22 Agosto di chissà quale anno…/August 22 of who knows what year…

… sempre piccola tu, qualcosa in più che vecchia,
nobile quanto un pezzetto di quel pane
ancora caldo. Terra tu, distanza e oro!
Raccoglievi figli, chitarre, animali
per il tuo vero zoo, per il sogno e anche per me.
Dall’orbita dei tuoi alloggi, alla soglia
del giardino dei miei morti, ricevo ancora
le tue lettere, rinnovato e uguale il tuo saluto,
mi richiama alla presenza, alla costanza,
alla madre che risuona nella lingua:
“Aquí me tienes, cuenta conmigo. Tu abuela.”

DSCN1048.jpg
Evocazione/Evocation, 2006

Parigi, in celebrazione del mio reperibile eterno.
2019 – Maria A. Listur

 

August 22 of who knows what year…

… Always so small you were, something more than old,
noble as much as a piece of that bread
still warm. Earth you were, distance and gold!
You gathered sons, guitars, animals
for you real zoo, for the dream and for me as well.
From the orbit of your accommodations, to the doorstep
of the garden of my deads, I still receive
your letters, renewed and equal your greeting,
it calls me back to the presence, to the constancy,
to the mother that resounds in the idiom:
“Aquí me tienes, cuenta conmigo. Tu abuela.”
(You have me here, count on me. Your grandma)

Paris, in celebration of my eternal reachable.
2019 – Maria a. Listur

TRASPARENZE/TRASPARENCIES

Come fossero parte della tela,
quasi invisibili le anime.
I corpi si confondono con le foglie,
miracolo del vento d’amicizia.
In fedele vocazione, in permanenza.

8000.jpg

Amiche e Amici a Pianoro, Agosto 2019/Girlfriends and Friends at Pianoro, August 2019

Maria A. Listur
In omaggio a Tich Nath Han

 

TRASPARENCIES

As if they were part of the canvas,
almost invisible souls.
The bodies merge with the leaves,
miracle of the wind of friendship.
In faithful vocation, in permanence.

Maria A. Listur
In homage to Tich Nath Han

DIREZIONE/DIRECTION

Oh mio universo! Il mio piccolo!
Con un inchino in te mi sollevo
mi rinnego, mi ringrazio;
a te mi affido, mi regalo
nell’inforcare al contrario
la puledra dei miei concetti,
la cucciola di opinioni…
Dottrine? Concezioni?
A te tutta intera la mia schiena
si abbandona, si riversa
nell’andare al galoppo avanti
addirittura retrocedendo.

773-Abbaye du Thoronet.jpg

Abbaye du Thoronet, France – Gabriele del Papa ph

Parigi, quando la pioggia illumina.
2018 – Maria A. Listur

 

DIRECTION

Oh Universe of mine! My little one!
With a bow I lift myself up in you
I repudiate myself, I thank myself;
I put my trust in you, I donate myself
in riding backwards
the filly of my concepts,
the cub of my opinions…
Doctrines? Conceptions?
To you my whole back
abandons, pours itself
in galloping forward
even going backwards.

Paris, when the rains illuminates.
2018 – Maria A. Listur

Amici/Friends

-Come mai si occupa d’arte?
-Mmmm…
-Unica opzione?
-Unica opzione.
-E si sente soddisfatta dalla scelta?
-Soddisfatta? Non so cosa significhi questa parola…
-Non prova mai soddisfazione?
-Non mi è stato dato provarla o non m’interessa. Non lo saprò mai.
-Ah! Per questo va da una disciplina all’altra?
-Io non vado da nessuna parte. Io conosco alcuni codici di espressione che sono il mio lavoro. Sono una specie di operaio culturale, costruisco dove mi si necessita e se posseggo gli strumenti necessari al caso.
-A prescindere dal suo gusto?
-Quale gusto? Sono una signora matura, frequento soltanto spazi etici ed estetici che risuonano ciò che credo sia utile al mondo.
-Non esce mai dalla zona di confort?
-Tutto il mio lavoro di guarigione psicofisica si è basato sul riuscire a stare nel confort, sono una specialista nel cercare di andare oltre! Mi ha fatto venire in mente un detto: “Tanto tempo a cercare di crearmi degli amici e ora arriva il mio terapeuta e mi dice che sono immaginari!”

Orsay Ville, sotto la neve si attende un treno, col fuoco nel cuore.
2018 – Maria A. Listur

 

Friends

-How come you deal with art?
-Ummm…
-The only option?
-The only option.
-And are you satisfied with the choice?
-Satisfied? I don’t know what that word means…
-Do you ever feel satisfied?
-I have never had the chance to feel it or I don’t care. I will never know.
-Ah! Is it for this that you go from a discipline to the other?
-I don’t go anywhere. I do know some codes of expression that are my job. I am a sort of cultural worker, I build where I am needed and if I have the necessary tools for the situation.
-Regardless of your taste?
-What taste? I am a mature woman, I frequent only the ethic and aesthetic places that resound with what I believe is necessary to the world.
-Don’t you ever go out the comfort zone?
-All my work about psychophysical healing is based on being able to stay in the comfort, I am a specialist in searching to go beyond! You have reminded me of a saying: “All this time in trying to create some friends for myself and now my therapist shows up and tells me that they are imaginary!”

Orsay Ville, under the snow a train is waited, with fire in the heart.
2018 – Maria A. Listur

“La seduzione è qualcosa che sottrae al discorso il suo senso e lo svia dalla sua verità.”/“Seduction is something that steals from the conversation its sense and it diverts it from its own truth.”

Jean Baudrillard

-Quanto tempo ci sta mettendo!
-Il tempo che ci vuole…
-Non ci vuole una grafomane per finire questo testo!
-No.
-Quindi?
-Ci vuole vita.
-Non mi sembra che lei stia morendo!
-Volevo dire esperienze.
-Quindi lei scrive secondo quello che vive? Alfieri si starà rivoltando nella tomba!
-O sulla sedia.
-Certo! Sulla sedia!
-Io mi rivolto mentre cammino.
-Si sta comparando ad Alfieri?
-E lei che mi sta comparando!
-Io ho comparato il modo di affrontare il proprio lavoro!
-E secondo lei, la scrittura è un lavoro che appartiene a chi scrive?
-Ecco la scappatoia mistica! Arrivato il momento di andare a prendere un bel bicchiere di vino! Le offro un brindisi di vita! E poi, lo scrive!
-Fatto.
-Scherzavo.
-Anche io.

Siena, 2010 – In un tempo che anticipò il tempo.
2017 – Maria A. Listur

 

“Seduction is something that steals from the conversation its sense and it diverts it from its own truth.”

Jean Baudrillard 

-It’s taking too long!
-The time that is necessary…
-It’s not needed a graphomaniac to finish this text!
-No.
-So?
-It takes life.
-It doesn’t seem to me that you are dying!
-I meant experiences.
-So you write according to what you live? Alfieri will be rolling over in his grave!
-Or on his chair.
-Of course! On his chair!
-I am rolling over while walking.
-Are you comparing yourself to Alfieri?
-You are the one comparing me!
-I am comparing the way to deal with our own job!
-And according to you, writing is a job that belongs to who writes?
-There you go with your mystic loophole! It’s time to go get a nice glass of wine! I’ll treat you the toast of life! And you are going to write about it!
-Done.
-I was kidding.
-So was I.

Siena, 2010 – In a time that anticipated time.
2017 – Maria A. Listur

Esercitazioni/Excercises

Un’esistenza loquace di ogni bene.
Anni di sguardi liberi di ogni male.
In infinito accordo, canti e parole.
Gesto, umidità e tocco, senza passati.
Tavole imbandite per un chicco di grano.
Rimembranze e gioia di presenti salvi.
Unità soddisfatta, in ogni frammento.
Solitudine corale, in sintonia con l’altro.

Costruzione-I

Costruzione I – 2014 – Maria A. Listur

Roma, quando il freddo scolpisce l’aria.
2014 – Maria A. Listur

 

Excercises

A loquacious existence of every good deed.
Years of glances free of every evil.
In infinite accord, chants and words.
Gesture, humidity and touch, without pasts.
Tables abundantly set for a grain of rice.
Remembrances and joy of preserved presents.
Satisfied unity, in each fragment.
Choral solitude, in harmony with the other.

Rome, when the cold chisels the air.
2014 – Maria A. Listur