NOTTE/NIGHT

Ad ognuno la sua notte,
la portata delle proprie stelle
la gravidanza della sua via lattea
l’esclusivo blu quasi nero,
e in me,
l’imperiosità di renderla un segno
d’apporre,
tra le tue mani.

695-noir-i1

Notte I/1 – Gres et Blanc mat- Maria A. Listur, 2016

Roma, quando gli alberi diventano d’oro.
Maria A. Listur 2016

 

NIGHT

To everyone their own night,
the range of their own stars
the pregnancy of their own milky way
the exclusive blue almost black,
and in me,
the imperiousity of making it sign
to place,
between your hands.

Rome, when the trees become golden.
2016 – Maria A. Listur

Notturno/Nocturne

Non ci tenta della luce la finzione
neppure Psiche e la sua curiosità.
Lasciamo pulita la via d’accesso
a chi sa d’essere ognuno
e ogni dove,
a chi sa.
Mille vite per nascondere il lume!
Quanti corpi per esaurire gli oli?
Quanti amanti di luce epidermica!
Quante lampade a sporcare ogni buio!
Tutto è tranne che inabile.
Tutto sono tranne che semplice.
E sapere chi dei due è Cupido
non è parte del vivere, aldilà.

Nocturnos 1
Nocturno I – 2014 – Maria A. Listur

Roma, nelle notti che sembrano giorno.
2014 – Maria A. Listur

 

Nocturne

It doesn’t tempt us of the light the fiction
neither Psyche and her curiosity.
Let’s leave cleaned the access point
to who knows of being anyone
and every where,
to who knows.
Thousand lives to hide a lamp!
How may bodies to consume the oils?
So many lovers of the epidermis light!
So many lamps to dirty each darkness!
All it is but disable.
All they are but simple.
And to know who of the two is Cupid
it’s not part of living, beyond.

Rome, in the nights that seem day.
2014 – Maria A. Listur