Eros & Ego

-Non ti trovi intransigente?
-In quale senso?
-La posizione.
-Diciamo che so cosa fare?
-Non stai scegliendo il presidente del consiglio!
-Trovi che sia meno importante?
-Beh…
-La posizione è fondamentale!
-In svariati luoghi…
-Non ti mancano metafore!
-Meglio chiamarli sogni…
-La mia posizione è nata prima della consapevolezza.
-Ma fammi il piacere!
-Puoi accettare che abbiamo due prospettive diverse?
-E tu puoi accettare si tratti soltanto che di teatro?
-Un luogo, per me, “sacro”!
-O politico?
-Stai opponendo due ambienti che non sono – necessariamente – opposti.
-E tu stai cercando la bellezza anche nella spazzatura!
-Se fai la raccolta differenziata ci si riesce.
-Non mi dire? Perché? La spazzatura diversificata non deperisce?
-S’impara a separare…
-Soltanto quello.
-Impari anche a riconoscere cosa è meglio non consumare.
-Consumi secondo quanto contamini? Ma che brava!
-Se secondo la tua logica, spazzatura significa “spettacolo”, io sono una digiunatrice, se parli di teatro, sono uno chef!
-Visto! Intransigente!
-So cosa voglio e so separarmi da quello che non voglio.
-Politicizzata!
-Sei tu che stai separando politica da estetica e sacralità… Io non ne ho bisogno…
-Questione di fedeltà? O d’incaponimento?
-Non lo so… Mi viene in mente Alain Badiou: “ (…) il teatro è più un’arte di possibilità che un’arte di realizzazioni.
-Allora quello che vuoi può sempre attendere?
-Quello che voglio ha un orizzonte che tu chiami posizione, io lo realizzo anche quando non lo mostro.
-Ermetismo?
-Poetica.
-Cosa guadagni?
-La leggerezza delle idee.
-Troppo poco!
-Stai parlando di te?

Roma, dove spesso si nutre la confusione tra moderno e contemporaneo… 2013 – Maria A. Listur

 

Eros & Ego

-Don’t you find yourself intransigent?
-In which way?
-The position.
-Let’s say that I know what to do?
-You are not choosing the prime minister!
-You find it less important?
-Well…
-The position is fundamental!
-In several places…
-You don’t lack of metaphors!
-Let’s call them dreams…
-My position was born before awareness.
-Oh come on!
-Can you accept that we have two different perspectives?
-And can you accept that it’s about nothing but theatre?
-A place, for me, “holy”!
-Or political?
-You are opposing two places that are not – necessarily – opposite.
-And you are seeking beauty even in the trash!
-If you differentiate the garbage it is possible.
-Really? Why? Diversified garbage doesn’t rot?
-You can learn to separate…
-Only that.
-You also learn to recognize what it is better not to consume.
-Do you consume according to how much you contaminate? What a good girl!
-If according to your logic, trash means “showing off”, I am a faster, if you are talking about theatre, I am a chef!
-See! Intransigent!
-I know what I want and I know how to separate from what I don’t want.
-Politicized!
-You are the one who is separating politics from esthetics and sacredness… I don’t need to…
-Is it a matter of faith? Or being hard headed?
-I don’t know… Alain Badiou comes to my mind: “ (…) Theatre is more an art of possibilities than an art of fulfillments.”
-Therefore what you want can always wait?
-What I want has a horizon that you call position, I accomplish it even when I don’t show it.
-Hermetic?
-Poetic.
-What’s the catch?
-The lightness of the ideas.
-Too little!
-Are you talking about yourself?

Rome, where often it is nourished the confusion among modern and contemporary… 2013 – Maria A. Listur