“La società nel suo insieme perseguita ogni individuo attraverso innumerevoli meccanismi di disciplina.”/“The whole of society pursues on each individual through innumerable mechanisms of discipline.”

Michel Foucault

– La ringrazio.
– Di cosa?
– Per lo sguardo, per il riguardo.
– Ho soltanto risposto al saluto.
– In alcune professioni lo sguardo degli altri non è altro che una richiesta, il suo non chiede niente.
– Mmm…
– … e non so chi sia Lei ma, Lei sa chi sono io. Vero?
– Certo. So chi è.
– Dunque, grazie ancora.
– Temeva che non l’avessi riconosciuto?
– No.
– Altro champagne?
– Glielo faccio portare.

Centinaia di occhi stanno aspettando che lui alzi la mano per chiedere qualcosa. Lui alza la mano destra, e come fosse un tasto di una tastiera aerea che comanda l’azione altrui, arriva una ragazza che splende di tutta la fame di riconoscimento, di ogni mondo. Alla sillaba “cham…”, la giovane abbassa la testa e cammina lentamente, corre col cuore, per l’onore di servire un uomo che detiene quel tipo di successo che ora è fama. Penso tutto questo e vorrei appuntare, scrivere sulle diverse forme di successo, di fama, di popolarità però allora, e ora, scelgo di rimanere nel dialogo grazie al ricordo di Foucault:

– Voglio brindare per Lei, per la sua distanza.
– Distanza?
– Negli occhi, gliela vedo.
– Ha notato l’astigmatismo?
– Ho notato che guarda lontano. Cosa guarda?
– Tento di fare fuoco… e mi distraggo nell’impossibilità.

Parigi, all’inizio delle feste di fine anno, come fossero fine tempo.
2019, Maria A. Listur

 

“The whole of society pursues on each individual through innumerable mechanisms of discipline.”

Michel Foucault

– I thank you.
– For what?
– For the look, for the attention.
– I have just replied to an acknowledgement.
– In some professions the other’s look is nothing but a request, yours doesn’t ask for anything.
– Umm…
– … and I don’t know who you are but, you know who I am. Right?
– Sure. I know who you are.
– Therefore, thank you again.
– Were you afraid I hadn’t recognized you?
– No.
– More champagne?
– I’ll have it brought for you.

Hundreds of glances are waiting for him to raise his hand to ask for something. He raises his right hand, and as if it was a key on an aerial keyboard that commands other’s actions, a girl arrives shining of all the craving of acknowledgement, of every world. At the syllable “cham…”, the youngster bows her head and walks slowly, running with her heart, for the honor of serving the man who holds that kind of success that now is fame. I think about all this and I would like to take notes, write down about the different types of success, of fame, of popularity but then, and now, I choose to remain in the dialogue thanks to the recollection of Foucault:

– I want to make a toast for you, for your distance.
– Distance?
– In the eyes, I can see it.
– Have you noticed my astigmatism?
– I have noticed that you see far ahead. What do you see?
– I try to focalize… and I get distracted by the impossibility.

Paris, in the beginning of the end of the year’s festivities, as they were end of time.
2019, Maria A. Listur

“Si deve avere fiducia in se stessi. Voi avete fiducia negli altri… Voi avete fiducia nell’amore… Voi siete fiduciosi del desiderio… e poi, di fronte a voi stessi, siete pieni di sfiducia, perché? Non è giusto. Io ho fiducia in me stessa come verso un altro. Io mi do completa fiducia.” *

Marguerite Duras,
De la subjectivité dans le langage

-Lei non si sa vendere.
-A chi si sta riferendo?
-A lei.
-Lei io?
-Sì, lei, Maria… Meglio le do del tu…
-No! Non mi dia del tu…
-Ma non mi sta capendo… Di chi crede stia parlando?
-Pensavo si stesse riferendo all’artista della mostra.
-Ma no! Mi riferivo a lei. Ho visto il suo lavoro e credo che lei non si sa ven…
-Secondo chi?
-Oh mio Dio! Secondo me! E secondo altre persone anche!
-Altre persone? Chi?
-Altre!
-Sono una sconosciuta! Chi mai si metterebbe a pensare se sono o non sono capace di vendermi?
-Io.
-La ringrazio. Tuttavia credo che non serva a niente…
-Ah! Lei non crede in sé stessa!
-E da cosa lo deduce?
-Lo sento.
-Lei è un termometro di santi?
-Termometro di Santi?
-Non lo è! Non lo è!!! Io sono riconoscibile soltanto a chi sente i Santi! Se lei sente sensazioni di sicurezza o stima che rientrano nella normalità… Non può sentire la via dei Santi!
-Mi prende in giro…
-No… Sono serissima io. Sono Santa!

Parigi, dentro logiche che prevedono il miracolo.
2018 – Maria A. Listur

 

* “One has to have faith in him/herself. You have faith in others… You have faith in love…You have faith in desire… and then, in front of yourself, you are full of doubts, why? It is not fair. I have faith in myself as I have faith towards the other. I give myself complete faith.”

Marguerite Duras,
On the subjectivity of language

-You can’t promote yourself.
-Who are you talking about?
-About you.
-You me?
-Yes, you, Maria… It’s better if we speak informally…
-No! Don’t…
-But you are not understanding me… Who do you think I am talking about?
-I thought you were talking about the artist of the exhibition.
-Of course not! I am talking about you. I saw your work and I believe that you can’t prom…
-According to who?
-Oh my God! According to me! And according to other people also!
-Other people? Who?
-Others!
-I am not known! Who would even start to think if I am good or not in promoting myself?
-Me.
-I thank you. However, I think that it is useless…
-Ah! You don’t believe in yourself!
-And from what do you get that?
-I feel it.
-Are you a thermometer of saints?
-Thermometer of Saints?
-You are not! You are not!!! I can be acknowledged only by those who can feel the Saints! If you feel feelings of safety or appreciation that are in the normality… You can’t feel the way of the Saints!
-You are joking…
-No… I am a dead serious. I am Saint!

Paris, inside logics that predict the miracle.
2018 – Maria A. Listur

“Là où la pensée a peur, la musique pense.”

Laddove il pensiero ha paura, la musica pensa.
Pascal Quignard

-I suoi maestri sono degli sconosciuti…
-Per chi?
-In generale.
-Cosa significa per lei essere “conosciuti”.
-“Conosciuto” è sinonimo di “successo”.
-Posso proporle un altro sinonimo?
-Intimo.

Gutai-fiac-15

Shiraga-2005-1

Shiraga-2005-2

FIAC 2015 – Shiraga, 2003-2005 – Archivio Personale/Personal Archive

In viaggio, nella pratica dell’inchino verso il vuoto.
2015 – Maria A. Listur

 

“Là où la pensée a peur, la musique pense.”

There where the thought is afraid, music thinks.
Pascal Quignard

-Your teachers are strangers…
-To who?
-In general.
-What does it mean to you to be “known”.
-“Known” it is synonym of “success”.
-Can I propose to you another synonym?
-Intimate.

Traveling, in the practice of the bow towards the emptiness.
2015 – Maria A. Listur

Alla bambina/To the Child

Audace timoniere verso nuove vite…
da vivere, purtroppo, una per volta!
Voltata indifferente agli occhi altrui.
Devota, nel rimarginare incrinature.

Festeggi comoda, audace e compiuta.
Sai di essere gaia artefice e musa!
E silenziosa ridi, e sussurrando canti…
Unici suoni, da quel tempo, costanti!

piccola

1965 – Plaza del Congreso – Buenos Aires, Argentina

In volo, quando festeggiano tutte le età.
2015 – Maria A. Listur

 

To the Child

Audacious helmsman towards new lives…
To live, unfortunately, once at the time!
Turned indifferent to other’s eyes
Devoted, in restore cracks
Comfortably you celebrate, audacious and complete
You know you are gay creator and muse!
And quietly you laugh, and whispering you sing…
Unique sounds, from that time, constant!

In flight, when all ages celebrate.
2015 – Maria A. Listur