“L’individualismo moderno si riduce a reputare personali e proprie le opinioni condivise da tutti.”/“The modern individualism reduces itself in considering personal and own the opinion shared by everybody.”

Nicolás Gómez Dávila

-Le racconto cosa faccio.
-Come desidera.
-Allora io… (CV di persona sui tra i 50-60 anni della durata di 27 minuti). Ora mi dica di lei.
-Non ho molto da dire, sono qui perché volevo incontrarla. Dopo aver letto tutto quello che esiste su di lei, ho pensato che se per lavorare con lei fosse stato necessario studiare nella sua scuola, sarei diventata sua allieva.
-Molto umile dalla sua parte.
-Umile?
-Sì… La gente non vuole apprendere niente. Soprattutto i giovani!
-Veramente?
-Veramente. E non parliamo dell’invidia che provano per il sapere altrui!
-Mm…
-Allora… Lei cosa vorrebbe?
-L’ho contattata per il piacere di comunicare, trovare collaborazioni, punti di condivisione.
-Lei pensa sia possibile collaborare senza entrare in competizione?
-Stiamo già collaborando…
-(Sorriso di chi non ci crede) Grazie ma… Quanto è difficile capirsi…
-Io trovo più difficile esprimermi.
-Abbiamo già studiato tanto…
-Io no.
-Abbiamo un’esperienza talmente grande!
-Io non mi sento molto esperta e se lo sentissi me ne andrei a cercare inesperienza da qualche parte!
-Che sofferenza!
-Ahh…
-La gente non comunica veramente, non si incontra…
-Mmm…
-E quando uno sta bene con le persone più care perché cercare altro?
-Mmm…
-Quindi, lei cosa vorrebbe?
-Ora, andare.
-Ma… Non mi ha detto molto di lei.
-Trova tutto su Internet.
-Anche su di me trova tutto.
-Grazie…
-A presto allora… Riflettiamo e vediamo come incontraci.
-Buon pomeriggio.

Parigi, quando l’autunno è una questione personale. O del dialogo? 2016 – Maria A. Listur

 

“The modern individualism reduces itself in considering personal and own the opinion shared by everybody.”

Nicolás Gómez Dávila

-I am going to tell you what I do.
-As you wish.
-So, I… (Curriculum of a person 50-60 years old lasting 27 minutes). Now tell me about you.
-I don’t have much to say, I am here because I wanted to meet you. After reading all there is about you, I thought that if to work with you it was necessary to study in your school, I would become your student.
-Very humble of you.
-Humble?
-Yes… People don’t want to learn anything. Especially youngsters!
-Really?
-Really. And let’s not talk about the envy that they have for other’s knowledge!
-Mm…
-So… What do you want?
-I have contacted you for the pleasure of communicating, finding collaborations, exchange points of view.
-Do you think it can be possible to collaborate without getting in to competition?
-We are already collaborating…
– (Smile of who doesn’t believe so) Thanks but… How difficult is to understand each other…
-I rather find it more difficult to express myself.
-We have studied so much already…
-I haven’t.
-We have such a huge experience!
-I don’t feel very much experienced and if I would have felt otherwise I would go and look for inexperience somewhere!
-So much suffering!
-Ahh…
-People don’t really communicate, they don’t meet…
-Mmm…
-And when someone is well with the people that are dear to him why look for others?
-Mmm…
-So, what do you want?
-Now, I want to go.
-But… You haven’t told me anything about you.
-You can find everything on the Internet.
-And you can find everything about me as well.
-Thanks…
-See you soon… Let’s think it over and see how we can meet.
-Good afternoon.

Paris, when autumn is a personal matter. Or of the dialogue? 2016 – Maria A. Listur

L’idea pura/The Pure Idea

-Mi puoi dire com’è andata?
-È successo tanto tempo fa…
-Non ti va di raccontare?
-Meglio te lo scrivo à mo’ di dialogo che ti traduco e ti regalo per il tuo film!
-Quando me lo dai?

Dopo un ora arriva il dialogo per il film:

-Ho la certezza che rispetterai l’accordo scritto.
-L’accordo scritto?
-Sì, quello che ti ho mandato all’inizio del progetto?
-So a cosa ti riferisci ma ricordo altro; ricordo un accordo “a voce” che precedeva il tuo scritto.
-Conto su quello scritto.
-Quello che avevi scritto era necessario per realizzare il progetto che ho anche sostenuto, rinunciando a certi benefici.
-Quello che vale è quello scritto.
-La “nostra parola” è stata una frase che hai usato più volte.
-Fa capo soltanto a quello che stato scritto. D’accordo?
-Se per te quello è l’accordo, lo rispetterò.
-Avevo la certezza, grazie.
-Prego.

-E tu chiami banale quest’esperienza?
-No! È banale il modo!
-Ah… Ora però dimmi come ti sei sentita?
-Bene. Ho sempre Scaligero che mi salva!
-Chi?
-Massimo Scaligero.
-Chi è?
-Un illuminato…
-Vivente?
-Gli illuminati non muoiono mai… Me l’hai insegnato tu!
-Ce l’ha insegnato Gerda Alexander…
-E questo illuminato, me lo puoi passare…
-Provo a trovarlo nella tua lingua intanto ti dico qualcosa che grazie a quest’esperienza imparai a memoria, aiutami con la versione francese: “L’idea pura, il disegno divino che traluce nell’anima come potenza di destino, diverrà umana realtà quando le coscienze saranno pronte. È l’idea di fedeltà e di eternità, o di unità restauratrice, della originaria coppia umana. L’universo si nutre del puro accordo d’amore: la forza più alta, la più gioiosa speranza di salvazione. Occorre aprire la strada alla novella fioritura del Sacro Amore, aprire il varco al suo erompere nell’umano, preparare gli animi perché l’evento risuoni nel cosmo, così come il cosmo attende.”

Parigi – Roma, quando i ricordi vengono chiamati a dirci addio. 2016 – Maria A. Listur

 

The Pure Idea

-Could you tell me how it went?
-It happened long time ago…
-Don’t you want to tell?
-Better yet if I write it to you as a dialogue that I’ll translate and donate to you for your movie!
-When are you going to give it to me?

After an hour the dialogue for the movie arrives:

-I am sure that you will honor our written agreement.
-Written agreement?
-Yes, the one I sent you in the beginning of our project?
-I know what you are referring to but I also remember something else; I remember a “voice” agreement that was before the written one.
-I am considering on the written one.
-The one you wrote was necessary to shape the project that I have also sustained, renouncing to some benefits.
-The written one is the one that counts.
-“Our word” is the phrase you used many times.
-Only what it has been written counts. Agreed?
-If that is the agreement for you, I will respect it.
-I thought so, thank you.
-You are welcome.

-And you call this banal experience?
-No! The way is banal!
-Ah… Now tell me how you felt?
-Well. I always have Scaligero that saves me!
-Who?
-Massimo Scaligero.
-Who is he?
-An enlightened…
-Living?
-The enlightened never die… You have taught me that!
-Gerda Alexander taught us that…
-And this enlightened, can you share with me…
-I’ll try to find him in your language meanwhile I am going to tell you something thanks to this experience I have learn by heart, help me with the French version: “The pure idea, the divine scheme that emerges in the soul as a powerful destiny, will become human reality when the consciences will be ready. It is the idea of fidelity and eternity, or of restored unity, of the original human couple. The universe is nourished by the pure love agreement: the highest force, the most joyful hope of salvation. It is necessary to open the road to the new blossoming of the Sacred Love, open the way to its erupting in the human, getting the spirits ready for the event to resound in the cosmos, as the cosmos is waiting for.”

Paris – Rome, when memories get recalled to tell us goodbye. 2016 – Maria A. Listur