“La lealtà è un debito, e il più sacro, verso noi stessi, anche prima che verso gli altri.”/“Loyalty is a debt, and the most sacred one, towards ourselves, even before towards others.”


Luigi Pirandello

Siamo di fronte al suo ultimo lavoro; è già pronto per il prossimo, e qui intendo “prossimo” in quanto persone e in quanto successivo impegno.
Qualcuno che lo conosce poco domanda, con una sorte di ingenua superbia (come quella di chi anche conoscendolo di più lo chiama “loco”, pazzo in spagnolo):

– Perché non usa uno schermo nelle sue pièce teatrali? La gente capirebbe meglio, vedrebbe molto di più…

Il silenzio sembra una spugna capace di assorbire ogni colpo. La risposta si fa attendere. Io credo che in questi casi, lui si rallenti ma che non pensi; è la brama – dei sacrifici, delle rinunce, delle genialità che vengono lette come “follie” – che risponde:

– Il giorno in cui farò una pièce di teatro che racconti la storia della televisione sicuramente userò uno schermo.

E nel suo sguardo, quello che scopre linee dove alcuni vedono soltanto punti, si annuncia un sorriso identico a quello che trent’anni fa svelò tutto il mio freddo e lo trasformò in teatro.

Buenos Aires, con il maestro Adrián Blanco,
quando si beve il nostro vino e si mangia il nostro pane.

2018 – Maria A. Listur

 

“Loyalty is a debt, and the most sacred one, towards ourselves, even before towards others.”


Luigi Pirandello

We are in front of his last work; he is ready for the next one, and here I mean “next” as people and as following engagement.
Someone who knows him little asks, with a sort of ingenuous haughtiness (as the one of those that even knowing him more call him “loco”, crazy in Spanish):

– Why doesn’t he use a screen in his theatrical plays? People would understand more, would be able to see much more…

Silence seems a sponge able to absorb every blow. The answer is late to arrive. I believe in this case, he slows down but he doesn’t think; it is the longing – for the sacrifices, for the renouncements, for the genialities that are seen as “craziness” – that he replies:

– The day I’ll do a theatrical play that talks about the story of television I will surely use a screen.

And in his glance, that one that reveals the lines where some see only dots, a smile is announced identical to that one that thirty years ago unveiled the whole of my coldness and transformed it in theatre.

Buenos Aires, with master Adrián Blanco,
when we drink our wine and we eat our bread.

2018 – Maria A. Listur

“L’idea pura, il disegno divino che traluce nell’anima come potenza di destino, diverrà umana realtà quando le coscienze saranno pronte. È l’idea di fedeltà e di eternità, o di unità restauratrice, della originaria coppia umana.”/”The pure idea, the divine retribution that transpires in the soul like a power of destiny, will become human reality when consciences will be ready. It is the idea of loyalty and of eternity, or of restoring unity, of the original human couple.”

Massimo Scaligero

-Grazie ma non posso accettare.
-Pregiudizio?
-Di quale tipo?
-Per la mia età.
-Può darsi… Non lo so.
-Lo sai o non lo sai… Non mi offendi!
-Certo che no! Dal momento che hai pensato all’età, dovrei essere io a sentirmi offesa…
-Non girare la frittata! Hai o non hai problemi di uscire con persone più giovani di te?
-Ho molti amici giovani e non ho mai avuto problemi né a uscire né a entrare…
-Hai dei problemi.
-Se lo dici tu…
-Accetto il no per il fine settimana ma cosa mi dici di una cena a casa mia?
-No.
-Hai dei problemi e hai dei pregiudizi.
-Se credi che ho dei problemi a mangiare da sola con te, t’invito a casa mia come ho fatto con più persone della tua famiglia…
-Il problema è mia madre?
-Tua madre è un’amica, non mi comporta nessun problema.
-Sai che mia madre dice cose orribili di te?
-Mmm…
-Cose che non immagini! Cose che ti farebbero rabbrividire…
-Mmm…
-Ti ho sorpreso eh?
-Mmm…
-Non mi credi? Se non te lo dicevo mi sentivo una merda!
-Molte grazie.
-Sarò giovane ma sono leale.
-Leale?
-Avresti preferito non sapere?
-Scendo qui, buonanotte.
-E la cena?
-Copriti che fa un freddo tremendo!

Parigi quando gela, anche nel caldo degli autobus.
2016 – Maria A. Listur

 

“The pure idea, the divine retribution that transpires in the soul like a power of destiny, will become human reality when consciences will be ready. It is the idea of loyalty and of eternity, or of restoring unity, of the original human couple.”

Massimo Scaligero

-Thanks but I can’t accept.
-Prejudice?
-Of what kind?
-Because of my age.
-Could be… I don’t know.
-You know or you don’t… I won’t be offended!
-Of course not! Since you thought about the age, I should be the offended one…
-Don’t turn things around! Do you or do you not have problems going out with people younger than you?
-I have many young friends and I have never had problems neither going out nor entering…
-You do have problems.
-If you say so…
-I accept the no for the weekend but what do you say about a dinner at my place?
-No.
-You do have problems and prejudices.
-If you think that I have problems eating alone with you, I’ll invite you at my place as I have done with most of the people in your family…
-The problem is my mother?
-Your mother is a friend; it doesn’t cause me any trouble.
-Do you know that she says horrible things about you?
-Umm…
-Things you don’t even imagine! Things that would make you cringe…
-Umm…
-I did surprise you uh?
-Umm…
-You don’t believe me? If I hadn’t told you I would have felt like shit!
-Thanks a lot.
-I might me young but I am loyal.
-Loyal?
-Would you have rather not know?
-I am getting off here, goodnight.
-And the dinner?
-Cover yourself it is tremendously cold!

Paris when it freezes even in the warmth of the buses.
2016 – Maria A. Listur

LEALTÀ/LOYALTY

Arrivata a quello stato dove ogni linea del viso è devota alla storia
domando alla storia
quella piccina, quella di casa
– tra filosofie, fornelli, danza –
(e per fare il miracolo di abbandonare ogni minaccia):

E se lealtà altro non fosse che quel momento in cui lo sconfinato amore
pianta una lama, tra costole devaricate, molto indebolite, quasi spaccate?

E se fiducia altro non fosse che lasciare all’altro il potere di uccidere
almeno una volta, per vedere noi predatori negli occhi di chi guarda?

E se amare altro non fosse che il tramutare la melma e la morte, in grazia?

E la storia risponde, disegnando futuri in questo oggi che a te si prepara:
Vieni, sono a casa…
Cicatrizzata.
Visionaria.
Amata.

Awaji-shi

Gardenie secche di Awaji-shi, Hyogo – Japan
dal giardino delle 100 specie,
piantate dalla madre dal Monaco buddista Koun Nangaku,
poggiate sui piatti Dangi di Omae Sensei

Maria A. Listur, 2016 – Parigi, piove luce.

 

LOYALTY

Reached that state where every line of the face is devoted to history
I asked to the history
The small one, the home one
– between philosophies, stoves, dance –
(and to make the miracle of abandoning every threat):

What if loyalty was nothing but that moment in which the boundless love
Puts a blade, between split ribs, very weakened, almost broken?

And what if trust was nothing but leaving to the other the power to kill
at least once, to see us predators in the eyes of who watches?

And what if loving was nothing but transforming the mud and death, in to grace?

And history replies, drawing futures in this day that is getting ready for you:
Come, I am home…
Cicatrized.
Visionary.
Loved.

Dried gardenia of Awaji-shi, Hyogo – Japan
From the garden of the 100 species,
Planted by the mother of the Buddhist monk Koun Nangaku,
Placed on Dangi plates of Omae Sensei

Maria A. Listur – Paris, 2016, light rains.