Percezione/Perception

Divora nei meandri delle sue proiezioni,
allude un sentire delle allodole
piegata al soggetto-oggetto
scivolosa, emotiva, spietata, sola.

Somiglia spesso a qualche affetto
di sbadataggine malato e perso
la si ascolta nella febbre viva di finzioni:
logorroica, misera, urlante, golosa.

Dovere è nutrirla insegnandole l’igiene,
evitare l’assalto alla dispensa
di quel sapere che chiamano coscienza.

La si dovrebbe pregare ancora, ora e sempre:
Lascia la presa! Siamo stanchi, più teneri,
maturi, dolci, morbidi… Quasi austeri.

Mondi-6-VII

Mondi – 6/VII – 2013 – Maria A. Listur

Roma, nata dietro l’angolo dove i baci sono eterni.
2013 – Maria A. Listur

 
Perception

It devours in the meanders of its own projections,
alludes a feeling of the larks
bended to the subject-object
slippery, emotional, ruthless, alone.

It often seems like some affection
of thoughtlessness sick and lost
It is listened in the fever alive with fictions:
long-winded, miserable, screaming, greedy.

The duty is to nourish it teaching it the hygiene,
avoid the attack to the pantry
of that knowledge that we call conscience.

It should be prayed again, now and forever:
Let it go! We are more tired, tenderer,
mature, sweet, soft… Almost austere.

Rome, born behind the corner where the kisses are eternal. 2013 – Maria A. Listur