ANTESI/BLOOM

Come fossero petali secchi,
di fiore umano
cade pelle, svolazza,
sostenta il vento.
Si misurano le giornate
nel tempo del dolore,
o della sua assenza.
E sanare dentro ciò che si vede fuori,
– o quel che appare –
è la scommessa.
Poi,
senza preavviso,
tutto si rimargina
il fiore risorge dalla cenere;
indenne.
Se non altro, sembra.

CrisC-2CrisC-3

Crisantemo di Cenere/Chrysanthemum of Ashes – 2015 – Maria A. Listur

Parigi, dopo il cambio di stagione e pelle. 2015
Maria A. Listur

 

BLOOM

As they were dried petals,
of human flower
skin falls, flits,
sustains the wind.
Days are being measured
in the time of suffering,
or of its absence.
And healing inside what it is seen outside,
– or what appears –
is the gamble.
Then,
without warning,
everything is healed
the flower resurrects from the ashes;
intact.
Or at least, so it seems.

Paris, after the change of season and skin. 2015
Maria A. Listur

“Si crede di lottare e di soffrire per la propria anima, ma in realtà si lotta e si soffre per la propria pelle. Tutto il resto non conta.”/“We believe that we fight and struggle for our own soul, but in reality we fight and struggle for our own skin. The rest doesn’t count.”

Curzio Malaparte

-Cosa vede?
-Quello che vede lei.
-Può descriverlo?
-Lo descriva lei.
-Una piccola ferita non sanguinante che lascia scoperta una pellicola di pelle più rosea di quella esterna e che non cicatrizza.
-La preoccupa?
-No.
-Non è vero.
-Lo dice perché sono nel suo studio?
-Sì.
-Non mi sento preoccupata… Vorrei soltanto informarmi di cosa può essere?
-Può essere da un fungo a un tumore o qualcosa che non so nominare.
-Ha mai avuto un caso del genere.
-Non lo ricordo.
-Cosa dovrei fare?
-Niente.
-E qualche prodotto speciale per la pelle?
-No, lei già usa cose speciali…
-E come lo sa?
-Lo so, lo so…
-Se fosse un fungo si sarebbe potuto spandere ma, sta lì da qualche mese, senza ingrandirsi ne rimpicciolirsi.
-Appunto…
-E se invece fosse un tumore… Come potrebbe reagire?
-Sono un medico non un indovino.
-Certo… Lei cosa farebbe?
-Niente. Come un bebè.
-Scusi…
-Cosa fa un bebè per nascere? Niente… Fa tutto la natura. La sua pelle è una membrana che ha bisogno di aprirsi da qualche parte… Si chiuderà quando sentirà di non fare fatica a respirare…
-Respirare?
-Respirare… Qualche cosa – in lei – sta soffocando…
-Mmm…
-Le serve altro?
-Non lo so.
-Ci pensi.
-Sì, mi serve sapere in cosa consiste il suo “niente”. Che cosa significa per lei “non fare”?
-Smettere di dare importanza a qualunque cosa.
-E quando tempo dedica alla pratica?
-Tutte le volte in cui la mia dolce indifferenza non sembra disinteresse.
-Grazie dottore.
-Prego, sono qui per lei.
-Grazie ancora, non ho mai sentito la sua indifferenza…
-Non c’entra niente con la devozione…

In un luogo dove il cammino è umano. 2015 – Maria A. Listur

 

“We believe that we fight and struggle for our own soul, but in reality we fight and struggle for our own skin. The rest doesn’t count.”

Curzio Malaparte

-What do you see?
-Whatever you see.
-Can you describe it?
-You do that.
-A small wound not bleeding that leaves uncovered a strip of more pink skin than the external one and that doesn’t cicatrize.
-Does it concern you?
-No.
-It’s not true.
-Do you say that because I am in your office?
-Yes.
-I am not worried… I just would like to know what could it be?
-It could be from a fungus to a tumor or something that I can’t name.
-You have had a case like this before.
-I don’t recall.
-What should I do?
-Nothing.
-And something special for the skin?
-No, you already use special things…
-And how do you know?
-I know, I know…
-If it had been a fungus it could have spread but, it’s been there for some months, without getting bigger or smaller.
-Exactly…
-And if it was a tumor… How could it react?
-I am doctor not a fortuneteller.
-Right… What would you do?
-Nothing. Like a baby.
-Excuse me…
-What does a baby do to be born? Nothing… Nature does it. Your skin is a membrane that needs to open up somewhere… It’ll close when you will feel that you are not struggling to breathe…
-Breathe?
-Breathe… Something – in you – is suffocating…
-Mmm…
-You need anything else?
-I don’t know.
-Think about it.
-Yes, I need to know in what your “nothing” consists. What does your “don’t do” means?
-Stop giving importance to everything.
-And how much time do you dedicate yourself to the practice?
-Every time in which my sweet indifference doesn’t seem disinterest.
-Thank you doctor.
-You are welcome, I am here for you.
-Thank you again, I have never felt your indifference…
-It has nothing to do with devotion…

In a place where the path is human. 2015 – Maria A. Listur