Il disquisito aroma/The Unexquisite Aroma

-Le consiglio vivamente di non andare. Si affidi alla sua curatrice.
-Sì ma è anche un’amica…
-Appunto. Non rischi in prima persona…
-Il rischio, che rischio è se non s’intende in prima persona?
-Faccia come vuole ma sappia che troverà un uomo assolutamente indisponente.
-Come tante persone che si occupano d’arte.
-Sembra rassegnata.
-Non so cosa significhi la rassegnazione.
-Cosa intende proporgli?
-Mi ha fatto chiamare lui… Non so cosa desidera.
-Lei sa che si tratta di un… Mi scusi la terminologia ma…
-Dica.
-Un porco.
-In quale di tutti sensi che offendono l’animale?
-Con le donne.
-Non ho più l’età delle donne.
-Ah no? E quale età ha?
-Quella delle Signore.
-Faccia quello che vuole! Sento che non mi ascolta!
-Mi scusi ma vorrei incontrarlo senza pregiudizi.
-Ingenua!

Arrivo all’intervista dieci minuti prima dell’accordato, passeggio per la città come quando arrivai per la prima volta, mi sentii accolta. Allora, la lingua italiana non era l’idioma del mio quotidiano e la parola “stronzo” – sentita spesso per le strade – mi sembrava un complimento.
Torno verso il magnifico portone. Suono. Una voce risponde:

-Lei è quella rossa che poco fa ha percorso il viale della fontana?
-Credo di sì. Non ho visto nessun’altra rossa intorno.
-Sa che le rosse puzzano?
-Anche dal citofono?
-Entri.
-Piano?
-Tutto l’edificio è mio. Entri.

Entro. Chiudo dietro di me la porta che conduce a un androne schizzato dalla luce. Dall’alto della scala a destra, in vestaglia marrone di seta, un signore dai capelli bianchi, mi guarda. Lo guardo. Dice:

-Non mi ha risposto.
-Mi odori.
-Si avvicini.
-Scenda lei.
-Scenderò più tardi. La stanza d’affrescare è quella alla sua destra. La veda e mi dica se è capace di finirla alla fine del mese prossimo.
-Sì.
-Cosa?
-Non ho bisogno di vederla. Ho soltanto bisogno di stare da sola con la mia assistente.
-Fatto. Non mi vedrà né mi sentirà.

Le voci che dal pavimento di legno s’innalzano, mentre lui risale le scale, hanno la memoria di Luc Benoist: “Può accadere, fosse pure per un’occasione imprevedibile, che una mozione d’equivalenza riesca a confondere due fatti, due esseri, due idee, per quanto lontani li si voglia scegliere. Il lavoro di certi artisti, in tutte le epoche, consiste nel coltivare unicamente questi mostruosi incroci.”

Ravenna, piove e trema ma l’eterno disegna la grazia. 2013 – Maria A. Listur

 

The Unexquisite Aroma

-I vividly suggest you not to go. Just rely on the curator.
-Yes but she is also a friend…
-Exactly! Don’t risk personally…
-Risk, what risk is it if it is not meant personally?
-Do as you want but you ought to know that you’ll find a man absolutely irritating.
-Like many people who deal with art.
-You seem to have given up.
-I don’t know what to give up means.
-What do you intend to propose?
-He had me called… I don’t know what he desires.
-You know that he is… I am sorry for the word but…
-Go on.
-A pig.
-In which of all meanings that offend the animal?
-With women.
-I don’t have the women’s age anymore.
-Ah no? And what age do you have?
-The age of the Ladies.
-Suit yourself! I feel that you are not listening to me
-I am sorry but I’d like to meet him without prejudices.
-Naive!

I arrive at the interview ten minutes before the time agreed, I stroll about the city as when I arrived the first time, I felt welcomed. Back then, the Italian language wasn’t my daily idiom and the word “stronzo”(asshole) – heard often on the streets – sounded to me as a compliment.
I go back to the magnificent main door. I ring. A voice replies:

-Are you that red that few moments ago were walking the fountain’s boulevard?
-I believe so. I haven’t seen any other red around.
-Do you know that red women stink?
-Through the intercom as well?
-Come in.
-Floor?
-The whole building is mine. Get in.

I enter. Closing the door behind me that leads to an entrance hall splashed by light. From above of the stairs on the right, in a silk brown nightgown, a man with white hairs is looking at me. I look at him. He says:

-You haven’t answered.
-Smell me.
-Come closer.
-You come down.
-I’ll come down later. The room to paint is that one on the right. Have a look and tell me if you are able to finish it by the end of next month.
-Yes.
-What?
-I don’t need to see it. I just need to be alone with my female assistant.
-Done. You will neither see me nor hear me.

The voices that are rising from the wooden floor, while he climbs back up the stairs, they have the memory of Luc Benoist: “It might happen, even considering an unpredictable occasion, that a motion of equivalence manages to confuse two facts, two beings, two ideas, no matter how distant we like to choose them. The work of some artists, in all ages, consists in uniquely cultivating these monstrous crossings.”

Ravenna, it rains and shakes but the eternal draws the grace. 2013 – Maria A. Listur