DEVOZIONE/DEVOTION

Estese verso un sole irraggiungibile
-sospese nel cemento-
non si arrendono.
Baciano raggi a mo’ di lingue
specchiate alle finestre.
Vincono il falso destino
dell’ombra senza frescura.
Della natura è ancora sopportabile
la diligenza, la devozione;
perché si può leggere,
perché rileggere può essere vocazione
e risollevarsi dal catrame
come la pianta, diventa un riflesso.

866.jpg

Parigi, prima della tempesta.
2020 – Maria A. Listur

 

DEVOTION

Extended towards an unreachable sun
-suspended in the cement-
they do not give up.
The kiss the rays like tongues
reflected in the windows.
They overcome the fake destiny
of the shadow with no coolness.
Of nature it is still bearable
the diligence, the devotion;
because it can be read,
because rereading could be vocation
and raise back from the tar
like the plant, it becomes a reflex.

Paris, before the storm.
2020 – Maria A. Listur

RIFLESSO/REFLECTION

Un temporale in due parole
– sintassi d’inconsapevolezza –
scalfisce del tempo, il suo muro
rende lacrima il falso oblio
riporta a ora un universo, quando
– con simpatia e lontanamente –
una persona dice, e risuona:
“Ciao, Desaparecida!”

marcelo hopp.jpg

Marcelo Hopp – Spazi Intangibili
Centro Recoleta – Buenos Aires, Argentina

A Roma, hors du temps
2015 – Maria A. Listur

 

Reflection

A thunderstorm in two words
– syntax of unawareness –
of the time notches, its wall
it turns into tear the false oblivion
it brings back a universe, when,
– likeably and remotely –
a person says, and resounds:
“Ciao, Desaparecida!”

In Rome, hors du temps
2015 – Maria A. Listur