LA PACE DELL’UNICORNO/THE PEACE OF THE UNICORN

“Amore mio… Evita di tentare il consueto”
Sembra esplicitare al cavallo
il candido unicorno;
sapiente del passo anticipato del corno,
sicuro di essere un taglio
ancor prima di un bacio.

814.JPG

La SOLITUDE des LICORNES/The SOLITUDE of the UNICORNS
Centre Tomatis – Paris, 2019

Maria A. Listur

 

THE PEACE OF THE UNICORN

“My Love… Avoid attempting the usual”
It seems to clarify to the horse
the candid unicorn;
conscious of the anticipated pace of the horn,
certain of being a slash
even before a kiss.

Centre Tomatis – Paris, 2019
Maria A. Listur

Julio Cortazar

Ha scritto:
“La felicità doveva essere un’altra cosa,
può darsi fosse più triste che questa pace e questo piacere,
un’aria come d’unicorno o d’isola,
una caduta interminabile nell’immobilità.”
E può darsi che mentre scriveva ognuna di queste parole,
da qualche parte nel mondo,
cominciava a crescere l’unicorno che mi è isola.
Un intimo luogo dove cavalcare l’ancora inesistente
per renderlo al mondo, leggera. Libera dall’illusorio.
Finalmente immaginifica.

810.jpg

In volo tra frontiere, 2019
Maria A. Listur

 

Julio Cortazar

He wrote:
“Happiness should have been something else,
it might have been sadder than this peace and this pleasure
an air like of unicorn or of island,
an endless fall in the stillness.”
And it could be that while he was writing each of these words,
somewhere in the world,
it began to grow the unicorn that it is island to me.
An intimate place where to ride the yet inexistent
to give it back to the world, light. Free from the illusive.
High imaginative at last.

In flight among borders, 2019
Maria A. Listur