“L’individualismo moderno si riduce a reputare personali e proprie le opinioni condivise da tutti.”/“The modern individualism reduces itself in considering personal and own the opinion shared by everybody.”

Nicolás Gómez Dávila

-Le racconto cosa faccio.
-Come desidera.
-Allora io… (CV di persona sui tra i 50-60 anni della durata di 27 minuti). Ora mi dica di lei.
-Non ho molto da dire, sono qui perché volevo incontrarla. Dopo aver letto tutto quello che esiste su di lei, ho pensato che se per lavorare con lei fosse stato necessario studiare nella sua scuola, sarei diventata sua allieva.
-Molto umile dalla sua parte.
-Umile?
-Sì… La gente non vuole apprendere niente. Soprattutto i giovani!
-Veramente?
-Veramente. E non parliamo dell’invidia che provano per il sapere altrui!
-Mm…
-Allora… Lei cosa vorrebbe?
-L’ho contattata per il piacere di comunicare, trovare collaborazioni, punti di condivisione.
-Lei pensa sia possibile collaborare senza entrare in competizione?
-Stiamo già collaborando…
-(Sorriso di chi non ci crede) Grazie ma… Quanto è difficile capirsi…
-Io trovo più difficile esprimermi.
-Abbiamo già studiato tanto…
-Io no.
-Abbiamo un’esperienza talmente grande!
-Io non mi sento molto esperta e se lo sentissi me ne andrei a cercare inesperienza da qualche parte!
-Che sofferenza!
-Ahh…
-La gente non comunica veramente, non si incontra…
-Mmm…
-E quando uno sta bene con le persone più care perché cercare altro?
-Mmm…
-Quindi, lei cosa vorrebbe?
-Ora, andare.
-Ma… Non mi ha detto molto di lei.
-Trova tutto su Internet.
-Anche su di me trova tutto.
-Grazie…
-A presto allora… Riflettiamo e vediamo come incontraci.
-Buon pomeriggio.

Parigi, quando l’autunno è una questione personale. O del dialogo? 2016 – Maria A. Listur

 

“The modern individualism reduces itself in considering personal and own the opinion shared by everybody.”

Nicolás Gómez Dávila

-I am going to tell you what I do.
-As you wish.
-So, I… (Curriculum of a person 50-60 years old lasting 27 minutes). Now tell me about you.
-I don’t have much to say, I am here because I wanted to meet you. After reading all there is about you, I thought that if to work with you it was necessary to study in your school, I would become your student.
-Very humble of you.
-Humble?
-Yes… People don’t want to learn anything. Especially youngsters!
-Really?
-Really. And let’s not talk about the envy that they have for other’s knowledge!
-Mm…
-So… What do you want?
-I have contacted you for the pleasure of communicating, finding collaborations, exchange points of view.
-Do you think it can be possible to collaborate without getting in to competition?
-We are already collaborating…
– (Smile of who doesn’t believe so) Thanks but… How difficult is to understand each other…
-I rather find it more difficult to express myself.
-We have studied so much already…
-I haven’t.
-We have such a huge experience!
-I don’t feel very much experienced and if I would have felt otherwise I would go and look for inexperience somewhere!
-So much suffering!
-Ahh…
-People don’t really communicate, they don’t meet…
-Mmm…
-And when someone is well with the people that are dear to him why look for others?
-Mmm…
-So, what do you want?
-Now, I want to go.
-But… You haven’t told me anything about you.
-You can find everything on the Internet.
-And you can find everything about me as well.
-Thanks…
-See you soon… Let’s think it over and see how we can meet.
-Good afternoon.

Paris, when autumn is a personal matter. Or of the dialogue? 2016 – Maria A. Listur

“Il mondo è un sistema di equazioni che burrasche di poesia agitano.”/”The world is a system of equations that storms of poetry agitate.”

Nicolás Gómez Dávila

-Hai chiamato “amore” alla persona al telefono o non ho capito la lingua?
-Sì. L’ho chiamata “amore”.
-Posso chiederti di chi si tratta?
-Una carissima amica.
-E tu la chiami “amore”?
-Sì.
-E ai tuoi amici, come li chiami?
-“Amore” “Tesoro” “Stella” “Prezioso o Preziosa”; in spagnolo uso anche “…
-Ho capito! Ho capito.
-Anche io ho capito.
-Sai che non si tratta di gelosia.
-Lo so.
-L’omologazione mi ha sempre disturbato in ogni contesto, in ogni ambiente.
-Capisco.
-E sai bene che non vorrei cambiassi le tue abitudini causa la mia scomodità.
-Lo so.
-Certo è che sarà un po’ difficile recepire la differenza di sentimento quando userai le stesse parole affettuose per riferirti a me…
-Non sono le stesse parole.
-Non sono nello stesso idioma ma sono le stesse, anche il suono sembra simile.
-Per me non sono le stesse parole perché in ognuna c’è una costruzione affettiva completamente differente.
-Allora da musicista ti direi che dovresti fare più evidente quella differenza, e non mi riferisco soltanto alla melodia che già è nella diversità della lingua, né al ritmo che è ossatura della pronuncia ma…
-Meglio dimmi come vuoi che io ti dica “mon coeur” ed io te lo dirò.
-Meglio che lo dici come vuoi, nella speranza che io senta la differenza.
-Quindi, non la noti… In assoluto?
-Sì, la noto ma…
-Ma?
-A me, tutta questa tua democrazia amorosa mi crea un po’ di scomodità.
-E mi stai chiedendo che io ti renda comoda?
-Sì.
-Ci proverò.
-Suona come una minaccia.
-Non lo è.
-Dimmi come lo pronuncerai.
-Dirò “mon coeur” sussurrando, nessuno saprà che te l’ho detto.
-Questo è rigidità amorosa travestita da disponibilità amorosa!
-Sempre amorosa è!
-Bene… Allora… Ogni volta che incontrerò delle persone che ti conoscono le saluterò dicendo: “Ciao Amore”!
-Sei troppo simpatica!
-No! Sono la Gelosa Amorevole!

In un luogo della memoria che non smette di divertirsi con le banalità…
2016 – Maria A. Listur2016 – Maria A. Listur

 

“The world is a system of equations that storms of poetry agitate.”

Nicolás Gómez Dávila

-You have called “love” the person on the phone or didn’t I understand the language?
-Yes. I’ve called her “love”.
-Can I ask you who is it?
-A very dear girl friend.
-And you call her “love”?
-Yes.
-And your friends, how do you call them?
-“Love” “Treasure” “Sweetie” “Precious man or Precious woman”; in Spanish I also use “…
-I get it! I get it.
-I get it too.
-You know is not about jealousy.
-I do.
-Homologation has always disturbed me in every contest, in every place.
-I understand.
-And you well know that I wouldn’t want you to change your habits due to my unease.
-I do.
-Sure it will be a bit difficult to recognize the difference of emotion when you will use the same loving words to refer to me…
-Those are not the same words.
-They are not in the same idiom but are the same, even the sound is similar.
-To me those are not the same because in each one there is an emotional construction completely different.
-Then as a musician I’d say that you should make that difference more evident, and I am not only talking about the melody that is already in the diversity of the language, neither to the rhythm that is bone structure in the pronunciation but…
-It’s better to tell me how do you want me to tell you “heart of mine” and I will.
-It’s better if you tell it as you whish, in the hope that I feel the difference.
-Therefore, you don’t notice it… In absolute?
-Yes, I do but…
-But?
-To me, all this loving democracy makes me unease.
-And you are asking me to make it comfortable?
-Yes.
-I’ll try.
-It sounds like a threat.
-It isn’t.
-Tell me how will you pronounce it.
-I’ll say “heart of mine” whispering, no one will know that I have said it.
-This is loving rigidity disguised in loving openness!
-Well it is loving anyway!
-Well… Then… Every time I am going to meet someone who knows you I’ll greet them saying: “Ciao Love”!
-You are too funny!
-No! I am the Loving Jealous!

In a place of the memory that can’t stop having fun with superficialities…
2016 – Maria A. Listur