“El tiempo circular de los estoicos…”/“The Circular Time of the Stoics…”

Jorge L. Borges

Al mio amico Alfonso Buonanno, elfo personale.

Dono regalo presente
omaggio offerta e altro…
Ho tanto altro:
tutto quello che della vita mi è corpo
quello che si sono portati gli assenti
le fragranze di chi rimane
anche quando partire è vocazione
infinite storie dentro la memoria
mia, degli altri, a bordo strada… Futura.
E poi, arriva ancora un altro
oltre le meraviglie già vissute
mani d’oro, occhi in tempesta
che nel dimenticare tutti i miei secoli
ogni pace e tutte le guerre, silenzioso
certo, costruisce per me, un’altalena.

862.jpg

Gabriele del Papa ph

Nel mondo, senza maschere.
2020 – Maria A. Listur

 

“The Circular Time of the Stoics…”
Jorge L. Borges

To my friend Alfonso Buonanno, personal elf.

Gift donation present
homage offer and more…
I have much more:
all that it is body of my life
all that the absents have taken
the fragrances of who stays
even when leaving is the vocation
endless stories inside the memory
mine, of the others, at the side of the road… Future.
And then, another one arrives
beyond the wonders already lived
golden hands, eyes of storm
who in forgetting all my centuries
each peace and all the wars, quietly
surely, builds for me, a swing.

In the world, without masks.
2020 – Maria A. Listur

“La liberalità consiste più che nel donare molto, nel donare a proposito.”/“Liberality consists more than in donating a lot, in donating on purpose.”

Jean de La Bruyère

-Perché gliel’hai dato?
-Perché se lo goda…
-Lo dovrebbe comprare!
-Non può…
-Allora regala le tue opere a tutti i poveri!
-Non è soltanto una questione di denaro.
-Hai detto che non può comprarlo…
-Non mi sono espressa così…
-Tacitamente sì!
-Nelle tue elucubrazioni!
-Hai detto che non può comprarlo!
-Ma non è una questione di soldi…
-E quali sarebbero le altre “questioni”?
-Intensità.
-Intensità di spendere!
-Alcune persone pensano che l’opera d’arte sia un bene superfluo.
-E proprio a quelle persone tu glieli regali.
-Proprio a quelle!
-Mi disgusti!
-Cosa ti disgusta?
-La benefattrice!
-Stimolatrice?
-Non riesco a immaginarti come un vibratore…
-Non sono gli unici stimolatori che usi… Spero…
-Quelli che uso me li compro!
-Ti ho capito ma…
-Ripeto: allora regala le tue opere ai poveri!
-Io non ho parlato delle finanze delle persone cui regalo le mie opere…
-Ma hai detto che non può comprarlo!
-Credo che stiamo dicendo lo stesso…
-Questo non lo so ma, se si vuole possedere delle opere d’arte, si devono comprare!
-Sono d’accordo ma non puoi se non sei educato “nell’arte”.
-Si educassero!
-Ecco, appunto!
-Siamo d’accordo? Mi sono persa…
-Provo a farlo…
-Essere d’accordo?
-Nutrire, lì dove non c’è educazione, e non importa se sono ricchi o poveri o mezze misure o mezze fortune…
-Allora pensi che io sia un’ignorante?
-No, a te le ho regalate per il nostro piacere e perché le mie opere valgono di più di una delle tue borse Gucci…
-Nel ruolo della stimolatrice, non saprei definirti.
-Sono un vibratore anatomico.

Milano, quando il gelo diventa fuoco. 2014 – Maria A. Listur

 

“Liberality consists more than in donating a lot, in donating on purpose.”

Jean de La Bruyère

-Why did you give it to him/her?
-So that it can be enjoyed…
-He/she should have bought it!
-He/she can’t…
-Than donate your works to the poor!
-It is not only a matter of money.
-You said that he/she couldn’t buy it…
-I didn’t express myself like that…
-Silently you did!
-In your ponderings!
-You said that he/she couldn’t buy it!
-But it is not a question of money…
-And what would the other “questions” be?
-Intensity.
-Intensity in spending!
-Some people think that the work of art is a superfluous good.
-And to those people you donate them.
-Exactly to them!
-You disgust me!
-What does it disgust you?
-The benefactress!
-Stimulator?
-I can’t imagine you as a vibrator…
-Those are not the only stimulators you use… I hope…
-Those that I use I buy for myself!
-I understand you but…
-I repeat: then donate your works to the poor!
-I didn’t talk about the finances of the people to whom I donate my works…
-But you said that he/she couldn’t buy it!
-I believe we are saying the same…
-I don’t know about that, but if someone wants to have works of art, someone should buy them!
-I agree but you can’t if you are not educated “in art”.
-Well they should get educated!
-That’s it, exactly!
-Do we agree? I got lost…
-I am trying to do it…
-To agree?
-Nourish, there where there is no education, and doesn’t matter if they are rich or poor or half measures or half fortunate…
-So you must think I am an ignorant?
-No, I donate them to you for our pleasure and because my works are worth more than one of your Gucci bag…
-In the role of the stimulator, I wouldn’t know how to define you.
-I am an anatomic vibrator.

Milan, when the chill becomes fire. 2014 – Maria A. Listur