MEMORIE/MEMORIES

A fior di pelle

sospese nell’invisibile

vengono quando vogliono

congedandosi a piacere.

Animi gentili coloro che 

per non sommergerle

le sospendono 

quotidianamente

nei paesaggi mai netti

delle proprie abitudini.

Chez moi/At my place. © 

Parigi, nel ricordo di ogni presente.

2021 – Maria A. Listur 

MEMORIES

On edge
suspended in the invisible
they come when they want
discharging at will.
Gentle souls those that
not to submerge them
suspend them
daily
in the never sharp landscapes
of their own habits.

Paris, in the memory of each present.
2021 – Maria A. Listur

MURARE/WALLING

Ho delle crepe nate da certe memorie.
Ho degli ossidi sorti da feconde lacrime,
forme ghiotte di bruma, incarnate,
talune isolate.
Ho bizzarri abbandoni di flessuosa importanza,
impegnati tuttora a farmi da specchio
a ribadire il silenzio di ogni mattone
tutti quanti, sollevati dal petto.

MURI1.jpg

MURI3.jpg

MURI/WALLS I/2 et T. Lautrec – 2015, Paris – Porcelaine et Cendres/Porcelain and Ashes

Parigi, quando il sole sembra una rosa.
2018 – Maria A. Listur

 

WALLING

I have some cracks born from certain memories.
I have some oxides risen up from fecund tears,
forms eager of haze, embodied,
some isolated.
I have odd abandons of agile importance,
still active in acting as a mirror for me
in reiterating the silence of each brick
all of them, lifted from the chest.

Paris, when the sun seems like a rose.
2018 – Maria A. Listur

Alle metropoli dove, secondo James Hillman, “si fa anima”…/To the Metropolis Where, According to J. Hillman, “The Soul is Made”…

Riconosco la penuria della tua assenza
Nel frastuono dei silenzi obbligati
Nella critica feroce di chi dice d’abitarti
Negli occhi di chi annuncia “sto arrivando”
Nella rabbia che si lega alla campagna
Nella pena dei bambini senza scelta
In chi compra territori a due musei
– o il cinema lo vede più a casa –
In chi non sceglie poiché è senza scelta
In chi sceglie scappa arriva torna canta.
So che sai di memorie assai obliate,
Che sei origine utero causa. Sempre ala
Che richiami come un’àncora, le tue barche
– senza smuovere troppo le tue acque –
Che raccolto eterno di bellezza offri
E vederlo è privilegio d’ogni anima
Che non esiste chi distrugga la tua eco
Perché sai aspettare inginocchiata
Il rinnovo della tua voce mai annientata.

E ovunque io vada
da dentro
mi culli
delicata.

Mondi-3-7MONDI 3/7 – 2013 – MARIA A. LISTUR

In viaggio,
quando gli occhi cambiano ogni prospettiva,
dadno spazio alla circolarità.
2013 – Maria A. Listur


To the Metropolis Where, According to J. Hillman, “The Soul is Made”…

I recognize the sorrow of your absence
In the uproar of the obliged silences
In the ferocious criticism of who says to inhabit you
In the eyes of who announces “I am coming”
In the rage of who ties himself to the countryside
In the suffering of the children with no choice
In who buys the land from two museums
– or watches the cinema more in his house –
In who doesn’t choose because he has no choice
In who chooses runs arrives returns sings.
I know you know of memories long forgotten,
That you are origin uterus cause. Always wing
That you recall as a an anchor, your boats
– without rocking too much your boat –
What eternal story of beauty you donate
And to see it is a privilege of each soul
That it doesn’t exist who destroys your echo
Because you can wait knelt down
The renewal of your voice never annihilated.

And every where I go
from inside
you cuddle me
delicate.

On a journey,
when the eyes change each perspective,
giving space to circularity.
2013 – Maria A. Listur

Ancoraggio/Anchoring

Salvaguardami dalla tua sete
O perlomeno
Trasformami nel nostro fiume.

Difendimi dalla tua ruggine
O se non altro
Corrodi la mia armatura.

Tutelami dalla tua furia
O almeno
Componi il senso del tuo grido.

Riparami nella tua assenza
O come minimo
Lascia memorie nella mia mano

Mondi-1-7

Mondi – 1/VII – 2010 – Maria A. Listur

Roma, albero e fiore che sembri città. 2013 – Maria A. Listur

 

Anchoring

Defending myself from your thirst
Or at least
Transform myself in our river.

Defend me from your rust
Or if not
Corrode my armor.

Uphold me from your fury
Or at least
Compose the sense of your scream.

Shelter me in your absence
Or at least
Leave memories in my hand

Rome, tree and flower that seem a city. 2013 – Maria A. Listur