22 Agosto di chissà quale anno…/August 22 of who knows what year…

… sempre piccola tu, qualcosa in più che vecchia,
nobile quanto un pezzetto di quel pane
ancora caldo. Terra tu, distanza e oro!
Raccoglievi figli, chitarre, animali
per il tuo vero zoo, per il sogno e anche per me.
Dall’orbita dei tuoi alloggi, alla soglia
del giardino dei miei morti, ricevo ancora
le tue lettere, rinnovato e uguale il tuo saluto,
mi richiama alla presenza, alla costanza,
alla madre che risuona nella lingua:
“Aquí me tienes, cuenta conmigo. Tu abuela.”

DSCN1048.jpg
Evocazione/Evocation, 2006

Parigi, in celebrazione del mio reperibile eterno.
2019 – Maria A. Listur

 

August 22 of who knows what year…

… Always so small you were, something more than old,
noble as much as a piece of that bread
still warm. Earth you were, distance and gold!
You gathered sons, guitars, animals
for you real zoo, for the dream and for me as well.
From the orbit of your accommodations, to the doorstep
of the garden of my deads, I still receive
your letters, renewed and equal your greeting,
it calls me back to the presence, to the constancy,
to the mother that resounds in the idiom:
“Aquí me tienes, cuenta conmigo. Tu abuela.”
(You have me here, count on me. Your grandma)

Paris, in celebration of my eternal reachable.
2019 – Maria a. Listur

“Le conversazioni diverranno interessanti ai primi segni della fine del mondo.”/“Conversations will become more interesting at the first signs of the end of the world.”

Stanisław Jerzy Lec

-Ora mi darà la sua opinione su questo champagne?
-Non sono un’esperta…
-Non si preoccupi, usi il suo linguaggio… Mi dica.
-Preferirei adattarmi al suo. Cosa sembra a lei?
-Io direi… Con il mio linguaggio?
-Con il suo.
-Questo champagne è il tipo che fa venire un’erezione.
-(Gli occhi spalancati non fanno rumore)
-L’ho gelata!
-(Il mento che si piega verso il petto non emette suono)
-Immaginavo di farla ridere… Nessuna persona immagina che uno come me possa parlare in questo modo eh?
-(Il mento che si solleva dal petto vibra, quasi geme)
-Tacerà per sempre?
-Sto cercando di adattarmi al suo linguaggio, glielo chiesto io.
-Sa prendersi le sue responsabilità, molto interessante!
-Sì.
-Cosa le sembra questo champagne?
-Mi solleva dalla terra, infatti lei mi sta vedendo qui tuttavia io sono già partita, sono a casa, a Parigi. Sparita.
-Brutta parola per un’argentina.
-Grazie per usare la dolcezza di ricordarmi qualcosa che stranamente dimentico.
-Prego… Mi dispiace. Ho voluto fare il simpatico e il nervosismo mi ha tradito.
-(Il collo che gira verso destra nella ricerca di una forma di ossigeno che non sia aria lascia presagire una certa contrattura)
-Mi può scusare?
-Già scusato.
-L’ho disgustata?
-No. Sono amante della genuinità.
-Ora non comprerà mai più un mio disco!
-Si sbaglia, li voglio continuare a comprare e vorrei riascoltare tutto il suo lavoro più volte, e mi scusi per la parola, vorrei farlo in modo “scientifico”.
-Vuole ascoltare nel mio tocco quello che malamente ho espresso in parole?
-No, vorrei comprendere come mai non ho percepito “l’effetto champagne”.
-Linguista?
-Vecchia.

Certi concertisti, de-concertano e ri-concertano, concertando.
2016 – Maria A. Listur

 

“Conversations will become more interesting at the first signs of the end of the world.”

Stanisław Jerzy Lec

-Will you tell me now your opinion about this champagne?
-I am not an expert…
-Don’t worry, use your words… Go ahead.
-I’d rather adapt mine to yours. How is it for you?
-I’d say… With my words?
-With yours.
-This champagne is the type that makes you have an erection.
-(Eyes wide open do not make any sound)
-I have shocked you!
-(The chin that bends towards the chest doesn’t make any sound)
-I imagined that I would have made you laugh… No one can imagine that one like me could talk in this way uh?
-(The chin raises from the chest vibrates, almost moaning)
-Will you be silent for ever?
-I am trying to adapt to your words, I have asked you for it.
-You can take your own responsibilities, very interesting!
-Yes.
-What do you think about this champagne?
-It lifts me up from the ground, in fact you see me here however I have already left, I am at home, in Paris. Disappeared.
-Bad word for an Argentinean.
-Thank you for reminding me something that strangely I forget.
-You are welcome… I am sorry. I wanted to be nice but nervousness has betrayed me.
-(The neck that turns toward his left in search of a form of oxygen that is not air lets us bode a sort of contraction)
-Can you excuse me?
-I already have.
-Have I disgusted you?
-No. I love authenticity.
-Now you won’t ever buy my record!
-You are wrong, I want to keep on buying them and I would like to hear all your work many times, and excuse my word, I’d like to do it “scientifically”.
-Do you want hear in my touch what I have badly expressed in words?
-No, I’d like to understand how come I haven’t perceived your “champagne effect”.
-Linguist?
-Old.

Some concert artists, de-concert and re-concert, concerting.
2016 – Maria A. Listur

Linguaggio/Language

Riguardo a ogni senso:
Tutti di lava e bagliore.

Oramai disponibile.
M’inchino, mi sciolgo.
Mi consumo, mi perdo.

In te!
Unico uomo.
Assoluto, costante.
Irrimediabile e netto.

Per te!
Dal salto, rifletto.
Mi prostro viziosa.
Inquisente, attraverso.

Dett.Desidera-1

Dett. Desidera – Sideral 2011 – Maria A. Listur

Roma, in abbandono accompagnata.
2014 – Maria A. Listur

 

Language

Regard to each sense:
All of lava and glare.

By now available.
I bow, I melt.
I consume, I get lost.

In you!
Only man.
Absolute, constant.
Irremediable and sharp.

For you!
From the leap, I reflect.
I viciously bow.
Interrogating, I cross.

Rome, in abandon accompanied.
2014 – Maria A. Listur

Illimitata/Limitless

Sovente sono i silenzi a parlare:
danno spazio alle memorie,
lanciano ponti ai linguaggi,
annodano parole,
portano frasi.
Falsamente.
Quelli che eravamo,
trascinano
l’ieri
l’avant’ieri
l’altro ieri
ancora prima.
È àncora, la notte dei tempi.

Dettaglio-DesideraRouge
Dettaglio Sideral Rouge – 2010 – Maria a. Listur

Su un aereo,
quando l’amore mi salta tra le labbra
come fosse una rosa,
con le sue spine e tutto il fogliame.
2013 – Maria A. Listur

 

Limitless

Often the silences are the ones to talk:
they give space to memories,
throw bridges to the languages,
bind words,
carry sentences.
Falsely.
What we were,
they drag
the yesterdays
the day before
the day before yesterday
and before.
It’s anchor, the dawn of time.

On a plane,
when love jumps on my lips
as if it was a rose,
with its thorns and all its foliage.
2013 – Maria A. Listur