E mi preoccupa ciò che viene dopo…
-Che vuoi dire col dopo? Che c’entra! Stiamo parlando di sfoghi!
-Tu parli di sfoghi, io parlo della difficoltà di recuperare sé stessi dopo un improperio.
-Lo sfogo implicherebbe che non hai bisogno di recuperare niente… Liberi energia!
-Energia?
-Sì, energia.
-E non ci si libera tacendo?
-No. Si può anche implodere.
-O trasformare il silenzio in splendore!
-Certo! Trasforma anche ogni bassezza in silenzi brillanti o in taciti diamanti oppure in muti smeraldi! Ma va!
-Cerco di non sprecare energia. Mi sono spiegata meglio?
-Sì, meglio; tuttavia non condivido, trovo che stai negando degli aspetti dell’umano… Con una sorta di superbia!
-Ora sono io a non condividere, tuttavia accetto.
-Quale dei due?
-Non sto negando nessun aspetto. Sto semplicemente provando ad accettare che non riesco a insultare senza pagare un prezzo altissimo, dopo. Sono superba? Accetto di essere, per alcune persone e anche in senso positivo, superba.
-Di che prezzo parli?
-La traduzione!
-Di cosa?
-Dell’insulto! Se io dovessi attendere di sfogarmi attraverso un insulto, dovrei dirlo in almeno quattro lingue, tre sono di cuore e una di testa! Preferisco il silenzio interlinguistico.

Parigi, quando si ride dei propri “pre-giudizi di valore” e anche altrui.
2015 – Maria A. Listur

 

“From other’s bad habits learn how dreadful yours are.”

Proverb

-You should have told her to go to hell!
-I didn’t have time.
-To say “Go to hell!”?
-For afterwards.
-For after what?
-After the insult.
-It is not an insult!
-We know that mean many other things…
-Yes, but do you want to deny the pleasure of an outburst?
-I’d rather say nothing.
-And don’t you suffer?
-I’d suffer more insulting.
-Come one! I heard you say bad words!
-Yes, but for laughing! Or addressed to myself! When I have insulted, directly, I have seen terror in other’s people eyes.
-And do they scare you?
-No, it makes me feel sorry… And I worry for what it comes afterwards…
-What do you mean for after? What has it got to do with anything! We are talking about an outburst
-You talk about outburst, I am talking about the difficulty of recover oneself after an insult.
-The outburst would imply that you don’t have the necessity to recover anything… You free energy!
-Energy?
-Yes, energy.
-And don’t we free ourselves staying quiet?
-No. You could also implode.
-Or transforming silence in splendor!
-Sure! Transform every meanness in brilliant silences or in quiet diamonds or in mute emeralds! Come on!
-I am trying not to waste energy. Did I make myself clear?
-Yes, better; however, I don’t agree, I think that you are denying some aspects of the human… With a sort of arrogance!
-Now it’s me who doesn’t agree, however I accept.
-Which one of the two?
-I am not denying any aspect. I am simply trying to accept that I can’t manage to insult without paying a very high price, afterwards. Am I arrogant? I accept to be, for some people and also in a positive way, arrogant.
-What price are you talking about?
-The translation!
-Of what?
-Of the insult! Should I wait to have an outburst through an insult, I should say at least in four languages, three are by heart and one by head! I’d rather like the inter linguistic silence.

Paris, when we laugh of our own “pre-judice of valor” and also other’s.
2015 – Maria A. Listur