Julio Cortazar

Ha scritto:
“La felicità doveva essere un’altra cosa,
può darsi fosse più triste che questa pace e questo piacere,
un’aria come d’unicorno o d’isola,
una caduta interminabile nell’immobilità.”
E può darsi che mentre scriveva ognuna di queste parole,
da qualche parte nel mondo,
cominciava a crescere l’unicorno che mi è isola.
Un intimo luogo dove cavalcare l’ancora inesistente
per renderlo al mondo, leggera. Libera dall’illusorio.
Finalmente immaginifica.

810.jpg

In volo tra frontiere, 2019
Maria A. Listur

 

Julio Cortazar

He wrote:
“Happiness should have been something else,
it might have been sadder than this peace and this pleasure
an air like of unicorn or of island,
an endless fall in the stillness.”
And it could be that while he was writing each of these words,
somewhere in the world,
it began to grow the unicorn that it is island to me.
An intimate place where to ride the yet inexistent
to give it back to the world, light. Free from the illusive.
High imaginative at last.

In flight among borders, 2019
Maria A. Listur

“Se cadrai ti rialzerò, altrimenti, mi sdraierò accanto a te.”/“If you fall I’ll help you up, otherwise, I’ll just lay down next to you.”

Julio Cortazar

-Per favore… Sediamoci un attimo prima di uscire…
-Ti senti bene?
-No…
-Chiamo l’infermiere?
-No, aspettiamo un attimo.
-Puoi dirmi come ti senti?
-Mi fa male la testa e non sono abituata a sentirmi così tirata…
-Tirata?
-Sì, mi sento come se fossi pronta ad esplodere… Tu mi vedi gonfia?
-No, ti vedo…
-Come?
-Ti vedo. Punto.
-Mi vedi male! Dillo!
-Dal piglio che hai direi che già ti stai sentendo meglio… Vuoi uno specchio?
-Mi sono già vista allo specchio! Risparmiami!
-Ah…
-Ah… Cosa?
-Niente… Ah… Ah… Bene che ti sei vista…
-Faccio schifo! Dillo!
-Schifo no… Non oserei dire “schifo”… Direi…
-Orrenda!
-No… Direi…
-Dillo!
-Tu sempre tu ma, dietro un telo trasparente.
-Perché devi sempre fare la poetica? Perché?
-Non è poesia… È quello che vedo.
-Peggio mi sento! Allora tu vedi sempre quello che non c’è! Io non sono dietro un telo! Sono qui, mi fa male la testa, sento ancora gli aghi sulla pelle e sono incazzatissima perché non pensavo di avere dei lividi sulle labbra!
-Ho capito… Ti accompagno a casa?
-Certo! Non immaginerai che passerò la giornata senza di te! Sei stata d’accordo ad accompagnarmi e hai accettato tutto senza mettermi in discussione… Ora resti con me!
-Certo.
-Ti prego di essere un po’ polemica… Dimmi una di quelle cose tue che mi fanno stare malissimo!
-Ti voglio bene.
-Anche io mi sento dietro un telo trasparente!
-Andiamo a casa. Ti farò ridere talmente tanto che ti passerà l’effetto paralisi in una serata!
-Mi ha detto che la sostanza che mi ha iniettato dura più o meno sei mesi…
-Ecco che mi hai risolto il mio prossimo volontariato! Te lo faccio ammorbidire a forza di risata in tre mesi!
-Promesso?
-Ci provo.

Roma, quando la parola maturità non ha lo stesso significato per chi si ama. 2016 – Maria A. Listur

 

“If you fall I’ll help you up, otherwise, I’ll just lay down next to you.”

Julio Cortazar

-Please… Let’s sit down for a moment before going out…
-You are not feeling well?
-No…
-Shall I call the nurse?
-No, let’s wait a moment.
-Can you tell me how do you feel?
-My head hurts and I am not used to feel so constricted…
-Constricted?
-Yes, I feel like I am about to explode… Do you see me swollen?
-No, I see you…
-How?
-I see you. That’s it.
-You see me bad! Say it!
-By the attitude I can say that you are feeling better already… Do you want a mirror?
-I have already seen myself in the mirror, leave me be!
-Ah…
-Ah… What?
-Nothing… Ah… Ah… Good that you have seen yourself…
-I am a mess! Say it!
-A mess no… I wouldn’t dare to say “mess”… I’d say…
-Horrendous!
-No… I’d say…
-Say it!
-You always you, but behind a transparent cloth.
-Why do you always have to be poetic? Why?
-It is not poetry… It’s what I see.
-Even worse! So you always see what it isn’t there! I am not behind a cloth! I am here, my head hurts, I still feel the needles on my skin and I am pissed because I didn’t think I had bruises on my lips!
-I got it… Shall I drive you home?
-Sure! You’re not thinking that I will spend the day without you! You agreed to come with me and you have accepted everything without bringing it in to question… Now you stay with me!
-Sure.
-I beg you to be a bit critical… Tell me one of those things of yours that make me feel so bad!
-I love you.
-I also feel behind a transparent cloth!
-Let’s go home. I’ll make you laugh so hard that the paralysis effect will go away in an evening!
-You told me that the substance they injected me will last six months…
-There, you have solved my next charity work! I’ll make it go soft by laughter in three months’ time!
-Promised?
-I’ll try.

Rome, when the word maturity doesn’t have the same meaning for those we love. 2016 – Maria A. Listur