My Lady*

“Ma Lei ancora non mi ha detto in cosa/chi crede Signora?”
Rifletto su questa domanda mentre scorrono i titoli di coda di My Lady con Emma Thompson. Le persone intorno a me non si sono alzate, si asciugano le lacrime. Una donna a due poltrone da me interrompe la mia riflessione:

-Cosa ne pensa?
-Di cosa?
-Del finale.
-Veramente riflettevo sul “credere”…
-Ah! E lei, in cosa crede Signora?
-Non ho bisogno di credere.

Alla mia risposta, la donna torna lo sguardo verso lo schermo. Durante il suo silenzio evidentemente riflessivo, la osservo. Ha dei tratti orientali, sembra un’anziana modella di Balthus. Si volta verso di me, dice:

-Anche il personaggio della Thompson sembra una agnostica…
-Non sono agnostica.
-L’è piaciuto il film?
-Prima di tutto è un libro. Poi un film. Ed Emma Thompson è nelle ossa del personaggio.
-Vuole dire bene?
-Voglio dire aderente.

781-BALTHUS.jpg
Balthus – Katya Lisant

Parigi, a cercare parole.
2018 – Maria A. Listur

 

My Lady*

“But madam, you haven’t told me yet what/who do you believe in?”
I am thinking about this question while the final credits of My Lady with Emma Thompson are rolling down. People around me have stood up, drying their tears. A woman two seats from me interrupts my reflection:

-What do you think?
-About what?
-About the finale.
-I was actually thinking about “believing” …
-Ah! And you, madam what do you believe in?
-I don’t need to believe.

To my reply, the woman goes back with her glance to the screen. During her silence evidently reflexive, I observe her. She has oriental features, she looks like a Balthus’ old model, she turns to me, says:

-Thompson’s character as well seems an agnostic…
-I am not agnostic.
-Did you like the movie?
-First it is a book. Then a movie. And Emma Thompson is in the bones of the character.
-Do you mean she is good?
-I mean she is adherent.

Paris, searching for words.
2018 – Maria A. Listur

*The movie’s original title is “The Children Act”

“Parlare del proprio libro è una delle cose più sexy al mondo!”/“Talking about your own book is one of the sexiest thing in the world!”

(Richiesta di Anonimato)

-Lo crede veramente?
-Cosa?
-Che parlare del proprio libro sia sexy.
-Lo credo.
-Marilyn Monroe diceva: “Avere successo è la cosa che ci rende più sexy.”
-Io sono un uomo… Chissà cosa si potrebbe sentire con il seno che aveva la Signora Monroe…
-Lei ha altro.
-Lo dovrebbe chiedere a mia moglie.
-Mi riferivo alla letteratura.
-Lei quanti anni ha?
-Quasi cinquantuno.
-Troppo giovane per comprendere quello che ho voluto dire…
-Lei quanti ne ha?
-Settantotto.
-Sembra meno.
-Anche mia moglie sembra meno e ne ha ottantatré. Trentadue più di lei! Si rende conto?
-Di cosa?
-Che lei dice “quasi cinquantuno” con un’aria di maturità che non è vera… Guardi mia moglie. La vede? Quella donna elegantissima in piedi vicino ai cataloghi di fotografia. Quella è la maturità!
-Siamo due tipi diversi di maturità…
-Non mi faccia ridere!
-Mi può dire cosa intende?
-Non intendo niente! Io so! La maturità è quello stato dove le risorse conosciute sono crollate e rimane soltanto la luce.
-E secondo lei, esiste un tempo per quello stato?
-Il corpo deve andare oltre il concetto del bello che la società impone…
-Simile all’anonimato ma, interiore… Che ne pensa?
-Sì… Una specie di anonimato della carne.
-Vuol dire che la maturità sarebbe una conseguenza temporale?
-Una parte è conseguenza temporale di un cambiamento inimmaginabile, e un’altra parte è conseguenza del lavoro quotidiano nell’accoglienza.
-Accoglienza?
-Di ciò che non sapevamo saremo diventati.
-Perché ha usato la parola sexy?
-Perché nessuno l’associa alla maturità o all’anzianità.
-Infatti, lei l’ha associata alla letteratura…
-Da qualche parte si deve incominciare.
-Accoglieremo con grazia la vecchiaia?
-Non lo so. Io ho potuto farlo grazie a mia moglie. In termini più generali so che non avrò il tempo di vederlo nella società… E se succederà, e lei sarà ancora viva – soltanto in quel momento – sveli il mio nome.

Parigi, quando un grande scrittore mi fa dono di un sentiero anonimo. 2015 – Maria A. Listur

 

“Talking about your own book is one of the sexiest thing in the world!”

(Request of Anonymity)

-Do you really believe it?
-What?
-That talking about your own book is sexy.
-I do.
-Marilyn Monroe used to say: “Having success is the thing that makes us the sexiest.”
-I am a man… Who knows how could us feel with Mrs. Monroe’s breasts…
-You have something else.
-You should ask my wife.
-I was referring to literature.
-How old are you?
-Almost fifty-one.
-Too young to understand what I meant to say…
-How old are you sir?
-Seventy-eight.
-You seem less.
-My wife as well seems younger she is eighty-three. Thirty-two more than you! Can you believe it?
-What?
-That you said “almost fifty-one” with a tone of maturity that is not real… Look at my wife. You see her? That very elegant woman standing next to the catalogs of photography. That’s maturity!
-We are two different types of maturity…
-Don’t make me laugh!
-Can you tell me what do you mean?
-I meant nothing! I just know! Maturity is that state where the known resources just collapsed and there is only light left.
-And according to you, is there a time for that state?
-The body has to go beyond the concept of beauty that society imposes…
-Similar to the anonymity but, interior…Don’t you think?
-Yes… A sort of anonymity of the flesh.
-Do you mean to say that maturity is a temporal consequence?
-A part is temporal consequence of an unimaginable change, and another part is the consequence of the daily work of the acceptance.
-Acceptance?
-Of what we didn’t know we would become.
-Why did you use the word sexy?
-Because no one associates it with maturity and age.
-In fact you have associated it to literature…
-We have to start from somewhere.
-Will we accept with grace the old age?
-I don’t know. I was able to do it thanks to my wife. In more general terms I know that I won’t have time to see it in society… And if it will happen, and you will still be alive – only in that moment – you can reveal my name.

Paris, when a great writer donates me an anonymous path. 2015 – Maria A. Listur