ARMISTIZIO/ARMISTICE

Anche quando si è spaventati
– in più ore del giorno –
per il lento scivolare ancora e ancora
di suoni diffusi: spari, urla, sirene,
– catene all’orecchio – trasmessi o reali;
sprofondare nel cielo o risalire in terra
per far prevalere la quiete raggiunta
– oltre quella guerra che fu del privato –
può,
nel silenzio proporre
– se non altro – una pace.

716-SHE RAPONI.jpg

Mauro Raponi ph
SHE – THE POWER OF ART, 2017 e SACRE VOCI, 2015
con/with Laura Pazzaglia e/and Daniela Ciotola
Reggio Emilia, Italia

Parigi, all’ombra di ciò che resta.
2017 – Maria A. Listur

 

ARMISTICE

Even when we are frightened
– in many hours of the day –
for the gentle slipping again and again
of diffused sounds: shots, screams, sirens,
– chain to the ear – broadcasted or real;
sinking into the sky or climbing up to the earth
in order to let prevail the gained tranquility
– beyond that war that was of the private –
it can,
in the silence propose
– if nothing else – a peace.

Paris, in the shadow of what remains.
2017 – Maria A. Listur

PERITURA/TRANSIENT

Un soffio,
– ciò che so di essere –
in ogni cosa, in ogni spazio.

689-perit

689-Peri.jpg
Reggio Emilia 2015, con l’amore di/with the love of Laura Pazzaglia
Daniela Ciotola e/and Gabriele del Papa ph

Parigi, la sera prima di una nuova traccia,
effimera. 10 11 2016
Maria A. Listur

 

TRANSIENT

A breath,
– something that I know I am –
in every thing, in every space.

Paris, the evening before a new trace,
ephemeral. 10 11 2016
Maria A. Listur

FEDELTÀ/LOYALTY

Si cambia prospettiva dello stesso cielo.
Si parte, si arriva, si compie altro abbraccio.
Si compra quel sapore che ricorda un tempo.
Si riparte, si arriva, si ricompie altro abbraccio.
Si annusano profumi, aromi che sono la storia.
Ancora si parte, si arriva, ci salva l’abbraccio.
All’infinito, totalmente dentro.
Mentre il fiore
nato durante le assenze,
attende. Fedele.

IMG_4408

Il cielo del Velario di Palazzo Altemps/The sky of the Velarium of Altemps Palace – Maria Vera Quattrini ph

Reggio Emilia, nella gioia di essere.
2015 – Maria A. Listur

 

LOYALTY

We change prospective of the same sky.
We leave, we arrive, we accomplish another hug.
We buy that taste that reminds a time.
We leave again, we arrive, we accomplish again another hug.
We smell perfumes, aromas that are the story.
Again we leave, we arrive, the hug saves us.
Endlessly, totally inside.
While the flower
born during the absences,
Awaits. Faithful.

Reggio Emilia, in the joy of being.
2015 – Maria A. Listur

“La bellezza della necessità è materia di scandalo per il pubblico abituato alla necessità della bellezza.”/“The beauty of necessity it is a matter of scandal for the public accustomed to the necessity of beauty.”

Carlo Belli

-Destra.
-Sinistra!
-Destra! Lo ricordo perfettamente.
-Sono io quella che ti ha indicato la direzione!
-Tre anni fa!
-Per favore, vai a sinistra e lo troverai.
-Ma se non lo trovo, mi offri dello champagne?
-Lo avrei fatto a prescindere…

Colei che indicava la sinistra apre una porta a sinistra e lo trova ma, non è quello di tre anni fa…

-Visto? Non è quello!
-Perché? Com’è?
-Impossibile e turco.
-E se è turco, la signora non gradisce…
-Vai verso il razzismo per evitare di riconoscere che ti sei sbagliata. Andiamo a destra.

Percorrono gallerie piene di porte che portano verso palchi memori di suoni e che nei secoli si sono rinnovati a prescindere dalle guerre, dai terremoti, dalle mode, dai governi. Si guardano, perse e in ricerca di qualcosa che non è il contingente, che non si trova dietro nessuna porta. Tacciono. Cambiano direzione, continuando a cercare. A destra trovano un’altra porta. L’aprono, entrano. Quella della sinistra controlla, dice:

-Non sarà di tuo gradimento!
-Cosa ha?
-Guarda…
-Oh mio Dio! Mi sembra terribile…
-Non hai alternative. Non abbiamo più tempo per cercare.
-Ma qui non posso. Quello di tre anni fa lo avevi trovato un po’ nascosto…
-Sembra un dettaglio della tua personalità ma, non trovo tanto sano che tu abbia questo problema con…
-Hai ragione ma penso sia peggiore quando si tratta di uomini…
-E cosa c’entrano gli uomini?
-Provo lo stesso che per i bagni.
-Cioè?
-Mi fa senso trovare traccia di chi li ha usati prima.

Reggio nell’Emilia, quando i quartetti d’archi guidano le stagioni. 2014 – Maria Listur

 

“The beauty of necessity it is a matter of scandal for the public accustomed to the necessity of beauty.”

Carlo Belli

-Right.
-Left!
-Right! I remember perfectly.
-It is me who has shown you the direction!
-Three years ago!
-Please, go to the left and you’ll find it.
-But if I don’t will you offer me some champagne?
-I would have done it anyway…

The woman who was indicating the left opens a door on the left and she finds it but, it is not the same of three years ago…

-See? It is not it!
-Why? How is it?
-Impossible it is Turkish style.
-And if it is Turkish, the lady doesn’t like…
-You are going towards racism to avoid recognizing that you were wrong. Let’s go right.

They go over galleries full of doors that lead to boxes mindful of sounds and that in centuries have been renovated regardless the wars, the earthquakes, the fashions, the governments. They look at each other, lost and in search of something that is not the contingent, that is not behind any door. They hush. Change direction, continuing the search. In the right they find another door. They open it, enter. The woman of the left controls, says:

-It is not going to be to your liking!
-What is it?
-Look…
-Oh my God! It looks terrible…
-You have no alternatives. We have no time to search.
-But I can’t here. The one of three years ago you found it a little bit hidden…
-It seems a detail of your personality but, I don’t find it very healthy that you have this problem with…
-You are right but I think it is worst when it is about men…
-And what men have got to do with this?
-I feel the same as for the toilets.
-That is?
-It disgusts me to find traces of those whom have used them before.

Reggio nell’Emilia, when the string quartets lead the seasons. 2014 – Maria Listur

Esigenza/Necessity

Ti so guardinga sull’altra sponda
Indaffarata Sicura Ordinata
Il tuo piacere non offre interruzioni
Abitante Comoda Ricchissima
Castello cristallino e castellana
Mi convinci spesso volentieri e vaga
Ma, imparo grazie a Kronos i tuoi vizi
Non sopporti l’indolente compagnia
E ti nascondi nel sollievo del mio ritmo
Ti perdono
Ti accolgo
Ti so presente
Altalenante Assente.

Fleur-II

Fleur II – 2014 – Maria A. Listur

Reggio Emilia, tra corde che vestono.
2014 – Maria A. Listur

 

Necessity

I know you prudent on the other riverbank
Busy Sure Neat
Your pleasure doesn’t offer interruptions
Inhabitant Comfortable Very Rich
Castle crystalline and castle
You very often convince me and vague
But, thanks to Kronos I learn your vices
You don’t bear the indolent company
And you hide in the relief of my rhythm
I forgive you
I embrace you
I know you present
Fluctuating Absent.

Reggio Emilia, among strings that dress.
2014 – Maria A. Listur