HORIZONTE/HORIZON

Hay varias formas para construir horizontes,
el más mío se parece a las raíces de ciertas pieles,
al recuerdo agradecido de heroicos orígenes,
a la certidumbre de aquella que me visitó muy temprano.

Orizzonte

Ci sono molti modi di costruire orizzonti,
il più mio somiglia alle radici di alcune pelli,
al ricordo grato delle eroiche origini,
alla certezza di colei che mi visitò molto presto.

60464925_2201951919895412_8006892175977611264_n.jpg

Paris, cuando todo se funde con delicadeza.
2019 – Maria A. Listur

 

Horizon

There are many ways to build horizons,
the most mine resembles the roots of some skins,
the grateful memory of the heroic origins,
the certainty of that woman who visited me very early.

Paris, when everything blends delicately.
2019 – Maria A. Listur

Vacanze:/Vacation:

Da sentimenti senza ombra
Da motori senza ali
Da tachicardie senza orgasmi
Da buffonerie in ogni prezzo
Da rumori senza musica
Dalla parola “amore”
Dal bisogno di trasporto
D’abbandoni debitori
Dal desiderio di ogni sole
Da retrogradi costumi.
Dall’idea di “vacanza”:
Dal suo uso e abitudine
Fiore e frutto. Imposizione.

Acqua-III

Acqua III – 2013/14 – Maria A. Listur

Roma, svuotata, quanto basta.
2014 – Maria A. Listur

 

Vacation:

From feeling without darkness
From engines without wings
From tachycardia without orgasms
From buffooneries in each price
From rumors without music
From the word “love”
From the need of rapture
From abandons in debt
From desire of each sun
From retrograde customs.
From the idea of “vacation”:
From its use and habit
Flower and fruit. Imposition.

Rome, evacuated, just enough.
2014 – Maria A. Listur

Adeus

Gli addii, tutti nella voce
E l’orizzonte pronto, dall’altro ieri
Le valigie in anticipo
E le morti per ancelle
Quanto è agevole assentarsi!
Dalla casa
Dalla mente
Dal paese
Dai sentimenti
Dal giardino
Dalle cose
Dalla gretta idea del perdurabile
Dall’immutabilità dell’orizzonte!

Liviandades-II

Liviandades II – 2014 – Maria A. Listur

Roma, nei suoi passaggi segreti.
2014 – Maria A. Listur

 

Adeus

The farewells, all in the voice
And the horizon ready, since the day before
The suitcases in advance
And deaths as maidservants
How simple is to be absent!
From the house
From the mind
From the country
From the feelings
From the garden
From things
From the petty idea of the persistable
From the immutability of the horizon!

Rome, in its secret passages.
2014 – Maria A. Listur

Giovinezza/Youth

Sull’orizzonte delle cose scivolano:
Il desiderio, i surrogati
Quelle tre mammelle esagerate
La ripetizione, l’impossibile
L’immaginaria idea d’aiuto
La gioia, la voracità
La via, l’obiettivo
La frustrazione, la salute
Quelle voci assenti
La vita
Sette peccati senza capitale
La solitudine
I grilli silenziosi
La materializzazione
E te,
Che sai di essere viva,
Nei lembi delle mie parole.

MLV-6

Ritratti – ML Lascia Memoria 6/VII – Maria A. Listur

In me, dove la pelle nasconde bene i secoli.
2013 – Maria A. Listur

 

Youth

On the horizon of the sliding things:
The desire, the surrogates
Those three exaggerated breasts
The repetition, the impossible
The imaginary idea of help
The joy, the voracity
The way, the goal
The frustration, the health
Those absent voices
The life
Seven sins without death
The solitude
The silent crickets
The materialization
And you,
Who know to be alive,
In the corners of my words.

In me, where the skin hides well the centuries.
2013 – Maria A. Listur

Temporale/Thuderstorm

Non son pronta per il sole!
Deludente questo inverno
Sembra il gelo di una lingua
Trastullata dal timore.
Una nuvola mio Dio!
Quel grigiore lento e dolce
Quell’ombrello che fa casa
Quella pioggia dentro e fuori.
Un po’ di buio nel pensiero
Riflesso esatto dello sguardo
Obbligo vorace d’ogni petto.
Una tempesta decantante!
Una! Silenziosa! Pura!
In ascesa verso il sole
Dono tacito d’ogni voglia.

Orizzonte-3

Orizzonti e Prospettive – Orizzonte III/VII
2010 – Maria A. Listur

Roma, in un giardino dove le stagioni sono altre, dimenticate.
2013 – Maria A. Listur

 

Thuderstorm

I am not ready for the sun!
Disappointing is this winter
It seems the icing of a tongue
Deceived by fear.
A cloud my God!
That slow and sweet greyness
That umbrella that makes home
That rain in and out.
A little of darkness in the thought
Exact reflection in the glance
Voracious obligation of each chest.
A decanting thunderstorm!
One! Silent! Pure!
Ascending towards the sun
Silent present of each necessity.

Rome, in a garden where seasons are different, forgotten.
2013 – Maria A. Listur

Setaccio/Sift

Abitavi una voce senza lingua
Sublime morso senza meta
Contrita anima ululante, scorsa.

Raccolta fragile dell’altrui supplizio
Decesso fiacco dell’ormai inutile
Rivestita fosti per donarti ancora.

Incomprensibile
Taciturna
Sola.

Orizzonte-2
Orizzonti e Prospettive – Orizzonte II/VII
2010 – Maria A. Listur

Villa Adriana, Tivoli, nella vastità che le passioni eterne cedono.
2013 – Maria A. Listur

 

Sift

You lived a voice without a language
Sublime bite without a goal
Contrite howling soul, flowed.

Fragile gathering of the other’s agony
Dull death of the already useless
Redressed you were to donate yourself again.

Unintelligible
Taciturn
Alone.

Villa Adriana, Tivoli, in the vastness that the eternal passions cede.
2013 – Maria A. Listur