IL GIORNO CHE GUARDA/THE DAY THAT WATCHES

Il centro di ogni cosa si decentra e si sfuoca

quando quello che ascolta non è più l’udito

ma la paura ancestrale della perpetuità;

quando l’occhio vuole le rose eppure il giorno

si chiede: come si fa a odorarle con tanto timore

quasi senza respiro, o almeno a lui sembra…

Staccati dai sensi, allarmati d’ignoto, 

spaventati dall’aria… Chissà!

Le Rose di Casa/The House Roses

Parigi, in vita. Per la vita, in prospettiva.

2020-Maria A. Listur

THE DAY THAT WATCHES

The center of everything decentralises and blurs
when what listens, it is not the hearing anymore
but the ancestral fear of perpetuity;
when the eye wants the roses yet the day
asks: how can they be smelled with such a fear
almost out of breath, or at least so it seems to him…
Detached by the senses, alarmed by the unknown,
frightened by the air… Who knows!

Paris, alive. For life, in perspective.
2020-Maria A. Listur

GIANNA ALFIER, Se Sono Rose…/if they are roses…

Signora Gianna Alfier, rendo a Lei la pagina, con profonda gratitudine: 

TRAINING INTERNAZIONALE PER ATTORI – Verona 2019
Maria A. Listur, trainer

Pienamente riuscito il Training Internazionale per Attori condotto da Maria A. Listur sulla tematica gestuale. Non più monologhi con attori immobili davanti ad un microfono e davanti ad un pubblico spesso annoiato, ma attori in continuo movimento nell’esplicazione del proprio personaggio. Corpo, mani, piedi rigorosamente scalzi. Una prova aperta al pubblico al Teatro Satiro di Verona dove aleggia un’idea di libertà che sfocia nella creatività degli artisti trainati dalla Listur. I monologhi sono scelti tra autori sei-settecenteschi come Shakespeare, Molière, Goldoni, Calderón della Barca. Gli attori si muovono in modo autonomo incastrando i propri personaggi l’uno con l’altro in un intrecciarsi di battute senza perdere il filo della trama, interpretando, dando voce al proprio personaggio fuori da ogni schema precostituito. Le parti si miscelano mantenendo l’individualità del personaggio puntualizzata anche dai toni della voce a volte sommessi, a volte squillanti. Un uccellino cinguetta i suoi pensieri dando avvio a questa maxi-performance che trova le sue radici in un desiderio di rinnovamento. L’immagine è simbolo dei nostri tempi e sarà con Sigismondo sempre presente nello spettacolo-prova immortalando locandiere fiere dei loro corteggiatori, una Giulietta datata che rifiuta il suicidio, Benedetto che cerca la sua amata e sfoga le tensioni a suon di batteria, un Don Giovanni nauseato dalle troppe donne innamorate, Desdemona che cerca il suo Otello ma trova solo Iago perfido, sfuggente e saltellante folletto.
Pazzia interpretativa? No, meglio, un teatro dell’assurdo “listurizzato” che prende avvio dall’improvvisazione degli attori con cambi di sedie, movimenti di corpi fino a coinvolgere il pubblico in quel piccolo spazio scenico nero con sullo sfondo un tracciato geometrico classico luminoso. Alla fine nessun spettatore si decide ad uscire nonostante l’invito con segnali manuali di Giulietta.
Un ballo molto gradito al pubblico che partecipa con gli attori sulle note di “Smorza è light” di Renzo Arbore, suggella il lavoro di : Jessica Azzinnari, Alessia Bartolomucci, Anna Fiorina Garofalo, Giovanni Giacomelli, William Moreschi, Emanuela Morozzi, Gabriele del Papa, Laura Pazzaglia.
Un lavoro originale questo ideato e condotto da Maria A. Listur, piuttosto difficile data la classicità dei personaggi scelti che sono stereotipi ben radicati nell’immaginario di ognuno di noi.
E, come recita il titolo, Se Sono Rose….

Gianna Alfier

IMG_9436.jpg

Gianna Alfier ph

IMG_9386.jpeg

GIANNA ALFIER, if they are roses…

 

Madam Gianna Alfier, the page is yours, with profound gratitude:

INTERNATIONAL TRAINING FOR ACTORS – Verona 2019
Maria A. Listur, trainer

Absolutely successful the International Training for Actors coordinated by Maria A. Listur on the theme of the gesture. No more monologues of actors standing motionless in front of a microphone and in front of a often bored audience, but actors continuously moving in the explication of their own character. Bodies, hands, feet rigorously bare. An open rehearsal for the audience at the Satiro Theatre of Verona where it flutters an idea of freedom that debouches in the creativity of the artists trained by Listur. The monologues chosen among authors of the sixteen-seventeen hundred like Shakespeare, Molière, Goldoni, Calderón de la Barca. Actors move autonomously interlocking their own characters with the others in a interweave of their lines without ever losing the thread of the plot, interpreting, giving voice to their own character out of any pre-established scheme. The parts do blend very well keeping the individuality of the character pinpointed also by the tone of the voice, sometimes soft, sometimes shrilling. A little bird chirps its own thoughts giving way to this mega performance that finds its own roots in the desire of renewal. The image is the symbol of our time and it will be with Sigismund always present in the show-rehearsal immortalizing innkeepers proud of their admirers, a dated Juliet who refuses the suicide, Benedetto who is looking for his lover and lets his steam off playing the drums, a Don Juan nauseated by the too many women in love, Desdemona who is searches her Othello but finds only Iago deceitful, elusive and hopping goblin.
Interpreted madness? No, better, a Theatre of the absurd “listurized” which starts from the improvisation of the actors shifting their chairs, movements of the body until the audience is involved in that small black scenic space with a classic luminous geometric trace in the background. In the end no person of the audience decides to leave despite Juliet’ hands gestures invitations.
A dance very appreciated by the audience that participates with the actors on the notes of “Smorza ‘e lights” by Renzo Arbore, sets the seal on the work of : Jessica Azzinnari, Alessia Bartolomucci, Anna Fiorina Garofalo, Giovanni Giacomelli, William Moreschi, Emanuela Morozzi, Gabriele del Papa, Laura Pazzaglia.
An original work authored and directed by Maria A. Listur, quite difficult considering the classicality of the chosen characters which are stereotypes well rooted in the imaginary of each one of us.
And, as the title says, If they are Roses….

Gianna Alfier

MURARE/WALLING

Ho delle crepe nate da certe memorie.
Ho degli ossidi sorti da feconde lacrime,
forme ghiotte di bruma, incarnate,
talune isolate.
Ho bizzarri abbandoni di flessuosa importanza,
impegnati tuttora a farmi da specchio
a ribadire il silenzio di ogni mattone
tutti quanti, sollevati dal petto.

MURI1.jpg

MURI3.jpg

MURI/WALLS I/2 et T. Lautrec – 2015, Paris – Porcelaine et Cendres/Porcelain and Ashes

Parigi, quando il sole sembra una rosa.
2018 – Maria A. Listur

 

WALLING

I have some cracks born from certain memories.
I have some oxides risen up from fecund tears,
forms eager of haze, embodied,
some isolated.
I have odd abandons of agile importance,
still active in acting as a mirror for me
in reiterating the silence of each brick
all of them, lifted from the chest.

Paris, when the sun seems like a rose.
2018 – Maria A. Listur

DEBOLEZZA/WEAKNESS

Ho un debole per i gelsomini,
ho anche un debole per le rose,
per il lesto arrivo di quella spina
– tra costole e vertebre –
che ricorda dov’è la casa delle ali,
il volo.

720 debol.jpg

Roseto di Roma/Rome Rose Garden 2017

Parigi, lunare, lievemente in primavera.
2017 – Maria A. Listur

 

WEAKNESS

I have a weakness for Jasmines,
I have also a weakness for roses,
for the fast arrival of that thorn
– between the ribs and the vertebrae –
that reminds where it is the home of the wings,
the flight.

Paris, lunar, lightly in spring.
2017 – Maria A. Listur

SEGNARE CONGEDO/MARKING THE FAREWELL

Che meraviglia l’età,
la materia ridotta,
il tuo viaggio!
La tua sostanza, intatta
– di carta fatta, di lettere-
dal terzo scaffale, mi guarda.
Il tuo nome si licenzia dal corpo,
e tace, di silenzio echeggia!
Compagno mai incontrato.
Amico portatomi a letto
e letto: Buon viaggio!
Ad attenderti oltre l’epilogo:
Santi, maestri, regine.
Sacri profumi di rose!
Aule, beati, labirinti, canti.
Pendoli capaci di ellissi!
Alunni, apocalissi e fiamme.
Pianeti a forma d’isole!
Biblioteche, biblioteche,
biblioteche e
pagine.

Eco-Tullio-Pericoli

Tullio Pericoli – Umberto Eco

Parigi, “Cuando un amigo se va…
Se detienen los caminos…” Alberto Cortez
19 Febbraio 2016 – Maria A. Listur

 

MARKING THE FAREWELL

What a marvelous thing the age,
the matter reduced,
your travel!
Your substance, intact
– of paper made, of letters-
from the third shelf, it looks at me.
Your name leaves form the body,
and is quiet, of silence it echoes!
Never met comrade.
Friend brought to me to bed
and read: Safe trip!
Waiting for you beyond the epilogue:
Saints, masters, queens.
Sacred rose scents!
Rooms, blessed, labyrinths, chants.
Pendulums capable of ellipsis!
Students, apocalypses and flames.
Planets in islands forms!
Libraries, libraries,
libraries and
pages.

Paris, “When a friend goes…
All the paths are held back…” Alberto Cortez
February 19, 2016 – Maria A. Listur