ALTRI TEMPI

Tempo misurabile

quello mentre si pronuncia la parola

squisitamente, o la frase

circolo virtuoso.

Anche tangibile la curva temporale

che percorrono i suoi occhi,

fino a me, e il respiro, 

quel battere terreno di dolcissimi fremiti

senza un solo pianto, 

offerti, fuor dal tempo, e anche qui.

Awareness, Moonassi ART

Parigi, ringraziando chi festeggia tutte le riuscite.

2021 – Maria A. Listur

FOSSERO

Che fossero i miliardi di baci

oppure le volte dei sani ti amo

può darsi anche gli sguardi perfetti

chissà le mani inconsuete

forse gli sguardi a misura

probabilmente le umidità profumate…

Mah… E se fossi tu a scaldare il tenero

centro dei miei ossicini ? Tu, mio respiro. 

Mia costante.

yoginmindfulness ph

Orvieto, Italia. Sotto il solitario sole.

2021- Maria A. Listur 

 

THEY WERE

Would it be the billions of kisses

or the times of the healthful I love you

could it also be the perfect glances

it might be the unusual hands

or the glances at measure

probably the scented humidity…

I wonder… And if it was you the one who warms the tender

center of my little bones? You, my breath.

My constant.

 

Orvieto, Italy. Under the lonely sun.

2021- Maria A. Listur

IL POSSIBILE/THE POSSIBLE

La facoltà del silenzio esula da sé stessa,
si sovverte, si rovescia -come un’ideologia
o come una coppa- quando il grido sordo
diventa aria tiepida sulla mia nuca, o sulla tua;
tempesta di petali di sangue nel limpido cuore.

832.LENE KILDE.jpg

LENE KILDE, Untitle

Parigi, nel tuo tempo, in tempo.
2019 – Maria A. Listur

 

THE POSSIBLE

The faculty of silence lies outside of itself,
it subverts, it floods -like an ideology
or like a cup- when the hollow scream
becomes tepid air on the back of my neck, or on yours;
storm of petals of blood in my clear heart.

Paris, in your time, in time.
2019 – Maria A. Listur

A TE/TO YOU

E quando ti piegherai per salvarmi
ti prego
fa che io, la tua lingua, già sappia
bambino divino
nume e carne
respiro,
costanza.

YO-anima-1-634YO-anima-2-634

Katsuo Ohno Studio – Con Yoshito Ohno
Tokyo 2016 – Gabriele del Papa ph and translator

Parigi, sotto un elegante sole che bacia indiscriminatamente.
Maria A. Listur – 2016

 

TO YOU

And when you will bend over to save me
I beg you
Be sure that me, your tongue, already know
divine child
deity and flesh
breath,
constancy

Paris, under an elegant sun that kisses indiscriminately.
Maria A. Listur – 2016

CONFIDENZE/CONFIDENCES

Custodita nella detta nitida gioia, do e colmo.
Penetro verso il basso, verso l’alto e mi concedo.
Lasciar andare senza allentare è mia vocazione.
Così respiro, il corpo estendo, l’anima brillanto.
Qualche volta narro, sempre dipingo, oggi riparto.

Taglio-III

Taglio III – 2015 – Maria A. Listur

Roma, quando il tutto somiglia a sé stesso.
2015 – Maria A. Listur

 

CONFIDENCES

Shielded in the spotless alleged joy, I give and fill.
I penetrate towards the bottom, towards the top and I indulge myself.
Letting go without loosen is my vocation.
So I breathe, I extend the body, the soul I sparkle my soul.
Sometime I narrate, I always paint, today I leave again.

Rome, when the whole resemble itself.
2015 – Maria A. Listur