“Ho paura di quello che le parole mi potrebbero far diventare.”/“I am afraid of what words might change me into.”

Samuel Beckett

-Mi spieghi cosa ama delle rughe?!
-Se glielo devo spiegare non ha senso… Non ho intenzioni di farmi capire, si figuri farmi comprendere!
-Le chiedo spiegazioni per dire che vorrei conoscere il suo parere.
-Ah… Beh… Io credo che…
-Perché non credo ci sia niente di bello nella vecchiaia!
-Mmm…
-E parlare delle rughe, è già niente rispetto al resto! Ha visto le ossa?
-Lei sta generalizzando non cred…
-E il colore della pelle?
-Ma… Tuttavia…
-In ogni caso penso sia peggio per gli uomini!
-Mmm…
-Certo! Anche se incominciano a invecchiare dove non si vede…
-Penso ancora sia una generalizzazion…
-E anche se sono decaduti intimamente, esteriormente fanno sempre i piacioni!
-Signora, mi scusi… Lei, chi frequenta?
-Il mondo cara mia! Il mondo!
-Insisto, sta generalizzando.
-E lei non mi sta rispondendo? Cosa vede di bello nelle rughe?
-Ho cercato di parlare ma lei…
-E si imponga mia cara! Cosa deve aspettare? Deve diventare ancora più vecchia?
-Impormi? Per cosa?
-Per rispondermi! Ma… Ha qualcosa da dirmi?
-No.
-Ma! Se è stata al punto di giustificare il suo gusto per le rughe!
-Giustificare?
-Spiegare.
-Spiegare?
-Condividere.
-No Signora, io ho cercato di rispondere alla sua domanda.
-Risponda!
-Amo l’origine.
-Origine?
-Sorrisi o lacrime.
-Tutto qui?
-Tutto qui.
-Sa che lei ha l’aria di essere molto più profonda?
-Veramente?
-E in fondo è una donna terribilmente semplice!
-Grazie.
-Speravo in una risposta un po’ più complessa!
-Tipo?
-Se conoscessi qualcosa di complesso che giustifichi il gusto per l’invecchiamento, non starei qui a invecchiare mentre glielo chiedo!

Parigi, mentre le foglie cadono e il glicine rinverdisce. 2015 – Maria A. Listur

 

“I am afraid of what words might change me into.”

Samuel Beckett

-Can you explain to me what you love about the wrinkles?!
-If I have to explain it to you it makes no sense… I have no intention of make myself understood, let alone make myself comprehend!
-I am asking you explanations to say that I wish to know your opinion.
-Ah… Well… I think that…
-Because I don’t believe there isn’t anything beautiful about old age!
-Umm…
-And talking about wrinkles is nothing comparing to the rest! Have you seen the bones?
-You are generalizing I don’t…
-And the color of the skin?
-Well… Nevertheless…
-In any case I think it is worse for men!
-Umm…
-Of course! Even if they start aging where it can be seen…
-I still think it is a generalization…
-And even if they have decayed intimately, exteriorly they pretend to be playboys!
-Madam, excuse me… Who do you hang out with?
-The world my dear girl! The world!
-I insist, you are generalizing.
-And you are not answering? What’s so nice about wrinkles?
-I have tried to say it but you…
-Well impose yourself! What are you waiting for? Do you have to become older?
-Impose myself? For what?
-To answer me! But… Do you have something to say?
-No.
-But! You were on the verge of justifying your taste for wrinkles!
-Justifying?
-Explain.
-Explain?
-Share.
-No Madam, I have tried to reply to your question.
-Answer!
-I love the origin.
-Origin?
-Smiles or tears.
-That is all?
-That is all.
-Do you know you seem to be very profound?
-Really?
-And deep down you are a very simple woman!
-Thank you.
-I was hoping for a more complex answer!
-Like?
-If I knew something complex that justifies the taste for old age, I wouldn’t be here aging while asking you!

Paris, while the leaves fall and the wisteria becomes green again. 2015 – Maria A. Listur

VITA/LIFE

Soffocata nella semplicità del nascere
Ristretta nella ripetizione condizionante
Violentata dai riti limitanti
Ridotta nelle fatiche quotidiane
Idolatrata in vera e finta giovinezza
Condizionata interpretata infine breve
Donatrice infaticabile di esperienze
Leggero petalo sul fiume dell’eterno.

Rete-III

Rete III – 2014 – Maria A. Listur

Roma, in stagioni sovrapposte…
2014 – Maria A. Listur

 

LIFE
Suffocated in the simplicity of being born
Restricted in the conditioning repetition
Harassed by the limited rites
Reduced in the daily grinds
Idolized in true and fake youth
Conditioned interpreted at last short
Tireless giver of experiences
Light petal on the river of the aeternum.

Rome, in overlapped seasons…
2014 – Maria A. Listur