“Se cadrai ti rialzerò, altrimenti, mi sdraierò accanto a te.”/“If you fall I’ll help you up, otherwise, I’ll just lay down next to you.”

Julio Cortazar

-Per favore… Sediamoci un attimo prima di uscire…
-Ti senti bene?
-No…
-Chiamo l’infermiere?
-No, aspettiamo un attimo.
-Puoi dirmi come ti senti?
-Mi fa male la testa e non sono abituata a sentirmi così tirata…
-Tirata?
-Sì, mi sento come se fossi pronta ad esplodere… Tu mi vedi gonfia?
-No, ti vedo…
-Come?
-Ti vedo. Punto.
-Mi vedi male! Dillo!
-Dal piglio che hai direi che già ti stai sentendo meglio… Vuoi uno specchio?
-Mi sono già vista allo specchio! Risparmiami!
-Ah…
-Ah… Cosa?
-Niente… Ah… Ah… Bene che ti sei vista…
-Faccio schifo! Dillo!
-Schifo no… Non oserei dire “schifo”… Direi…
-Orrenda!
-No… Direi…
-Dillo!
-Tu sempre tu ma, dietro un telo trasparente.
-Perché devi sempre fare la poetica? Perché?
-Non è poesia… È quello che vedo.
-Peggio mi sento! Allora tu vedi sempre quello che non c’è! Io non sono dietro un telo! Sono qui, mi fa male la testa, sento ancora gli aghi sulla pelle e sono incazzatissima perché non pensavo di avere dei lividi sulle labbra!
-Ho capito… Ti accompagno a casa?
-Certo! Non immaginerai che passerò la giornata senza di te! Sei stata d’accordo ad accompagnarmi e hai accettato tutto senza mettermi in discussione… Ora resti con me!
-Certo.
-Ti prego di essere un po’ polemica… Dimmi una di quelle cose tue che mi fanno stare malissimo!
-Ti voglio bene.
-Anche io mi sento dietro un telo trasparente!
-Andiamo a casa. Ti farò ridere talmente tanto che ti passerà l’effetto paralisi in una serata!
-Mi ha detto che la sostanza che mi ha iniettato dura più o meno sei mesi…
-Ecco che mi hai risolto il mio prossimo volontariato! Te lo faccio ammorbidire a forza di risata in tre mesi!
-Promesso?
-Ci provo.

Roma, quando la parola maturità non ha lo stesso significato per chi si ama. 2016 – Maria A. Listur

 

“If you fall I’ll help you up, otherwise, I’ll just lay down next to you.”

Julio Cortazar

-Please… Let’s sit down for a moment before going out…
-You are not feeling well?
-No…
-Shall I call the nurse?
-No, let’s wait a moment.
-Can you tell me how do you feel?
-My head hurts and I am not used to feel so constricted…
-Constricted?
-Yes, I feel like I am about to explode… Do you see me swollen?
-No, I see you…
-How?
-I see you. That’s it.
-You see me bad! Say it!
-By the attitude I can say that you are feeling better already… Do you want a mirror?
-I have already seen myself in the mirror, leave me be!
-Ah…
-Ah… What?
-Nothing… Ah… Ah… Good that you have seen yourself…
-I am a mess! Say it!
-A mess no… I wouldn’t dare to say “mess”… I’d say…
-Horrendous!
-No… I’d say…
-Say it!
-You always you, but behind a transparent cloth.
-Why do you always have to be poetic? Why?
-It is not poetry… It’s what I see.
-Even worse! So you always see what it isn’t there! I am not behind a cloth! I am here, my head hurts, I still feel the needles on my skin and I am pissed because I didn’t think I had bruises on my lips!
-I got it… Shall I drive you home?
-Sure! You’re not thinking that I will spend the day without you! You agreed to come with me and you have accepted everything without bringing it in to question… Now you stay with me!
-Sure.
-I beg you to be a bit critical… Tell me one of those things of yours that make me feel so bad!
-I love you.
-I also feel behind a transparent cloth!
-Let’s go home. I’ll make you laugh so hard that the paralysis effect will go away in an evening!
-You told me that the substance they injected me will last six months…
-There, you have solved my next charity work! I’ll make it go soft by laughter in three months’ time!
-Promised?
-I’ll try.

Rome, when the word maturity doesn’t have the same meaning for those we love. 2016 – Maria A. Listur

“La sostanza sta nelle sfumature.”/“The essence is in the undertones.”

Alessandro Morandotti

Se le vedessero dall’alto,
per esempio da un secondo piano,
non si sarebbe in grado di comprendere le età…
A qualche metro e lateralmente,
si vede che una è più giovane.
La più giovane trema.
La più anziana è immobile.
Ascolta.
La sofferenza può essere insopportabile
a qualsiasi età
tuttavia durante la giovinezza
sembra inappropriata… Distopica!
La giovane racconta una perdita.
(Colgo un nome maschile)
La più anziana è immobile.
La giovane soffre tanto da non poter piangere.
(Ascolto non per curiosità ma,
per vocazione)
La giovane contorce il viso senza lacrime,
appare corrosa da un male nuovo.
La sofferenza sembra più nuova
dentro una pelle nuova!
La più anziana ci sorprende con un abbraccio.
(Non capisco in quale momento
si sia inclinata verso la giovane.
Di colpo l’ha stretta a sé)
La ragazza non abbandona il dolore.
La più anziana le carezza la schiena.
La giovane piange.
La più anziana dice:
-“Non avrei mai immaginato di vederti soffrire così tanto…”
La giovane risponde in lacrime:
-“Neanche io.”
Si separano.
La più anziana traspare.
La più giovane torna bambina.

Roma, si può partecipare silenziosamente.

2014 – Maria A. Listur

 

“The essence is in the undertones.”

Alessandro Morandotti

If they would see them from above,
for example from a second floor,
no one would be able to understand their age…
Some meter apart and on the side,
it can be seen that one is younger.
The youngest one shivers.
The eldest one is motionless.
Listens.
The pain can be unbearable
at any age
although in youth
seems inappropriate… Distopic!
The young one tells about a loss.
(I catch a male name)
The eldest one is motionless.
The young one suffers so much that she cannot cry.
(I listen not out of curiosity but,
for vocation)
The young one deforms her face without tears,
it appears corroded by a new sickness.
The pain seems newer
inside a fresh skin!
The eldest one surprises us with an embrace.
(I don’t understand in which moment
she has leaned towards the young one.
Suddenly she held her close)
The girl doesn’t leave the pain.
The eldest one caresses her back.
The young one cries.
The eldest one says:
-“I would have never imagine to see you suffering so much…”
The young one replies in tears:
-“Neither would I.”
They part.
The eldest one shine through.
The youngest one returns child.

Rome, it’s possible to participate quietly.

2014 – Maria A. Listur