ATTRAVERSAMENTI/CROSSINGS

Regna indiscussa la familiarità, la fratellanza, il potere
di questa variazione del silenzio che è il suono,
della lingua genitore, della musica suo letto.
Muri attraversa, riunisce senza permesso, senza premessa;
a rendere presente e perenne la volontà di prevalenza,
liberata dai sentimenti, scevra di appartenenza.
Sia musica, rumore o anche urlo
lui irrompe, grava, calpesta.
Qualche volta, accarezza…

857-MASBEDO.jpg

Masbedo ART

Parigi, nel suono, anche degli altri.
2020 – Maria A. Listur

 

CROSSINGS

It rules the undisputed familiarity, the brotherhood, the power
of this variation of the silence that is the sound,
parent of the tongue, bed of the music.
It passes through walls, gathers without permission, without premise;
to make present and perennial the will of predominance,
freed from emotions, liberated from sense of belonging.
Be it music, noise or even scream
it barges in, weighs on, stomps.
Sometime, it caresses…

Paris, in the sound, of the others as well.
2020 – Maria A. Listur

“Una filosofia che non sia incarnata nei nostri gesti quotidiani è pura, inutile, sciocca astrazione.”/“A philosophy that is not embodied in our daily actions is pure, useless, reckless abstraction.”

Àgnes Heller,
da Riccardo Mazzeo, Il Manifesto 20 07 19

-La trovo troppo intima.
-Lo dice come fosse negativo…
-Mi fa sentire un po’ scomoda.
-Lo dice come se la lettura la toccasse.
-Invadesse…
-Bene dunque!
-Io preferisco una certa distanza.
-Allora continui a leggere ed editare… Io scrivo. Si può sempre scegliere d’interrompere.
-Lei non si pone la domanda?
-Quale?
-Se non è meglio, più leggibile, un po’ di distanza?
-No.
-Svelarsi, scoprirsi, mostrare il lato C… Veramente non la disturba?
-Bello il lato C! Mi vengono delle associazioni idiomatiche non male, a parte questa digressione: il disturbo o il piacere non hanno nessuna relazione con il gesto che per me è scrivere, o fare qualsiasi dei percorsi che “pongo nel mondo”, per parafrasare una carissima maestra…
-Per me, si legge troppo la sua vulnerabilissima trasparenza…
-Se dice “vulnerabilissima trasparenza” vuol dire, per me e ora, che è anche insicura…
-Ecco, appunto, dove colloca il desiderio umanissimo di potere?
-Potere? Umanissimo?
-Signora! Potere? Sono argentina, metà indios… Esiste un potere “umanissimo”? Ora la lascio. Devo cucinare per alcune amiche. Umanissime…

Parigi, quando la cenere incontra il suo vento.
2019 – Maria A. Listur

 

“A philosophy that is not embodied in our daily actions is pure, useless, reckless abstraction.”

Àgnes Heller,
from Riccardo Mazzeo, Il Manifesto 20 07 19

-I find it too much intimate.
-You are saying it as if it was negative…
-It makes me feel a bit uncomfortable.
-You are saying it as if the reading was touching you.
-Invading…
-Well then!
-I prefer a certain distance.
-Therefore, keep on reading and editing… I will write. We can always choose to stop.
-Don’t you ask yourself the question?
-Which one?
-If it isn’t better, more readable, a little bit of distance?
-No.
-Unveil yourself, uncover yourself, showing the C side… Doesn’t it really bother you?
-I like the C side! Many not bad idiomatic associations come to me, besides this digression: the inconvenience and the pleasure don’t have any relation with the gesture that for me is writing, or making any of the paths that I “place in the world”, to paraphrase a very dear woman master…
-For me, your very vulnerable transparency is shown too much …
-If you say “very vulnerable transparency” it means, for me now, that it is also uncertain…
-There, exactly, where do you place the very human desire of power?
-Power? Very human?
-Madame! Power? I am Argentinean, half Indio… Does a “very human” power exist? Now I have got to go. I have to cook for some friends. Very human women.

Paris, when the ash meets its wind.
2019 – Maria A. Listur

LUCE/LIGHT

– (…) ora, si potrebbe dire che lo fa perché si trova bene a dialogare con le ombre?
– Io direi che mi trovo bene anche quando la luce sembra schiacciare le ombre.
– Sembra una metafora del rifiuto al successo!
– Per dirla con Bert Hellinger: piuttosto temo il trionfo! Tuttavia credo sia meglio se cito Luce Irigaray in un intervento sul giornale italiano “Repubblica” del lontano novembre 2007:

“Per promuovere un mondo nuovo, c’è bisogno di pensiero. Non basta fermarsi a qualche slogan concernente il potere, la soggettività femminile, la politica del “fra donne” eccetera. Si tratta di riflettere su quale contenuto oggettivo si mette dietro gli slogan, e di verificare se questo contenuto si possa condividere e come. Se ogni donna si accontenta di rivendicare il diritto alla propria soggettività, temo che una condivisione pubblica fra le donne non potrà mai esserci. Lo stesso vale se le donne si accontentano di cercare di appropriarsi di un’oggettività culturale e politica definita da e per gli uomini. Il compito più importante che le donne oggi devono assumere è lavorare alla loro individuazione come persone civili e culturali. La politica, per non dire la democrazia, dovrebbe essere un affare di convivenza civile fra le persone prima di essere un affare di rivalità per il possesso, il potere, la poltrona.”

– Capisco.
– Capisce? Io concordo.

Parigi, mentre mi si chiede a cosa servono i gruppi di riflessione…
2019 – Maria A. Listur

 

LIGHT

– (…) now, we could say that you do it because you find yourself comfortable to dialogue with the shadows?
– I’d rather say that I find myself comfortable even when the light seems to be crushing the shadows.
– It seems a metaphor of the refusal of success!
– To say as Bert Hellinger would: I rather fear the triumph! Nevertheless, I better quote Luce Irigaray in an interview on an Italian newspaper the “Repubblica” of the distant 2007:

“To promote a new world, thought is necessary. Some slogan regarding power, feminine subjectivity, the politic of the “among women” etcetera is not enough. It is about reflecting on what objective content is behind the slogan, and to verify if this content could be shared and how. If every woman is satisfied of laying a claim on the right to her own subjectivity, I am afraid that public sharing among women could never be possible. Same thing if the women are satisfied in seizing the cultural and political objectivity defined by men. The most important task that women have to take charge of is to work over their individuation as civil and cultural persons. Politics, not to say democracy, should be a matter of civil cohabitation among people before being a matter of rivalry for the possession, the power, the chair.”

– I understand.
– You understand? I agree.

Paris, while I am being ask about what a group of reflections is for…
2019 – Maria A. Listur