“… la paura e la speranza, tutto quanto rende l’uomo confuso.”“… fear and hope, that is all that makes a man confused.”

Stefan Zweig, Gli occhi dell’eterno fratello

-Delusa?
-Da troppo tempo non mi sono consentite le illusioni…
-Colpita?
-Colpita.
-Mi dispiace tanto…
-Sei accanto a me quindi posso permettermi un colpo di maggiore volume.
-Mi dispiace tanto ma credo di essermi quasi addormentata… Come fosse un colpo di sonno!
-Io mi sono addormentata… Non ti sentire in colpa…
-Ma… stiamo parlando del tuo referente, del tuo paradig…
-Che non avevo mai visto a teatro!
-Capisco…
-Lo so.
-Ti posso offrire dello champagne? E non per affogare le pene!
-Lo so. Champagne!
-Sai che mi sono sentita un po’ intimidita di venire qui, di vedere lo spettacolo… Non avrei mai immaginato che fosse così… Come dire?
-Brutto!
-Sì… Brutto. Quel che si dice un lavoro…
-Inutile!
-Sì… No…
-Puoi dirmi ogni cosa! Dopo questo mi sono tolta da ogni vertebra ogni tipo di peso estetico!
-Sicura?
-Sicura.
-E che hai messo tanto…
-Probabilmente l’ammirazione mi ha confuso!
-Allora… Io direi che questo spettacolo è fatto da persone che non sanno camminare!

Avignone, mentre il sole cade verso la mezzanotte e preannuncia uno nuovo, sconosciuto.

 
“… fear and hope, that is all that makes a man confused.”

Stefan Zweig, The Eyes of the Eternal Brother

-Disappointed?
-From far too long I wasn’t allowed to have illusions…
-Moved?
-Moved.
-I am really sorry…
-You are here next to me so I can take a blow of greater intensity.
-I am so sorry but I think I have almost fall asleep… As it was a sudden-onset sleep!
-I fell asleep too… Don’t feel sorry…
-But… we are talking about your referent, your paradig…
-That I had never seen on stage!
-I get it…
-I know.
-Can I offer you some champagne? And it’s not for sinking the pain!
-I know. Champagne!
-You know that I felt a bit intimidated to come here, to see this performance… I would have never imagined that it was like that… How can I say?
-Bad!
-Yes… Bad. What you’d call a work that is…
-Useless!
-Yes… No…
-You can say what you want! I have unloaded from each vertebra any kind of esthetic weight!
-Sure?
-Sure.
-But you have put some much…
-Probably admiration has confused me!
-Well… I would say that this performance is made by people who can’t walk!

Avignon, while the sun sets towards midnight and preannounces a new, unknown.

“La speranza umana è la zavorra che bisogna gettar via senza posa.”/“Human hope is the ballast that should be thrown away indefatigably.”

Jean Rostand

-Ti amo.
-Anche io.
-Anche tu mi ami?
-Certo, anzi, sì, ti amo.
-E da quando?
-Da sempre.
-Da sempre? Sempre?
-Sì.
-Dai… Mi stai prendendo in giro…
-Io ti ho creduto. Come mai tu non mi credi?
-Io non ho detto di amarti “da sempre”!
-Ah! Scusa… Un sottinteso che parla dei miei sentimenti… Scusa.
-No, scusa tu…
-Di cosa?
-Di non aver provato l’amore prima.
-Sarebbe stata follia! Una forma d’innamoramento!
-Allora tu?
-Io cosa?
-Tu hai detto che mi hai amato dal primo momento. Si è trattato di follia, d’innamoramento o di entrambi? In ogni caso, se stiamo a quello che hai detto prima, non è stato Amore.
-Hai ragione.
-Quindi, neanche tu mi hai amato dal primo momento…
-Purtroppo sì.
-Come purtroppo?
-Parte della mia follia…
-Ti rendi conto che stiamo parlando di qualcosa di serio e sembra uno scherzo?
-Serio?
-Sì, serio. L’amore è una responsabilità!
-Non è uno stato?… Costante…?
-Sì, beh! Non so… Secondo me, è la responsabilità più importante… Certo è che non si tratta di uno scherzo! Ci vuole moltissima pazienza, dedizione, intelligenza!
-Sì certo… Ma… Si potrebbe ricominciare?
-Cosa?
-La dichiarazione.
-Va bene. Te la ripeto: Io ti amo!
-Mmm…
-Hai capito? Ti amo.
-Mmm… Mmm
-Oh! Ora di colpo ti rincretinisci…
-Negli ultimi anni mi sono rincretinita tantissimo…

Parigi Roma Roma Parigi Parigi Roma Roma Parigi… Beh! Che belli sono gli aerei! – 2015 – Maria A. Listur

 

“Human hope is the ballast that should be thrown away indefatigably.”

Jean Rostand

-I love you.
-Me too.
-Do you love me as well?
-Sure, in fact, yes, I love you.
-And since when?
-All along.
-All along? Always?
-Yes.
-Come on… You are making fun of me…
-I have believed you. Why don’t you believe me?
-I didn’t say I love you “all along”!
-Ah! Sorry… An implication that talks about my feelings… Sorry.
-No, I am sorry…
-For what?
-For not having felt love before.
-It would have been madness! A form of falling in love!
-What about you?
-Me what?
-You have told me that you have loved me since the first time. Was it madness, falling in love or both? In any case, if we refer to what you said before, it wasn’t Love.
-You are right.
-So, you haven’t loved me from the first time…
-Unfortunately yes.
-Why unfortunately?
-It’s a part of my madness…
-Do you realize that we are talking about something serious and it seems like a joke?
-Serious?
-Yes, serious. Love is responsibility!
-Isn’t it a state?… Constant…?
-Well, yes! I don’t know… To me it is the most important responsibility… Of course this is not a joke! We need a lot of patience, devotion, intelligence!
-Yes sure… But… Could we start again?
-What?
-The declaration.
-Al right. I’ll repeat it: I love you!
-Umm…
-Did you get it? I love you.
-Umm… Umm
-Hey! Now you became stupid all of a sudden…
-In the last years I became very much stupid…

Paris Rome Rome Paris Paris Rome Rome Paris… Well! I like the planes! – 2015 – Maria A. Listur

“Pensare è insistere in una solitudine senza ritorno.”/“To think is to insist in a solitude with no going back.”

Roberto Juarroz

Qualche volta,
sembrano sprofondare le gentilezze
e cadono anche le familiari durezze
ma non si cancella nessun abbraccio
neanche una delle sue miserie
bontà questa della memoria
che rende al petto quello che fu bocca
o al buio di ogni mente
quello che fu la carne ristretta
senza più pena perché esaurita
senza lamenti perché conclusi
soltanto pneuma predominante
che si fa spazio prima dell’alba
quando il silenzio è un po’ di tutti
quando la notte si è riposata
quando dimenticano quelli che temono
la voce arguta del ringraziamento
quando ogni dove e ogni quando
ricordano quelli che stiamo essendo
allora arriva dall’infinito
– quello più fitto che abbiamo dentro –
una luce svuotata dalla speranza
a rimembrare un nuovo inizio
fuori dal tempo, senza giornata.

Percorso-II

Percorso II – 2015 – Maria A. Listur

Roma, quando l’inverno vuole riposare.
2015 – Maria A. Listur

 

“To think is to insist in a solitude with no going back.”

Roberto Juarroz

Sometimes,
it seems that kindness collapses
and also the familiar rigidity falls
but no embrace is cancelled
not even one of its miseries
kindness that is of the memory
that gives back to the chest what was mouth
or in the darkness of every mind
what the restricted flesh has been
without sorrow because consumed
with no complain because concluded
only predominant breath of life
that makes space before dawn
when silence is a bit everybody’s
when the night has rested
when those who fear forget
the witty voice of the gratitude
when everywhere and every time
remembers what we have been being
there from infinite it arrives
– the most thick one that we have inside –
a light drained from hope
to remind a new beginning
out of time, with no day.

Rome, when winter wants to rest.
2015 – Maria A. Listur