FRAMMENTI, SENZA DISCORSO/FRAGMENTS, WITHOUT CONVERSATION

E si crede di sentire il proprio sentire
Mesti figli dell’insegnamento all’oblio
Ignoranti di una lingua per dire “amore”
Che come trottole cerchiamo dove posare
Mani, umori, nostalgie, baci, e altre
Manovre afflitte dell’infante afflitto
Che nessun discorso, amoroso o vero
Potrà sanare senza radere al suolo
L’imposizione al dover fare i perfetti.

Amore-e-Psique-Marmottan

Amore e Psiche – Museo Marmottan, Parigi

Parigi, in danzato ascolto.
2015 – Maria A. Listur

 

FRAGMENTS, WITHOUT CONVERSATION

And we think that we are feeling what we are
Sad sons of the teaching to the oblivion
Ignorant of a language to say “love”
That like tops we look for where to lay
Hands, humors, nostalgias, kisses, and others
Maneuvers afflicted of the afflicted infant
That no speech, amorous or real
Will be able to cure without tearing down
the imposition of having to be perfect.

Paris, in dancing listening.
2015 – Maria A. Listur

SORPRESE/SURPRISES

La mia nostalgia abitava:
nella maternità di ogni aeroporto
nella città degli argentei cieli,
nella solitudine a prescindere,
nel fiume che ospita un isola,
nelle voci strascicate nella gola,
nell’innocenza di credersi senza casa,
in un acre aroma quasi perenne,
nel cuore di chi dice “Ti amo”…
Finché,
dopo una spolverata di ogni piuma
– quelle per scrivere quindi di ogni ala –
le case della nostalgia si sono avverate.
E perfino le minime distanze:
sfumate!

Percorso-iV

Percorso IV – 2015 – Maria A. Listur

Parigi, mentre si ringrazia.
2015 – Maria A. Listur

 

SURPRISES

My nostalgia lived:
in the maternity of each airport
in the city of the silver sky,
in the solitude no matter what,
in the river that hosts an island,
in the slurred voices in the throat,
in the innocence of believing of being with no home,
in a pungent aroma almost perennial,
in the heart of who says “I love you”…
Until,
after dusting off each feather
– those for writing therefore of each wing –
the houses of nostalgia have become real.
And even the smallest distances:
gone!

Paris, while thanking.
2015 – Maria A. Listur

ANTIDOTO PER LA NOSTALGIA/ANTIDOTE FOR NOSTALGIA

E disse, con quell’accento canterino:
“Innanzitutto, non dire mai bene…”,
“Parla male, racconta peggio!”
“Non ti venisse in mente o in bocca,
di usare le parole: buona, intelligente,
dolce, saggia, autonoma, bella, creativa;
e ti prego di non usare mai, e dico
mai, il sostantivo: donna.”
“Se dovrai dire qualcosa su e di me
– mentre il vissuto si trasforma in letame –
racconta dei miei difetti più algidi
delle mie paure più oscure, del grido,
del solipsismo, della critica, del freddo!”
“Racconta l’effimero!”

Effimero I

Effimero I – Gabriele del Papa ph

Roma, evocando congedi. 2015
Maria A. Listur

 

ANTIDOTE FOR NOSTALGIA

And she said, with that singing accent:
“First of all, don’t ever say well…”,
“Talk bad, say the worse!”
“Don’t ever get to your mind or your mouth,
to use words like: good, intelligent,
sweet, wise, autonomous, beautiful, creative;
and I beg you never to use, and I mean
ever, the substantive: woman.”
“Should you have to say something about and of me
– while the experienced turns in to manure –
talk about my most cold flaws
about my most obscure fears, about the scream,
about the solipsism, about the criticism, about the coldness!”
“Talk about the ephemeral”

Rome, evoking farewells. 2015
Maria A. Listur

Sapere/Knowledge

Un’unica nostalgia.
Un’incompletezza che appare vera.
Una mancanza in ogni scelta.
Un preludio che si ripete.
Una strada interminabile.
Un noi dove mi assento.
Un riduzionismo inaccettabile.
Uno stimolo insondabile.
Un gioiello reso invisibile.

Non basta ora, tutta una vita
per cogliere la sua lingua.
Ogni interstizio è occasione
di appuntamento nel mio corpo:
gradita sintesi,
del suo passaggio.

Inversione-7 VII

Inversione 7/VII – 2013 – Maria A. Listur

In un tripudio di gusti. 2013 – Maria A. Listur

 

Knowledge

A unique nostalgia.
An incompleteness that appears to be true.
A lacking in each choice.
An overture that repeats itself.
An endless road.
An us were I am absent.
An unacceptable reductionism.
An unfathomable stimulus.
A jewel made invisible.

Now it is not enough, a whole life
to catch its language.
Each interstice is an occasion
of appointment in my body:
relished synthesis,
of its passage.

In a jubilation of flavors. 2013 – Maria A. Listur