“La società nel suo insieme perseguita ogni individuo attraverso innumerevoli meccanismi di disciplina.”/“The whole of society pursues on each individual through innumerable mechanisms of discipline.”

Michel Foucault

– La ringrazio.
– Di cosa?
– Per lo sguardo, per il riguardo.
– Ho soltanto risposto al saluto.
– In alcune professioni lo sguardo degli altri non è altro che una richiesta, il suo non chiede niente.
– Mmm…
– … e non so chi sia Lei ma, Lei sa chi sono io. Vero?
– Certo. So chi è.
– Dunque, grazie ancora.
– Temeva che non l’avessi riconosciuto?
– No.
– Altro champagne?
– Glielo faccio portare.

Centinaia di occhi stanno aspettando che lui alzi la mano per chiedere qualcosa. Lui alza la mano destra, e come fosse un tasto di una tastiera aerea che comanda l’azione altrui, arriva una ragazza che splende di tutta la fame di riconoscimento, di ogni mondo. Alla sillaba “cham…”, la giovane abbassa la testa e cammina lentamente, corre col cuore, per l’onore di servire un uomo che detiene quel tipo di successo che ora è fama. Penso tutto questo e vorrei appuntare, scrivere sulle diverse forme di successo, di fama, di popolarità però allora, e ora, scelgo di rimanere nel dialogo grazie al ricordo di Foucault:

– Voglio brindare per Lei, per la sua distanza.
– Distanza?
– Negli occhi, gliela vedo.
– Ha notato l’astigmatismo?
– Ho notato che guarda lontano. Cosa guarda?
– Tento di fare fuoco… e mi distraggo nell’impossibilità.

Parigi, all’inizio delle feste di fine anno, come fossero fine tempo.
2019, Maria A. Listur

 

“The whole of society pursues on each individual through innumerable mechanisms of discipline.”

Michel Foucault

– I thank you.
– For what?
– For the look, for the attention.
– I have just replied to an acknowledgement.
– In some professions the other’s look is nothing but a request, yours doesn’t ask for anything.
– Umm…
– … and I don’t know who you are but, you know who I am. Right?
– Sure. I know who you are.
– Therefore, thank you again.
– Were you afraid I hadn’t recognized you?
– No.
– More champagne?
– I’ll have it brought for you.

Hundreds of glances are waiting for him to raise his hand to ask for something. He raises his right hand, and as if it was a key on an aerial keyboard that commands other’s actions, a girl arrives shining of all the craving of acknowledgement, of every world. At the syllable “cham…”, the youngster bows her head and walks slowly, running with her heart, for the honor of serving the man who holds that kind of success that now is fame. I think about all this and I would like to take notes, write down about the different types of success, of fame, of popularity but then, and now, I choose to remain in the dialogue thanks to the recollection of Foucault:

– I want to make a toast for you, for your distance.
– Distance?
– In the eyes, I can see it.
– Have you noticed my astigmatism?
– I have noticed that you see far ahead. What do you see?
– I try to focalize… and I get distracted by the impossibility.

Paris, in the beginning of the end of the year’s festivities, as they were end of time.
2019, Maria A. Listur

“All’inizio di questo secolo le ricerche psicoanalitiche, linguistiche e poi etnologiche hanno spossessato il soggetto delle leggi del suo piacere, delle forme della sua parola, delle regole della sua azione, dei sistemi dei suoi discorsi mitici.”

Michel Foucault

-Mitica!
-In quale senso?
-Vedi il futuro!
-No!
-Accettalo! Tu leggi il futuro!
-No!
-Accetta che anticipi.
-Accetto che qualche volta, non so come né perché, ho qualche prospettiva “anticipatoria”…
-Che meraviglia!
-Per chi?
-Per chi ti frequenta!
-Meraviglia vivibile non oltre i tre giorni… Chiedilo ai miei amori.

Dove gli occhi della giovinezza non coincidono con l’età.
2019 – Maria A. Listur

 

 

“In the beginning of this century the psychoanalytic, linguistic and ethnologic researches have dispossessed the subject of the laws of his pleasure, of the forms of his word, of the rules of his action, of the systems of his legendary speeches.”
Michel Foucault

-Great!
-In what way?
-You see the future!
-No!
-Accept it! You see the future!
-No!
-You have to admit that you anticipate.
-I admit that sometime, I don’t know how or why, I have some sort of “anticipatory” perspective…
-How wonderful!
-For who?
-For those who go out with you!
-A wonder that can be bear no more than three days… Ask my lovers.

Where the eyes of the youth do not coincide with age.
2019 – Maria A. Listur