“Il mondo è diventato un grande magazzino, provvisto di cose che vengono consumate rapidamente – cose che riempiono tanto il cielo quanto la terra.”/“The world has become a department store, with things that are consumed rapidly – things that fill up the sky as well as the earth.”

Byung Chul-Han

-Signora…
-…
-Signora…
-…
-Signora!
-Ah! Mio dio! Che succede?!
-L’ho chiamata tre volte! Mi ha fatto paura!
-Lei mi ha fatto paura! Come le viene in mente di urlare a una persona che dorme!
-Non mi è sembrata addormentata!
-Meno male che non ho l’età della bell’addormentata del bosco né lei quella del principe azzurro altrimenti mi ristecchiva!
-Scusi scusi scusi!!
-Perché urla?
-Perché mi sono impaurito!
-Si figuri l’effetto che ha fatto a me!
-Mi è parsa… Come dire… Morta… Scusi…
-La prossima volta, prima di…
-Ah no! Non me lo faccia di nuovo!
-Non parlo di me… Parlo di chiunque lei troverà che si riposa: prima guardi se respira, s’è veramente immobile…
-Lei mi è parsa immobile…
-Mi ha guardato bene?
-Sì… E poi…
-E poi?
-Le cadevano delle lacrime dagli occhi chiusi, come mia zia Aurélie…
-Cosa?
-Sì, lei ha pianto e io ho ricordato che quando mia zia Aurélie è morta, molto giovane, dentro la bara le uscivano delle lacrime dagli occhi…
-Lei è sicuro che non fosse già in stato di decomposizione?
-Signora!
-Beh! Lei mi vede morta, mi risveglia urlando, mi dice che somiglio a sua zia piangente nella bara ed io non ho il diritto di porle una domanda? Scusi eh!
-Eh no! Non queste cose! Non si può parlare della morte senza rispetto!
-Ho capito. Meglio le lacrime dei morti che quelle dei vivi vero? Per cosa mi ha svegliato?
-Stiamo chiudendo il giardino e deve uscire.
-Ha già avvertito tutti gli altri?
-Signora, ho usato il megafono…
-Ed io sono l’unica che non ha sentito?
-Esattamente. Ora capisce?
-Cosa?
-Che è sorda oppure morta!
-Né sorda né morta! Rilassata!
-Allora provi a vendere il suo metodo di rilassamento perché sembra funzioni molto bene!
-E lei si informi sulla funzione delle lacrime dei dormenti…
-E se domani me lo spiega lei?
-Accetto soltanto se barattiamo… Che ne dice di una lezione sulla funzione delle lacrime durante il rilassamento con… ?
-Un tronchetto di rosa damascena che essuda o piange, decida lei, e che non riesco a curare… Se la prende?
-Ha mai provato a odorare della rosa le sue lacrime?

Parigi, sul prato del mio paradiso del popolo – 2016, Maria A. Listur

 

“The world has become a department store, with things that are consumed rapidly – things that fill up the sky as well as the earth.”

Byung Chul-Han

-Madam…
-…
-Madam…
-…
-Madam!
-Ah! My God! What’s happening?!
-I have called you three times! You scared me!
-You scared me! How could you even think of screaming to a person who is sleeping!
-You didn’t seem asleep!
-Good thing that I don’t have the age of sleeping beauty neither you the age of prince charming otherwise you would have killed me twice!
-Sorry sorry sorry!!
-Why are you screaming?
-Because you scared me!
-Let alone the effect it had on me!
-You seemed… How to say it… Dead… Sorry…
-Next time, before…
-Ah no! Don’t’ you do that again to me!
-I am not talking about myself… I am talking about whoever you find here resting: first look if he/she is breathing, if he/she is really motionless…
-You seemed motionless…
-Have you look at me well?
-Yes… And then…
-And then?
-Tears were falling from you closed eyes, like my aunt Aurélie…
-What?
– Yes, you were crying and I remembered that when my aunt Aurélie died, very young, inside the coffin tears were dropping from her eyes…
-Are you sure she wasn’t already decomposing?
-Madam!
-Well! You thought I was dead, woke me up screaming, told me that I remind you an aunt crying in the coffin and I have no right to ask you a question? Excuse me!
-Well no! Not this thing! You can’t talk about dead without respect!
-I got it. Better the tears of dead ones than those of the alive ones right? Why did you wake me?
-We are closing the garden and you have to leave.
-Have you told it everybody else?
-Madam, I used the megaphone…
-And I am the only one that didn’t hear you?
-Exactly. Now do you understand?
-What?
-That you are either deaf or dead!
-Neither deaf nor dead! Relaxed!
-Then try selling your method to relax because it seems working very well!
-And you inform yourself about the function of the tears for sleeping people…
-What if you explain it to me tomorrow?
-I accept only if we do a trade… How about a lesson on the function of the tears during relaxation with… ?
-A branch of the Damascus Rose that exudes or cries, you choose, and that I can’t cure… Do you want it?
-Have you ever tried sensing of the rose its tears?

Paris, on the lawn of my paradise of the people – 2016, Maria A. Listur

RISPARMIATORI DI ANIMA/SOUL SAVERS

Guardano le eclissi perché novità.
Risparmiano baci in attesa del meglio,
pensano: Verrà…
Alzano lo sguardo senza ringraziare,
la pioggia, il sole,
dimenticano l’aria,
che sa.
Riempiono il frigo d’impacchettati gusti,
infedeli alla fame,
fedeli all’ansia,
che fa.
Amano soltanto quel che innamora
per non rinunciare all’odio,
che verrà.
Custodiscono la propria famiglia
che credono propria,
quanto la prole,
il gatto
e del giardino,
la rosa…
E anche essa,
partirà.

Nocturno-2

Nocturno 2 – 2015 – Maria A. Listur

Parigi, quando l’eclisse sa illuminare quel che c’è.
2015 – Maria A. Listur

 

SOUL SAVERS

They observe the eclipses because novelty
They save kisses waiting for better,
they think: It will come…
They raise their glance without thanking
the rain, the sun,
they forget the air,
that knows.
They stuff the fridge with packed flavors
unfaithful to appetite
faithful to anxiety,
that makes.
They love only what enchants
for the purpose of not renouncing to hate
that will happen.
They preserve their own family
which they believe own,
as well as the children
the cat
and
of the garden, the rose…
And that too,
will part.

Paris, when the eclipse knows how to illuminate what it is necessary
2015 – Maria A. Listur