“La violenza è un metodo di lotta inferiore, brutale, illusorio soprattutto, figlio di debolezza, fonte di debolezza, malgrado, anzi in ragione dei suoi effimeri trionfi.”/“Violence is a method of fight inferior, brutal, unrealistic and above all, it is son of weakness, source of weakness, despite, actually on account of its ephemeral triumphs.”

Filippo Turati

-Domanda.
-Credo sia sempre la stessa.
-La ripeta.
-Da dove costruire il perdono?
-Bella domanda! Perlomeno lei non fa la differenza.
-Differenza?
-Sì, alcuni credono che il perdono sia diverso secondo la situazione, le persone, le emozioni; credono che perdonare se stessi sia diverso da perdonare la moglie o il marito che ha tradito, il ladro piuttosto che l’assassino!
-Quindi…
-Guardi la storia, guardi i sacrifici anteriori a questi d’ora. Chissà che potrà perdonare il non aver  imparato nulla.
-Non pensa che il perdono implichi una sudditanza?
-E lei crede che siamo in grado di pensare a un mondo assente di sudditanza?
-Vorrei tentare.
-Tenti e si permetta di avere il trucco del perdono a portata di mano.

MT

Isola I, prove – 2004 Roma – Michele Truglio ph

Parigi, mentre si spezzano ali nella ricerca delle radici del coraggio.

 

“Violence is a method of fight inferior, brutal, unrealistic and above all, it is son of weakness, source of weakness, despite, actually on account of its ephemeral triumphs.”

Filippo Turati

-The Question.
-I believe it is always the same.
-Ask it again.
-From where do we build forgiveness?
-Good question! At least you are not making difference.
-Difference?
-Yes, some believe that forgiveness is different according to the situation, the people, the emotions;
they believe that forgive oneself is different from forgiving the wife or the husband that has cheated, the thief rather than the assassin!
-Therefore…
-Take a look at history, look at the big sacrifices prior to those of nowadays. I wonder if you can forgive for not having learn anything.
-Don’t you think that forgiveness implies subjection?
-And do you think we are able to think of a world without subjection?
-I’d like to try.
-Try and allow yourself to have the trick of forgiveness at hand.

Paris, while wings break in the search of the roots of courage.

“È più facile non prendere che donare: si è meno disposti a cedere del proprio che a non prendere dall’altrui.”/“It’s easier not take than to donate: we are less willing to give something up ours than not taking from others.”

Aristotele

-Anche se ti sentirai offesa, posso dirti quello che penso?
-Vuoi offendermi.
-No. Voglio proteggerti!
-Come dicevano alcuni genitori “ti schiaffeggio per il tuo bene!”
-No! Può darsi che non ti offendi…
-Esiste la possibilità che io mi offenda!
-È un rischio, se vuoi che sia sincero!
-Io non te l’ho chiesto…
-Te lo devo!
-E perché?
-Perché cosa è l’amicizia se non l’esercizio della più alta sincerità?
-Dici?
-Dico. Posso dirti quello che penso?
-Vai!
-Secondo me… Sei ingenua! Quasi stupida! Confondi il perdonare con lasciarti passare sopra!
-Sicuramente sono ingenua che per te sta a significare stupida, e quello che tu chiami perdono è per me, l’accettazione.
-Accettazione? Tu non metti limiti!
-Dici?
-Dico! Vedi? Per esempio… Come mai lasci che io ti chiami “stupida”?
-Le tue opinioni non sono le mie… Puoi esprimerti come vuoi… Puoi vivere come vuoi, la nostra amicizia non dipende dai tuoi gusti o dalle tue scelte di vocabolario!
-Non ti sei sentita offesa?
-Visto che quello che volevi era offendermi?
-Non è vero! Non piegare l’argomento verso la tua logica.
-L’hai piegato tu e molto ingenuamente.
-Mi stai dando dello stupido?
-No.
-Stai giocando con le parole perché non accetti di essere una donna che è capace di grandi sacrifici che però non le sono riconosciuti! Questo, alla tua età, si chiama autolesionismo!
-Lo dici come se fosse tutto sinonimo di stupidità!
-Per me lo è.
-Mm…
-Non dici niente?
-Penso.
-Cosa?
-Non capisco perché ti arrabbi tanto. Quando servirà a te la mia stupidità, non sarò diventata meno stupida… Potrai anche tu passarmi sopra!
-Tanto sei sensibile e intelligente, tanto stupida e sacrificale!
-Beh… Sono sempre stata molto fortunata.

Roma, quando le differenze fanno ponte per rivedere i linguaggi. 2016 – Maria A. Listur

 

“It’s easier not take than to donate: we are less willing to give something up ours than not taking from others.”

Aristotle

-Even if you will feel offended, can I tell you what I think?
-You want to offend me.
-No. I want to protect you!
-As some of our parents would say “I am slapping you for your own good”!”
-No! It might be that you won’t get offended…
-There is the chance that it will offends me!
-It’s a risk, if you want me to be sincere!
-I haven’t asked you…
-I owe it to you!
-And why?
-Because what is friendship if not the exercise of the highest sincerity?
-You think?
-I do. Can I tell you what I think?
-Go on!
-To me… You are naïve! Almost stupid! You mistake the forgiving with letting yourself being run over!
-Surely I am naïve that for you it means to be stupid, and what you call forgiveness to me is acceptation.
-Acceptation? You are not putting limits!
-You think?
-I do! See? For example… How come you let me call you “stupid”?
-Your opinions are not mines… You can express yourself how you want… You can live as you wish, our friendship doesn’t depend on your tastes or on your vocabulary choices!
-You don’t feel offended?
-See, you wanted to offend me?
-It’s not true! Don’t twist your argument toward your logic.
-You have twisted it and very naively.
-Are you calling me stupid?
-No.
-Your playing with my words because you don’t accept being a woman capable of great sacrifices that are not acknowledged! This, at you age is called self loathing!
-You say it as everything was a synonym of stupidity!
-It is for me.
-Mm…
-Aren’t you going to say anything?
-I am thinking.
-What?
-I don’t understand why you get so mad. When it will be useful to you my stupidity, I will not have become less stupid… and you as well will be able to run me over!
-You are so sensible and intelligent as much as stupid and sacrificial!
-Well… I have always been very lucky.

Rome, when differences make bridges to review languages. 2016 – Maria A. Listur

«Sembra che il riconosciuto non è se stesso.»/«It seems that the acknowledged it’s not itself.»

Pascal Quignard

-Dammi la tua ricetta.
-Non è mia.
-Di chi è?
-Della mia bisavola.
-Ancora meglio! Dammela!
-Lavarsi bene bene i denti, doccia accuratissima, vestiti puliti e belli – anzi, i migliori che hai, silenzio lungo, almeno 24 ore, se puoi una settimana, non dimenticare in assoluto e…
-Non devo dimenticare?
-No. Chi non teme ricorda, dice il proverbio!
-E dopo la settimana di silenzio?
-Ricordati le risate.
-Sei sicura che funzioni sempre?
-Nel mio caso ha sempre funzionato.
-Si perdona.
-Sì, si perdona.

Parigi, mentre le ambulanze fanno presente quanto la vita sia breve, nel caso se ne abbia bisogno…
2016 – Maria A. Listur

 

«It seems that the acknowledged it’s not itself.»

Pascal Quignard

-Give me your recipe.
-It’s not mine.
-Whose is it?
-Of my great grandmother.
-Even better! Give it to me!
-Brush your teeth very very well, very thoroughgoing shower, clean and nice clothing – better yet, the best you have got, long silence, at least 24 hours, a week if you can, you should never forget and…
-I should never forget?
-No. Who is not afraid remembers, it is said!
-And after a week of silence?
-Remember the laughs.
-Are you sure that it works?
-In my case it always does.
-We forgive.
-Yes, we forgive.

Paris, while the ambulance states how life is short, in case it was necessary…
2016 – Maria A. Listur

SAMURAI

Diretto verso il cuore,
precisa la sede,
nitido il taglio
– veloce, verticale e secco –
sventra ogni entusiasmo
spacca anche le linee del tempo…
E un altro addio si veste di eterno.
L’ego, da banalità ferito, fa lacrime.
Eppure alla luce,
serve la fenditura
l’odore di spada;
quel dare all’umano
il perdono
e la grazia.

Cieux-2-21

Cieux II/21 – 2016 – Maria A. Listur

Roma, nella dolcezza della sua eterna morte.
2016 – Maria A. Listur

 

SAMURAI

Straight to the heart,
precise the spot,
clean the cut
– fast, vertical and clean –
it eviscerates any enthusiasm
it breaks the timelines…
And another farewell dresses of eternity.
The ego, wounded by triviality, makes tears.
To the light though,
The cut is necessary
the scent of the sword;
that giving to the human
forgiveness
and grace.

Rome, in the sweetness of its eternal death.
2016 – Maria A. Listur

ESERCIZI/EXERCISES

Una mano sopra l’altra,
e tutte e due sopra il petto.
Da vivere almeno per cinque vite.
Qualche morte, consapevole.
Nessun addio e tanta distanza.
La presenza per riflesso.
Perpetue scuse come perdoni,
soprattutto verso noi stessi.
Chissà che si riveli…
E poi si accolga,
sotto le acque della coscienza,
la nostra assopita essenza:
miracolosa, feroce, certa.

Versailles-II

Versailles II – 2015 – Archivio Personale/Personal Archive

Paris, nel sorprendente riflesso. 2015 – Maria A. Listur

 

EXERCISES

One hand on the other,
and both of them on your chest.
To live at least five lives.
Some death, conscious.
No farewell and a lot of distance.
The presence as a reflex.
Never ending excuses as forgiveness,
especially towards ourselves.
Who know if it unveils…
And than is welcomed,
under the water of the conscience,
our dozy essence:
miraculous, fierce, certain.

Paris, in the surprising reflex. 2015 – Maria A. Listur