“Le modificazioni fisiologiche dell’apparato genitale sono, come diceva Sofocle, liberatorie.”/“Physiological modifications of the genital apparatus are, as Sophocles used to say, liberating.”

James Hillman

-Il destino vuole che ci rincontriamo!
La frase interrompe il ritmo del respiro, non quello della camminata atletica. Lei vorrebbe non rispondere ma lui incalza:
-Si ricorda di me? Ieri sera…
Lei sorride, senza fermarsi ma rallentando il passo, viziata dalle buone maniere risponde:
-Certo.
-Sì… Destino. Ribadisce lui.
Lei si ferma per guardarlo e concludere il dialogo. Lui ridacchia e mentre lo fa piega la testa verso la schiena come fanno alcuni neonati, lascia vedere i denti nuovissimi e drittissimi. Lei tace nell’innocenza di chi crede di essere eloquente nel silenzio, poi afferma:
-Intuisco che viviamo nello stesso quartiere quindi sarà facile incontrarsi nel luogo dove spesso si viene ad allenare… Ora vorrei continuare.
Lui sempre sorridente invita:
-Continuiamo.
Lei riprende il passo al suo ritmo e lui tiene lo stesso ritmo. Un gesto impercettibile di sorpresa le devolve la misura del suo giudizio negativo: non ha creduto che l’uomo potesse tenere il suo ritmo; ha guardato l’età apparente, i solchi nella pelle segnata e non tutto il sole. Il silenzio li sovrasta. La lavanda di fine estate invade il respiro, una sorta di complementarietà sonora guida i passi di entrambi come fossero “in musica”, il sudore incomincia a tracciare segni sulle magliette, e contemporaneamente incomincia a piovere. Lui dice:
-Accetta una colazione?
Lei non riesce nemmeno a riflettere. La sua bocca l’anticipa:
-Problemi con la pioggia?
La testa di lui si piega verso il petto in segno di disfatta, una disfatta che ride di se stessa:
-No, io ho soltanto problemi con la prostata, il resto sono inviti e tempo, ancora del tempo…

Parigi, nel giardino dove coloro che divertono non sanno di essere ascoltati, tradotti e trascritti. 2017 – Maria A. Listur

 

“Physiological modifications of the genital apparatus are, as Sophocles used to say, liberating.”

James Hillman

-Destiny wanted us to meet again!
The sentence interrupts the rhythm of the breath, not the one of the athletic walk. She wouldn’t want to reply but he presses:
-Do you remember me? Yesterday night…
She smiles, without stopping but slowing down the pace, spoiled by good manners replies:
-Sure.
-Yes… Destiny. He reiterates.
She stops to look at him and to end the conversation. He chuckles and while doing so he bends the head towards his back as some infants do, letting be seen his very new and very white teeth. She silences in the innocence of who believes to be eloquent in silence, then she affirms:
-I guess we live in the same area so it will be easy to meet in the place where often people come to train… Now I would like to continue.
He, still smiling, invites:
-Let’s continue.
She picks up the pace at her rhythm and he keeps the same rhythm. An imperceptible gesture of surprise gives her the measure of her negative judgment: she didn’t believe the man could keep her rhythm; She looked at his apparent age, the wrinkles in the weathered skin and not the whole sun. Silence towers over. The lavender of the end of summer invades the breath, a sort of sonic complementarity drives the steps of both as they were “in tune”, sweat starts to draw some marks on the shirts, and at the same time it starts to rain. He says :
-Would you accept a breakfast?
She is not even able to think. Her mouth anticipates her:
-Problems with the rain?
His head bends toward the chest in a sign of defeat, a defeat that laugh at his own self:
-No, I just have problems with my prostate, the rest are invitations and time, still some time…

Paris, in the garden where those who entertain don’t know they are being heard, translated and transcribed. 2017 – Maria A. Listur

“Per fare il latte concentrato le mucche chiudono forte gli occhi.”/“In order to make concentrated milk cows close their eyes real hard.”

Dr. Zap

-Cosa è questo profumo che porta? Rose?
-Mmm…
-Rose e ylang ylang?
-Veram…
-Ma sento anche la lavanda o è menta?
-Può…
-Però tutto cambia secondo il ph della pelle vero?
-Sì ma…
-Mi lasci indovinare…
-Certo…
-Ahhh sì! Dietro c’è del limone?
-Dietro dove?
-La prego di non fare delle battute! Lei sa a cosa mi riferisco!
-No…
-Le note profonde del suo profumo!
-Ah!
-Lemongrass! Ecco! Lemongrass!
-Ma…
-E naouli!
-Veram…
-L’ho scoperta! Sapevo che l’avrei scoperta! Me lo confermi!
-Non posso!
-Non faccia la misteriosa!
-Ho buttato la confezione!
-E non si ricorda il nome del profumo che ha finito or ora? Mi faccia il piacere!
-E che non è un profumo…
-Usa delle essenze! Questo alone che percepisco è il rosmarino!
-Una rimanenza di crema dopobarba che mio figlio non usa da anni, me la sono spalmata dappertutto e ora sta piacendo anche a me! Sarà l’effetto rancido?

Parigi, quando il naso altrui fa ridere il profumiere che abita in me!
2016 – Maria A. Listur

 

“In order to make concentrated milk cows close their eyes real hard.”

Dr. Zap

-What’s this perfume that you are wearing? Roses?
-Umm…
-Roses and Ylang Ylang?
-Actually…
-Do I also feel lavender or is it mint?
-It could…
-Though everything changes according to the skin ph right?
-Yes but…
-Let me guess…
-Sure…
-Ahhh yes! Is there lemon behind?
-Behind where?
-I beg you not to do any joke! You know what I am talking about!
-No…
-The profound notes of your perfume!
-Ah!
-Lemongrass! That’s it! Lemongrass!
-But…
-And niaouli!
-Actuall…
-I got you! I knew I would! Come on say it!
-I can’t!
-Don’t play mysterious!
-I have thrown away the box!
-And you don’t remember the name of the perfume that you have just finished? Come on!
-The fact is it is not a perfume…
-You use essences! This halo I sense is rosemary!
-It’s the remaining of my son’s after shave that he hasn’t use in years, I have rub it everywhere and now I am starting to liking it too! Would it be the rancid effect?

Paris, when the other’s nose makes the perfumer in me laugh!
2016 – Maria A. Listur