“Scrivere è un modo di parlare senza essere interrotti.”/“Writing is a way of talking without being interrupted.”

Jules Renard

-Che privilegio!
-L’interesse sembra l’infrastruttura intrappolata e incolume dell’ignoranza.
-Mi stavo riferendo alla bellezza del panorama…
-Impossibile instabilità dell’inferno.
-Allenamento delle “i”?
-Intollerabile inutilità!
-Per favore, vuoi parlare normalmente?
-Irreprobabile implorazione.
-Smettila.
-Inquietudine incerta…
-Dovrei ridere?
-Inadeguata imposizione!
-Ti piace giocare da solo?
-Irritato imploro inerenza.
-Ti annoia questa passeggiata?
-Indocile indulgo.
-Ti prego di spiegarti perché non ti seguo.
-Individualista indisposta!
-Continuiamo la passeggiata separatamente?
-Indeiscente!
-Ah sì? Ti sembro immatura?
-Inumana.
-Potrebbe essere un complimento…
-Ingenua.
-Mmm.
-Intiepidisco intemperanze.
-Sollevata semplifico spirito sprovvisto!
-Impressionato inganno!
-Un tè, un bicchiere di champagne? Quello che vuoi pur di smetterla!
-Invocatrice incontentabile!
-Tutto questo circo per dirmi questa frase.
-Sì.
-Sarcastico…
-Innamorato.
-Imprevisto impensato inatteso…
-Incantato imploro.
-Cosa?
-L’indicibile.

Assisi, dove le pietre ricordano stelle. 2014 – Maria A. Listur

 

“Writing is a way of talking without being interrupted.”

Jules Renard

-What a privilege!
-Interest seems the infrastructure imprisoned and intact of the ignorance.
-I was referring to the beauty of the landscape…
-Impossible instability of the inferno.
-Training with your “i’s”?
-Intolerable inutility!
-Please, could you talk normally?
-Intolerable inanity.
-Stop it.
-Indeterminate Inquietude…
-Should I laugh?
-Inadequate imposition!
-You like to play alone?
-Irritate I implore inherence.
-Does this walk bore you?
-Indocile I indulge.
-I beg you to explain yourself cause I can’t follow you.
-Individualist indisposed!
-Shall we continue the stroll separately?
-Indehiscent!
-Oh yes? Do I sound immature?
-Inhumane.
-It could be a compliment…
-Inexperienced.
-Umm.
-I let intemperance to cool.
-Lifted I simplify the unprovided spirit!
-Impressed deceit!
-A tea, a glass of champagne? Whatever you want as long as you stop!
– Incontestable invocator!
-All this mess to tell me this sentence.
-Yes.
-Sarcastic…
-In love
-Improvised incidental unexpected…
-Incanted I implore.
-What?
-The indescribable.

Assisi, where the stones remember stars. 2014 – Maria A. Listur

A te che attendi/To You Waiting

-Non sono d’accordo. Non si può rispondere con un testo di un altro autore!
-Perché?
-Se scrivi una lettera devi essere sincera.
-Cosa c’entra la sincerità?!
-Che non hai scritto quello che senti… Sarei soltanto d’accordo se tu non fossi capace di scrivere.
-E cosa c’entra saper scrivere?! Io sono una perenne lettrice!
-Ti senti debitrice dei tuoi scrittori preferiti?
-Sì, sono debitrice!
-Tanto da non poter riscrivere su quello che hanno già scritto?
-Non voglio riscrivere! Soprattutto se so che hanno detto qualcosa che esprime quello che voglio dire in un modo meraviglioso!
-Continuo a non essere d’accordo!
-Io ti mando il testo e mi dirai se esiste un modo ugualmente poetico e chiaro per esprimere la mia risposta!
-Non me lo mandare! Leggimelo!
-Ora?
-Ora.
Leggo:

“So che tu speri
di rincontrarci ancora lassù,
dopo le cadute e le separazioni,
noi che non ci siamo misurati le mani
prima di stringercele,
neanche dopo.
Però voglio dirti
che non importerà se invece d’incontrarci lassù,
ci incontreremo laggiù,
perché insieme abbiamo già imparato
che il vino della celebrazione può anche bersi
con il calice rovesciato.”

Dopo un suo sospiro, domanda:
-Chi è l’autore?
-Roberto Juarroz.
-Penso che tu sia stata pigra… Avresti potuto scrivere una lettera senza nasconderti nella poesia metafisica!
-Non credo.
-Dammi una ragione che non sia lo stile o il talento.
-Ah! E ti pare poco?
-Dammi un motivo!
-Il senso di silenzio che pervade la sua scrittura.
-Ti sembra che nel tuo lavoro non ci sia?
-Nel mio lavoro c’è ancora troppo desiderio.
-E ti sembra male?
-Mi sembra rumore.

Roma, il glicine cresce per ricordare il miracolo dei colori impossibili. 2013 – Maria A. Listur

 

To You Waiting

-I don’t agree. You can’t answer with the text of another author!
-Why?
-If you write a letter you ought to be sincere.
-What’s sincerity has got to do with it?!
-You didn’t write what you feel… I would agree only if you weren’t able to write.
– What has the ability of writing got to do with it?! I am an endless reader!
-Do you feel you owe something to your favorites writers?
-Yes, I owe them!
-Enough of not being able to rewrite on what they have already written?
-I don’t want to rewrite! Especially if I know that they have said something that expresses what I want to say in a wonderful way!
-I am still not agreeing with you!
-I am going to send you the text and you tell me if it exists an equal poetic and clear way to express my answer!
-Don’t send it to me! Read it for me!
-Now?
-Now.
I read:

“I know that you hope
to meet again up here,
after the falling and the separations,
we who have not measured our hands
before holding them each other,
not even afterwards.
But I do want to tell you
that it won’t matter if we’ll meet down here,
instead of up there,
because together we have already learned
that the wine of celebration can also be drank
with the chalice upside down .”

After her sigh, she asks:
-Who’s the author?
-Roberto Juarroz.
-I think you have been lazy… You could have written a letter without
hiding in the metaphysic poetry!
-I don’t think so.
-Give me a reason that it’s neither the stile nor the talent.
-Ah! And you think that’s not enough?
-Give me a motif!
-The sense of silence that pervades his writing.
-You think you don’t have it in your work?
-In my work there is still too much desire.
-And you think is bad?
-It seems noise.

Rome, the glycine grows to remind the miracle of the impossible colors. 2013 – Maria A. Listur