“All’inizio di questo secolo le ricerche psicoanalitiche, linguistiche e poi etnologiche hanno spossessato il soggetto delle leggi del suo piacere, delle forme della sua parola, delle regole della sua azione, dei sistemi dei suoi discorsi mitici.”

Michel Foucault

-Mitica!
-In quale senso?
-Vedi il futuro!
-No!
-Accettalo! Tu leggi il futuro!
-No!
-Accetta che anticipi.
-Accetto che qualche volta, non so come né perché, ho qualche prospettiva “anticipatoria”…
-Che meraviglia!
-Per chi?
-Per chi ti frequenta!
-Meraviglia vivibile non oltre i tre giorni… Chiedilo ai miei amori.

Dove gli occhi della giovinezza non coincidono con l’età.
2019 – Maria A. Listur

 

 

“In the beginning of this century the psychoanalytic, linguistic and ethnologic researches have dispossessed the subject of the laws of his pleasure, of the forms of his word, of the rules of his action, of the systems of his legendary speeches.”
Michel Foucault

-Great!
-In what way?
-You see the future!
-No!
-Accept it! You see the future!
-No!
-You have to admit that you anticipate.
-I admit that sometime, I don’t know how or why, I have some sort of “anticipatory” perspective…
-How wonderful!
-For who?
-For those who go out with you!
-A wonder that can be bear no more than three days… Ask my lovers.

Where the eyes of the youth do not coincide with age.
2019 – Maria A. Listur

Pubblicità

« Allons encore plus loin, nous n’avons pas encore trouvé notre corps sans organes, pas assez défait notre moi. Le corps sans organes, c’est le refus de me voir attribuer des lieux de plaisirs, des lieux d’émotions, des lieux de douleurs. »*

Gilles Deleuze, Le Corps sans organes

À Paris, autobus 83. Il fait froid. Les regards sont amoureux.

Elle : Oui ?
Lui : Je voudrais dire beaucoup de choses…
Elle : Mmm…
Lui : Mais… Je…
Elle : Dit moi…
Lui : J’ai faim.
Elle : (Elle ferme les yeux)

2019 – Paris, la neige.
Maria A. Listur

Paris, sull’autobus 83. Fa freddo. Gli sguardi sono amorosi.

Lei : Sì?
Lui : Vorrei dire molte cose…
Lei : Mmm…
Lui : Ma… Io…
Lei : Dimmi…
Lui : Ho fame.
Lei : (Lei chiude gli occhi)

“Andiamo ancora oltre, non abbiamo ancora trovato il nostro corpo senza organi, non abbastanza da annullare noi stessi. Il corpo senza organi è il rifiuto di vedermi assegnare luoghi di piacere, luoghi di emozioni, luoghi di dolore. ”

Gilles Deleuze, Le Corps sans organes

 

Paris, on bus 83. It is cold the glances are loving.

Her: Yes?
Him: I would like to say many things…
Her: Umm…
Him: But… I…
Her: Tell me…
Him: I am hungry.
Her: (She closes her eyes)

“Let’s go even further, we haven’t found yet our body without organs, not enough to annihilate ourselves. The body without organs is the rejection to have places assigned for pleasure, places for emotions, places for pain.”

2019 – Paris, la neige.
Maria A. Listur

GLI OCCHI/THE EYES

Non li riconosco “Specchi dell’anima”,
preferisco “Dell’anima, inviti”:
alla vicinanza, che neanche la morte,
può lacerare;
alla lontananza, che nessun contatto,
può abbreviare.
Veri ponti tra quel che è stato
-prima ancora della madre,
il padre, gli amori, i pericoli,
i piaceri reali,
o quelli immaginari-
e quello che alcuni de-nominano
“il sentire”.

tibet Lucio-Boretto Il soffio invisibile

Tibet-Lucio-Boretto, Reggio Emilia-blog

Parigi, in umile e candida visione. Si può.
2016 – Maria A. Listur

 

THE EYES

I don’t see them as “Mirrors of the soul”,
I prefer “Of the soul, invitations”:
to closeness, that not even death,
can tear;
to distance, that no contact,
can shorten.
True bridges between what it was
-even before the mother,
the father, the loves, the dangers
the real pleasures,
or the imaginary ones-
and what some de-nominate
“the feeling”.

Paris, in humble and candid vision. We can.
2016 – Maria A. Listur