IN TRASPARENZA

Come i panni al sole

mi estendo, appesa senza fili

affare di mollette, i ricordi 

quelli migliori, a luce piena.

Intrisa di vento 

tutta tessuto, asciugata da lacrime

che a lavar son venute

perfetto il tempo, i temporali.

A raccogliermi, 

mani sapienti e crepuscolari

mi sfiorano nella luce fiocca

mi proteggono nel cader della notte

e notturna m’inchino, al domani.

Roma, nella luce della primavera.

2022 – Maria A. Listur

MESTIERE/EXPERTISE

Oggi trascrivo, un altro modo di scrivere:

Svizzera, Centro di Ricerca S.N.V. 
Invitata:
Maria A. Listur

Non si faranno controlli e per questo chiediamo totale trasparenza,
libertà espressiva e brevità.

Età: 55 anni
Professione: Negoziatrice di Ombre
Frase e/o Immagine da condividere: 
“Tutto dipende da dove piazzi la luce.” Marlene Dietrich

848.jpg

Uffizi Gallery

Svizzera, in alto, in montagna.
2020, Maria A. Listur

 

EXPERTISE

Today I transcribe, another way to write:

Swiss, S.N.V. Research Center
Guest: Maria A. Listur

We won’t be doing any check and for this we ask for total transparency,
expressive freedom and shortness.

Age: 55 years
Profession: Shadows Negotiator
Phrase and/or Image to share:
“It all depends on where you put the light.” Marlene Dietrich

Swiss, up above, in the mountains.
2020, Maria A. Listur

ASSURDO/ABSURD

Se le categorie fossero:
bello brutto e dolce amaro,
consumato nuovo
e rodato inesperto
lontano vicino e oscuro chiaro,
affidabile traditore
e ruvido soave
grande piccolo e bravo fallito
conoscitore ignorante
e facile complesso
Viceversa
e a favore del senso…

Dove avremmo potuto declinare
– e potremo – ogni tempo degli amori?
Amori…
Miei?

Ombre-2

Ombre II – 2016 – Maria A. Listur

Parigi, quando ogni trasparenza si svela, e nutre.
2016 – Maria A. Listur

 

ABSURD

If categories would be:
good ugly and sweet sour,
used new
and expended inexperienced
far close and obscure bright,
reliable traitor
and rough delicate
big small and good failure
expert ignorant
and easy complex
Vice versa
and in favor of the sense…

Where could have we declined
– and could we – each tense of the loves?
Loves…
Of mine?

Paris, when each transparency unveils.
2016 – Maria A. Listur

Peana

Col criterio del catrame
saltellante il sogno mio
del riposo fa rivolta,
ricollauda l’importanza.
Altrimenti non avrebbe
come incubo se stesso,
ritornare, essere sveglio
e per poco, essere vero.
Lo riguardo, negligente.
Seducente, me lo increspo.
Lo rapisco inumidita.
E per guarirlo,
lo riaddormento.

Privato-IVII
Privato 1/VII – 2011 – Maria A. Listur

Roma, stai riuscendo a rendere tutto marmoreo?
2013 – Maria A. Listur

Peana

With the criteria of the tar
hopping is the dream of mine
of the rest it makes a revolt,
it retests the importance.
Otherwise it wouldn’t have
as a nightmare itself,
to return, to be awake
and for a few moments, to be truth.
I look at it again, negligent.
Seductive, I wrinkle it for myself.
I kidnap it all moisten.
And to heal it,
I make him fall asleep again.

Rome, are you managing to make everything marmoreal?
2013 – Maria A. Listur