“L’anima funziona dentro il corpo, ma la maggior parte delle sue funzioni sono fuori dal corpo… fuori dal corpo immagina molte cose della più straordinaria profondità, proprio come fa Dio.”/“The soul functions within the body, but for most of the time its functions are outside the body… outside the body it imagines many things of the most extraordinary profoundness, as God does.”

Carl G. Jung

-Come si sente ?
-Bene.
-Bene?
-Sì. Bene.
-Può specificare?
-Mi potrebbe dire se la specificazione deve avere la forma della comparazione, della descrizione realistica, della metafora, dell’aggettivaz…
-Quello che le viene in mente.
-Mmm…
-Quindi…
-Mmm…
-Niente?
-Alla mente non mi viene niente, la prima cosa che ho ascoltato nella sua richiesta è la pelle, e la pelle in contatto con…
-Con cosa?
-Un tavolo.
-Tavolo?
-Un tavolo mentre si sta apparecchiando, sento le porcellane tra le dita, e poi la brillantezza degli argenti, i fiori, gli aromi… Ascolto lo scivolare di ogni cosa.
-È sua la tavola?
-È la mia vita. Oggi.

766.jpg

 2017/18, chez nous

Parigi, quando ogni analisi è un invito.
2018 – Maria A. Listur

 

“The soul functions within the body, but for most of the time its functions are outside the body… outside the body it imagines many things of the most extraordinary profoundness, as God does.”

Carl G. Jung

-How do you feel?
-Fine.
-Fine?
-Yes. fine.
-Can you specify?
-Could you tell me if the specification has to be in the form of the comparison, of the realistic description, of the metaphor, of the adjectivization…
-Whatever comes to your mind.
-Umm…
-So…
-Umm…
-Nothing?
-Nothing comes to my mind, the first thing I have felt from your request is the skin, and the skin in contact with…
-With what?
-A table.
-Table?
-A table while it’s being set, I can feel the ceramics between my fingers, and then the brightness of the silverware, the flowers, the aromas… I listen to the gliding of each thing.
-Is it your table?
-It is my life. Today.

Paris, when each analysis is an invitation.
2018 – Maria A. Listur

DI CANDORI, FATTA/OF CANDOR, MADE

Spesso mi sembra di aver bisogno di poco,
di economizzare, di trattenere solo quel che serve
fintantoché non incontro:
la sete di chi si è seduto accanto al fiume,
la tristezza di chi mente,
la solitudine dei vizi,
la paura dietro il dimenticare,
la morte che sembra vita.
Mi sembra… Fintantoché.

661-Saint-Remy

Daniela Ciotola ph, 2016 – Villeneuve Les Avignon

Parigi di pioggia, come stelle cadenti.
2016 – Maria A. Listur

 

OF CANDOR, MADE

Often it seems to me that I am in need of little,
of economizing, of holding only what is necessary
until I meet:
the thirst of who is sitting next to the river,
the sadness of who lies,
the loneliness of the vices,
the fear behind the forgetting,
the death that seems life.
It seems to me… Until.

Paris of rain, like shooting stars.
2016 – Maria A. Listur

QUASI MEDITARE/ALMOST MEDITATING

Osservazione nitida dentro quel fiore
che è mente
e mente.
Scorrere lentamente dentro quel fiume
che è vuoto
e svuota.

Giverny-618

Giverny – Il ruscello di Monet. 2015 – Personal Collection

Parigi, l’inverno conduce. 2016 – Maria A. Listur

 

ALMOST MEDITATING

Clear observation inside that flower
which is mind
and minds.
Slowly flowing inside that river
that is the emptiness
and empties.

Paris, winter leads. 2016 – Maria A. Listur

“Tutte le parole cercano di raggiungere qualcosa che fugge.”/“All the words try to reach something that runs away.”

Pascal Quignard

-Glieli dettano?
-Che cosa?
-I testi.
-Non stavamo parlando della pittura?
-Sì ma… Lei si mette a prendere appunti!
-Perché non vorrei dimenticare qualche cosa che mi è venuta in mente mentre lei sta pensando e…
-E mi distrae!
-Mi scuso. Stavo tentando il contrario, non volevo interromperla con il suono…
-Invece mi ha portato da un’altra parte!
-Continuiamo con la pittura?
-No. Mi è venuta in mente la scrittura e preferisco seguire l’istinto.
-Va bene. Mi dica.
-Quello che scrive sente che glielo dettano?
-Penso che ogni cosa sia un dettato ma non nel senso che dicono alcuni…
-Vuole dire, ascoltare delle voci?
-Sì.
-E cosa intende per dettato allora?
-Qualcosa di musicale, di corporeo… Un movimento che poi si traduce in scritto o dipinto o…
-E tutto è lo stesso?
-Il risultato è differente ma la fonte è la stessa.
-Qualcosa d’animico?
-Qualcosa non lo è?
-Mm… Corpo e mente, anima e corpo…
-No. Non riesco a scindere e non sono tifosa di queste definizioni.
-Linguaggio calcistico?
-Linguaggio riduzionistico.
-Non sembra la stessa persona che scrive, neanche quella che dipinge o quella che…
-La prego di non definirmi secondo la somma di quello che di me conosce.
-Tento di farmi un’idea precisa del suo lavoro, come lei ha tentato di non interrompermi…
-Siamo verso una strada di profonda frustrazione.
-Non esiste un’idea precisa o lei è brava a interrompere?
-Sta confrontando ed io non ho uno spirito competitivo.
-Abbandonerà il gioco?
-Cambierò gioco.
-Vediamo. E cosa propone?
-Un piatto di lenticchie con curry di verdura, Malbec argentino e pane azzimo fatto da me. Accetta?
-Ha vinto.
-Abbiamo vinto.

Roma, dove si può conquistare il vuoto. 2015 – Maria A. Listur

“All the words try to reach something that runs away.”

Pascal Quignard

-Does anybody dictate them to you?
-What?
-The texts.
-Weren’t we talking about painting?
-Yes but… You started taking notes!
-Because I wouldn’t want to forget something that came to my mind while you were thinking and…
-And you distract me!
-I apologize. I was trying the opposite, I didn’t want to interrupt you with the sound…
-As a matter of fact you brought me to another place!
-Shall we continue with the painting?
-No. Writing came to my mind and I’d rather follow my instinct.
-All right. Tell me.
-What you write do you feel that somebody dictates it to you?
-I think that everything is a dictation but not in the sense that someone says…
-You mean, listening to voices?
-Yes.
-And what do you mean by dictation then?
-Something musical, corporeal… A movement that afterwards translates in writing or painting or…
-And is it all the same?
-The result is different but the source is the same.
-Something of the soul?
-Is there something that isn’t?
-Mm… Body and soul, soul and body…
-No. I can’t differentiate and I am not a fan of those definitions.
-Soccer language?
-Reductionistic language.
-You don’t seem the same person that writes, neither the one that paints nor the one that…
-I beg you not to define me according to the sum of what you know about me.
-I am trying to get a precise idea of your work, as you tried not to interrupt me…
-We are heading towards a road of profound frustration.
-Doesn’t it exist a precise idea or you are just good interrupting?
-You are confronting and I don’t have a competitive spirit.
-Will you abandon the game?
-I’ll change the game.
-Let’s see. What do you propose?
-A meal with lentils with curry and vegetables, Argentinean Malbec and leavened bread made by me. Do you accept?
-You won.
-We won.

Rome, where emptiness can be conquered. 2015 – Maria A. Listur