“Dagli altrui vizi impara quanto i tuoi detestabili siano.”/“From other’s bad habits learn how dreadful yours are.”

Proverbio

-Avresti dovuto mandarla a quel paese!
-Non avevo tempo.
-Per dire “Va a quel paese!”?
-Per il dopo.
-Dopo cosa?
-Dopo l’insulto.
-Non è un insulto!
-Sappiamo che significa tante altre cose…
-Sì, ma vuoi negare il piacere dello sfogo?
-Io preferisco tacere.
-E non soffri?
-Soffrirei di più insultando.
-Dai! Ti ho sentito dire tante parolacce!
-Sì, ma per ridere! O indirizzate a me! Quando ho insultato, direttamente, ho visto del terrore negli occhi degli altri.
-E ti fanno paura?
-No, mi fa pena… E mi preoccupa ciò che viene dopo…
-Che vuoi dire col dopo? Che c’entra! Stiamo parlando di sfoghi!
-Tu parli di sfoghi, io parlo della difficoltà di recuperare sé stessi dopo un improperio.
-Lo sfogo implicherebbe che non hai bisogno di recuperare niente… Liberi energia!
-Energia?
-Sì, energia.
-E non ci si libera tacendo?
-No. Si può anche implodere.
-O trasformare il silenzio in splendore!
-Certo! Trasforma anche ogni bassezza in silenzi brillanti o in taciti diamanti oppure in muti smeraldi! Ma va!
-Cerco di non sprecare energia. Mi sono spiegata meglio?
-Sì, meglio; tuttavia non condivido, trovo che stai negando degli aspetti dell’umano… Con una sorta di superbia!
-Ora sono io a non condividere, tuttavia accetto.
-Quale dei due?
-Non sto negando nessun aspetto. Sto semplicemente provando ad accettare che non riesco a insultare senza pagare un prezzo altissimo, dopo. Sono superba? Accetto di essere, per alcune persone e anche in senso positivo, superba.
-Di che prezzo parli?
-La traduzione!
-Di cosa?
-Dell’insulto! Se io dovessi attendere di sfogarmi attraverso un insulto, dovrei dirlo in almeno quattro lingue, tre sono di cuore e una di testa! Preferisco il silenzio interlinguistico.

Parigi, quando si ride dei propri “pre-giudizi di valore” e anche altrui.
2015 – Maria A. Listur

 

“From other’s bad habits learn how dreadful yours are.”

Proverb

-You should have told her to go to hell!
-I didn’t have time.
-To say “Go to hell!”?
-For afterwards.
-For after what?
-After the insult.
-It is not an insult!
-We know that mean many other things…
-Yes, but do you want to deny the pleasure of an outburst?
-I’d rather say nothing.
-And don’t you suffer?
-I’d suffer more insulting.
-Come one! I heard you say bad words!
-Yes, but for laughing! Or addressed to myself! When I have insulted, directly, I have seen terror in other’s people eyes.
-And do they scare you?
-No, it makes me feel sorry… And I worry for what it comes afterwards…
-What do you mean for after? What has it got to do with anything! We are talking about an outburst
-You talk about outburst, I am talking about the difficulty of recover oneself after an insult.
-The outburst would imply that you don’t have the necessity to recover anything… You free energy!
-Energy?
-Yes, energy.
-And don’t we free ourselves staying quiet?
-No. You could also implode.
-Or transforming silence in splendor!
-Sure! Transform every meanness in brilliant silences or in quiet diamonds or in mute emeralds! Come on!
-I am trying not to waste energy. Did I make myself clear?
-Yes, better; however, I don’t agree, I think that you are denying some aspects of the human… With a sort of arrogance!
-Now it’s me who doesn’t agree, however I accept.
-Which one of the two?
-I am not denying any aspect. I am simply trying to accept that I can’t manage to insult without paying a very high price, afterwards. Am I arrogant? I accept to be, for some people and also in a positive way, arrogant.
-What price are you talking about?
-The translation!
-Of what?
-Of the insult! Should I wait to have an outburst through an insult, I should say at least in four languages, three are by heart and one by head! I’d rather like the inter linguistic silence.

Paris, when we laugh of our own “pre-judice of valor” and also other’s.
2015 – Maria A. Listur

“La META non è che un PRETESTO.”/ “The GOAL is nothing but an EXCUSE.”

Natalie Clifford Barney

-Fuori dalla gravidanza, il parto e l’allattamento, esiste qualcosa di non “androcentrico”?
-Me lo dica lei… Io sono donna.
-Possiamo riflettere in compagnia.
-Sono talmente emozionata d’incontrarla da non poter riflettere.
-Potrebbe sembrare seducente.
-No! Io sono innamorata di lei!
-Sta riuscendo a farmi ridere.
-Le giuro che non è quello che voglio! Mi sto dichiarando sinceramente.
-Non nutro nessun interesse verso le relazioni interpersonali.
-Lo so.
-E come lo sa?
-Non sarebbe stato così facile dirle che sono innamorata di lei!
-Sta riportando il dialogo a se stessa?
-Lei no?
-Ho accettato d’incontrarla perché…
-Non mi menta per favore… So che mi sta facendo una cortesia.
-Ho accettato d’incontrarla perché la casa editrice ha travisato quello che volevo fare con il racconto di cui lei ha tratto il suo spettacolo. Così le sembra giusto?
-Giusto? No. Corretto.
-Stiamo avendo problemi di traduzione?
-No, cerco di non farmi tradire dall’emozione. Credo che conoscere più lingue ci permetta di trovare più significati ai nostri modi di sentire, lavorare, desiderare e mi stanno uscendo dalla bocca tutti insieme. L’ammirazione mi sta facendo diventare perfezionista!
-Se vuole il mio testo, non le costerà niente ma, dobbiamo rivedere insieme la traduzione in italiano. Ha del tempo…
-Tutta la vita!
-Ha del tempo per venire nella mia casa in campagna?
-Tutta la vita!
-Sono vegano, non amo gli aggeggi elettronici quindi lavoreremo a mano e poi lei farà la versione elettronica, una volta a settimana, a casa sua. Lavoriamo dalle 5 del mattino fino alle 11, poi dalle 15 alle 18. Spero lei ami i gatti, sono i veri padroni di casa. Faremo soltanto un pasto insieme, la cena. Ha bisogno di qualcosa in particolare?
-Due cose: i luoghi freddi mi spaventano e io non ceno.
-La villa ha riscaldamento a legna ed è caldissima. Se non cena non avrà occasione di parlare d’altro.
-Intuisco che questo la renda felice.
-Intuisce bene.
-Si potrebbe dire che abbiamo creato un incontro perfetto?
-Il vuoto che mi regala rischia di farla diventare simpatica.
-Una semplice abitudine.
-Per favore, non chiami “abitudine” quello che è “dolore del mondo”.
-Non mi sarei mai regalata quelle parole.
-Non ha bisogno di quelle parole. Le appartengono.

Bordeaux, dove il vino è una sfumatura del profondo. 2014 – Maria A. Listur

 

“The GOAL is nothing but an EXCUSE.”

Natalie Clifford Barney

-Beside pregnancy, childbirth and breast-feeding, is there anything not “androcentric”?
-You tell me… I am a woman.
-We could think in company.
-I am so excited to meet you that I can’t think.
-It could sound seductive.
-No! I am in love with you!
-You are managing to make me laugh.
-I swear that is not what I want! I am declaring my love sincerely.
-I have no interest in the interpersonal relations.
-I know.
-How do you know?
-It wouldn’t have been so easy to tell you that I was in love with you!
-Are you taking back this dialogue to yourself?
-Aren’t you?
-I have accepted to meet you because…
-Don’t lie to me please… I know you are being polite.
-I have accepted to meet you because the publisher has misinterpreted what I want to do with the story from which you have based your show. Does it sound right?
-Right? No. Correct.
-Are we having a problem of translation?
-No, I am trying not be betrayed by emotion. I believe that knowing many languages allows us to find more meanings to our ways of feeling, working, desiring and they all are coming out from my mouth at the same time. Admiration is making me become a perfectionist!
-If you want my text, it won’t cost you anything but, we have to go over together to the Italian translation. Do you have time…
-All my life!
-Do you have time to come over my house in the countryside?
-All my life!
-I am vegan, I don’t like electronic devices therefore we will work by hand and then you will make an electronic version, once a week, at your place. We’ll work from 5 in the morning until 11, then from 15 to 18. I hope you love cats, they are the real owners of the house. We will have just one meal together, dinner. Do you need anything in particular?
-Two things: cold places frighten me and I done dine.
-The villa has a wood heating system and it is very warm. If you don’t dine you want have occasion to talk about anything else.
-I feel that this makes you happy.
-You are feeling well.
-Could we say that we have created the perfect encounter?
-The emptiness you are giving me is risking making you become likeable.
-A simple habit.
-Please, don’t call “habit” what it is “the pain of the world”.
-I would have never given myself those words.
-You don’t need those words. They belong to you.

Bordeaux, where the wine is a nuance of the deepness. 2014 – Maria A. Listur