Il luogo delle Ali/The Place of the Wings

Ti amo perché ti voglio amare
come amo quel mio specchio che ti vide arrivare.
Ti amo sapendoti fulcro del nulla.
E se sapessi scrivere
potrei dirti ti amo con i segni rivoltati.
Come tu mi ami io ti amo,
in controsenso
senza salvaguardia.
Sospesa.
Benedetta.
Liberi da tutta gravità,
angeli.

ML-Ali

Ruane 1 – 2013 – Maria A. Listur

In un luogo del Giappone che apprezza le Ali. 2013 – Maria A. Listur

 

The Place of the Wings

I love you because I want to love you
As I love that mirror of mine that saw you coming.
I love you knowing you are the fulcrum of nothingness.
And if I knew how to write
I could tell you that I love you with the reversed signs.
As you love me I love you,
in contradiction
without safeguard.
Suspended
Blessed.
Free of all gravity,
angels.

In a place of Japan that loves wings. 2013 – Maria A. Listur

Mascote

-Sai che mi ricordi il cane che avevo da piccola? Anche se a dire il vero non era mio… Io non potevo avere dei cani!
-Perché?
-Perché mia madre non voleva!
-Non avevate spazio?
-Sì ma… Non voleva! Tu avevi dei cani?
-Sì, mio padre allevava quelli della Carica dei 100 e… non ricordo il numero…
-I Dalmata.
-Sì! Quelli!
-E li avevi in casa?
-No! Nella villa dove li allevava papà.
-Tu neanche li toccavi, vero?
-No. Amo gli animali ma non ho bisogno di toccarli.
-E che amore è?
-Un amore poetico.
-Un amore del cazzo!
-Non so cosa vuoi dire… Quando io avevo i cani non conoscevo la lingua italiana quindi… Può darsi… Anzi, sì, il mio era un amore del cazzo!
-Il mio invece era un amore totale!
-E cosa vuoi dire?
-Io lo curavo, gli portavo da mangiare nella strada, gli avevo creato una casetta dentro una macchina abbandonata… Lui m’inseguiva ovunque, mi aspettava tutto il tempo, era sempre lì… Mi amava.
-Bello… E per questo io somiglio al tuo cane? Non mi sembra di seguirti ovunque o di aspettarti ogni volta che…
-No, però mi guardi con la stessa devozione.
-E tu? Come mi ami? Perché non avendo avuto una relazione amorosa del tipo “totale” con un cane, non saprei definirti…
-Chi ti ha amato?
-Tutti.
-Ma che dici!
-Ho detto che mi amano tutti, anche i canarini… Non ho detto che col tempo non mi odino…
-E che amore è?
-L’amore dei brutti sentimenti…
-Ora stai volendo distruggere la mia illusione d’amore per il mio cane!
-No! Volevo soltanto sostenere che non perché dici “ti amo” sei mossa da buoni sentimenti! Tutto qui!
-Ho capitoooo! Non ti è piaciuto il discorso del cane e da buona cervellotica che sei mi fai un gioco di parole per sfracellare il mio amore canile!
-No! In realtà volevo comprendere cosa stavi dicendo… Siamo amiche da tanti anni ma sono arrivata dopo il tuo cane quindi…
-Vedi vedi! Non ti è piaciuto!
-Veramente mi hai fatto ricordare una canzone di Joaquin Sabina che dice:
“Prima che mi ami come si ama un gatto,
me ne vado con qualcuna che somigli a te…”

-Ti stavo facendo un complimento!
-E io non lo voglio.
-Non era più facile dirlo immediatamente?
-E che senso avrebbe parlare?

Siena, dove essere in disaccordo, ha fatto miracoli. 2013 – Maria A. Listur

 

Mascote

-You know that you remind me of the dog I had when I was little? Even if it wasn’t mine to be honest… I couldn’t have dogs!
-Why?
-Because my mother didn’t want!
-You didn’t have enough space?
-Yes but… She didn’t want! Did you have dogs?
-Yes, my father used to breed those of the One Hundred and… I don’t remember the number…
-The Dalmatians.
-Yes! Those ones!
-And you had them in the house?
-No! In the villa where dad bred them.
-You wouldn’t even touch them, right?
-No. I love animals but I don’t need to touch them.
-And what love is that?
-A poetic love.
-A fucking love!
-I don’t know what you want to say… When I had dogs I didn’t know the Italian language therefore… Could be… Actually, yes, mine was a fucking love!
-Mine was a total love instead!
-And what do you mean?
-I’d cure him, bring him food in the street, I created a small house for him inside an abandoned car… He would follow me everywhere, he waited all the time for me, he was always there… He loved me.
-Nice… And that’s why I seem like your dog? It doesn’t seem to me that I follow you everywhere or that I wait for you each time that…
-No, but you look at me with the same devotion.
-And you? How do you love me? Not having had a love relationship of the “total” kind with a dog, I wouldn’t know how to define it …
-Who loved you?
-Everybody.
-What are you talking about!
-I said that everybody loves me, even the songbirds… I didn’t say that in time they don’t hate me…
-What kind of love is that?
-The love of ugly feelings…
-Now you are willing to destroy my illusion of love for my dog!
-No! I am just sustaining that it’s not because you say “I love you” that you are motivated by good will! That’s all!
-I goooot it! You didn’t like my talking about the dog and as a good brainiac as you are you are playing with words to crush my dog love!
-No! Actually I was trying to understand what you were talking about…We’ve been friends many years but I came after your dog so…
-See! You didn’t like it!
-Actually you made me recall a song by Joaquin Sabina that says:
“Before you love me as a cat is loved,
I’ll go away with some woman that looks like you…”
-I was paying you a compliment!
-And I don’t want it.
-Wasn’t it easier to say that right away?
-And what meaning would it have to talk then?

Siena, where disagreeing, has made miracles. 2013 – Maria A. Listur

Addii/Farewells

Quanto ti amo quando ti defloro.
Non crederai alla mia generosità!
Quanto ti sopporto quando ti aiuto.
Non tollererai la mia solidarietà!
Quanto t’insulto quando ti spalleggio!
Non reggerai la mia serenità!
Quanto ti strego quando t’incanto.
Non conoscerai la mia dignità!
Quanto ti abbatto quando rimango.
Non avrai la mia immortalità!

INVERSIONE-III-VII

Inversione 3/VII – 2013 – Maria A. Listur

Pienza. Quando i canti sembravano finali. Invece si ricominciava!
2013 – Maria A. Listur

 

Farewells

I love you so much when I deflower you.
You won’t believe my generosity!
I tolerate you so much when I help you.
You won’t bear my solidarity!
I insult you so much when I plump for you!
You won’t stand my serenity!
I bewitch you so much when I enchant you.
You won’t know my dignity!
I put you down so much when I stay.
You won’t have my immortality!

Pienza. When chants seemed final. But it was restarting instead!
2013 – Maria A. Listur