“Si corregga, si sradichi, si perfezioni!”/“Correct, eradicate, perfect yourself!”

Scuola esoterica di meditazione.

-Io ti amo.
-Anche io.
-Ma io, da sempre.
-Perché? Credi che io scherzi? Anch’io da sempre.
-Il tuo sempre si riferisce a questa vita!
-Esistono altre?
-Certo, tutte quelle che non sappiamo!
-Anche in quelle io ti amo.
-Vorresti dire “ti ho amato”?
-Per me sono tutte simultanee…
-Il tempo non ha importanza?
-Non per noi… Intuisco.
-Cosa è questo pezzo di tempo rispetto a quello che abbiamo già vissuto!
-Infatti…
-Anche se preferisco pensare cosa è il nostro passato rispetto a quello che stiamo vivendo!
-Ti ho sorpreso vero?
-Si nota, vero?
-Altrimenti non staresti a dire tante baggianate esoteriche!
-Esoteriche?
-New Age… Esoteriche… Spirituali… Chiamale come vuoi ma ti è partita la fase quantistica che per me denota profondo nervosismo…
-Stai parlando di me oppure in generale?
-Ora di te e anche in generale; quando la gente non sa cosa dire del “qui e ora” parte con delle interpretazioni difficili da confutare e anche da credere!
-Nel “qui e ora” io ti amo. Detto. Ti amo anche nel “ieri e allora”…
-Ahhh! Bene! Così si fa! Dillo bene così mi viene un infarto, muoio e non ci sarà “domani e chissà”!
-Credevi di sapere tutto della vita? Beccati la novità!
-Novità? Non abbiamo detto che è da sempre?
-Certo.
-E allora? Qual è la novità?
-Che tu accetti.

Nel cuore dell’alba, dove non ci sono nazioni. 2015 – Maria A. Listur

 

“Correct, eradicate, perfect yourself!”

Esoteric School of Meditation.

-I love you.
-Me too.
-But me, all along.
-Why? Do you think I am joking? I also love all along.
-Your all along refers to this life!
-Are there others?
-Of course, all the ones we don’t know!
-I love you in those as well.
-Should you say “I have loved you?”
-To me they are all simultaneous…
-Time has no importance?
-Not for us… I guess.
-What is this piece of time compared to what we have already lived!
-I agree…
-Even though I prefer to think on what is our past compared to what we are living!
-I surprised you haven’t I?
-You can tell, right?
-Otherwise you wouldn’t be saying all this esoteric gibberish!
-Esoteric?
-New Age… Esoteric… Spiritual… Call them as you will but you started with your quantum mood and that shows a profound irritation to me…
-Are you talking about me or just in general?
-Now I am talking about you and in general; when people don’t know what to say about the “here and now” they start giving difficult interpretations to refute and to believe as well!
-In the “here and now” I love you. I said it. I also love you in the “Yesterday and then”…
-Ahhh! Good! That’s how you do it! Say it well so I get a stroke, die and there won’t be a “tomorrow and who knows”!
-You thought you knew everything about life? Suck on the news!
-News? Haven’t we said that is all along?
-Sure.
-So what? What’s the news?
-That you accept.

In the heart of the dawn, where there are no nations. 2015 – Maria A. Listur

“Per essere perfetta le mancava solo un difetto.”/ “To be perfect she needed only a flaw.”

Karl Kraus

-Ti spaventa la distanza?
-No.
-E la mia situazione sentimentale?
-Perché, ne hai una?
-La vedovanza lo è.
-Scusa, scusa… Non volevo… Mi devi perdonare perch…
-Tranquilla. Ho capito.
-Hai capito ma non vorrei ci fosse rimasto un senso di aggressione…
-È la tua incertezza che trovo aggressiva… Non la comprendo…
-Non comprendo neanche io. Aiutami.
-Ci sto provando… T’interrogo e allo stesso tempo m’interrogo…
-Credo di non riuscire a essere sincera.
-Non ti senti comoda, al sicuro?
-Per me, la sicurezza e la comodità non sono stati da attribuite alle relazioni quindi non è quello… Credo di star facendo i conti con la tua profondità… Dista molto dalla mia.
-Pregiudizio verso i filosofi?
-No… Tu parti da presupposti tanto diversi…
-Quali?
-Per esempio la fantasia sulla mia reticenza. Stai interrogandoti sulla distanza, i sentimenti, e altro che non riesco a immaginare ed io sono da un’altra parte…
-Riesci a dirlo?
-Cosa?
-Da dove parti.
-M’imbarazza…
-Dillo! Che cosa vuoi da questa relazione?
-Che sia facile!

In un luogo indimenticabile, prima di ridere. 2014 – Maria A. Listur

 

“To be perfect she needed only a flaw.”

Karl Kraus

-Does the distance scare you?
-No.
-And my sentimental relationship?
-Why, do you have one?
-Widowhood is one.
-Sorry, sorry… I didn’t mean to… You have to forgive m…
-Relax. I got it.
-You got it but I wouldn’t want that a sense of aggression remained…
-It’s your hesitation that I find aggressive… I don’t get it…
-I don’t get it either. Help me.
-I am trying… I am questioning you and at the same time questioning myself…
-I think I am not able of being sincere.
-Don’t you feel comfortable, secure?
-To me, security and comfort aren’t states to be related to relationships therefore it’s not it… I think I am dealing with your profoundness…It’s quite far from mine.
-Prejudice towards philosophers?
-No… You set out from so different assumptions…
-Which ones?
-For example the fantasy about my reticence. You are questioning yourself over the distance, the feelings, and other thing that I can’t imagine and I am on another side…
-Can you say it?
-What?
-From where you set out.
-It embarrasses me…
-Say it! What do you want from this relationship?
-That it’d be easy!

In an unforgettable place, before laughing. 2014 – Maria A. Listur