“Per vedere, bisogna imparare…”/“To see, we need to learn…”

Charles Baudelaire

-E gli hai creduto?
-Sì.
-E perché?
-Tu non gli avresti creduto?
-No.
-E perché?
-Perché è troppo banale!
-Dipende…
-Da cosa?
-Da ciò in cui si crede…
-Non puoi credere a un uomo che spara una frase del genere, alla nostra età!
-Cosa c’entra l’età?
-Hai più esperienza!
-Oh mio dio!!! Sei un’ignorante!
-Certo! Lo sono in tante cose ma in questo caso non so a cosa ti riferisci. Vuoi dire che sono un’ignorante per il modo che ho usato per criticarti?
-Sei un’ignorante perché sei diventata acre! E dai per scontato che aver vissuto cinquant’anni ti abbia dato esperienza!
-Ah! Bene! Altro?
-Se diventi acida, l’esperienza non ti è servita a nulla!
-Ah! Madre Teresa di Argentina mi vuole far credere che tutto è amore e gioia!
-No. E non credere che perché Madre Teresa sia stata una donna tu non stia blasfemando nell’usare il suo nome in modo sarcastico verso la mia opinione!
-Blasfemando?
-Sì.
-Ora, tu stai glissando per evitare di riconoscere che è stata una grande stupidaggine credere alle parole di un uomo che ti dichiara il suo amore come fanno i ragazzini!
-Io non ho creduto alle sue parole.
-Hai detto che gli hai creduto.
-Sì, lo so, tuttavia non sono state le parole a farmi credere alla sua dichiarazione…
-Cosa allora?
-Il sapere che il sistema nervoso si annoia facilmente…
-E questo? Cosa c’entra?
-… quindi, per vedere bisogna impegnarsi!
-Di nuovo! Cosa c’entra?
-Lui si è impegnato e ha visto.
-Cosa?
-Che io amo l’amore.

Paris, la lumière est éparpillé 2015 – Maria A. Listur

 

“To see, we need to learn…”

Charles Baudelaire

-And you believed him?
-Yes.
-And why?
-You wouldn’t have?
-No.
-And why?
-Because it’s too trite!
-It depends…
-From what?
-From what we believe…
-You can’t believe a man that boast out a phrase like that, at our age!
-What has the age got to do with it?
-You have more experience!
-Oh my god!!! You are an ignorant!
-Of course! I am in many things but in this case I don’t know what you are referring to. Do you mean that I am an ignorant because of the way I criticized you?
-You are an ignorant because you have become bitter! And you are taking for granted that living fifty years has given you experience!
-Ah! Well! Anything else?
-You became bitter, experience hasn’t given you anything!
-Ah! Mother Teresa of Argentina do you want me to believe that everything is love and joy!
-No. And don’t think that since Mother Teresa was a woman you aren’t blaspheming in using her name in a sarcastic way towards my opinion!
-Blaspheming?
-Yes.
-Now, you are the one who is skirting to avoid recognizing that it has been a huge foolishness believing the words of a man who declare his love as little boys do!
-I haven’t believed in his words.
-You said that you did.
-Yes, I know, however it wasn’t the words that made me believe in his declaration…
-What then?
-Knowing that the nervous system gets easily bored…
-And this? What’s it got to do with this?
-… hence, to see we need to commit!
-Again! What’s it got to do with this?
-He commit himself and he saw.
-What?
-That I love love.

Paris, la lumière est éparpillé 2015 – Maria A. Listur

DISCHIUDERSI/OPENING UP

In un’impermanenza categorica,
la sua generosità mi ricompone.
E con quello sguardo che mi vede,
svela incanti, sollecita, contiene.
E senza tempo oppure meta,
con premura apriamo le corolle.
Verginità nelle visioni!
Germogli inconsapevoli, di ora.
Fresche – tuttora – e candide,
le mature fioriture.

Flowers-I

Flowers-II

Flowers-III

Flowers I II III – 2015 – Maria A. Listur

Roma, dentro ciò che vive in eterno.
2015 – Maria A. Listur

 

Opening Up

In a categorical impermanence,
its generosity recompose me.
And with that glance that it sees me,
it unveils enchantments, it stimulates, it holds.
And without time nor goal,
with care we open corollas.
Virginity in the visions!
Unaware germs, of now.
Fresh – even now – and candid,
the mature flowering.

Rome, inside what lives in aeternum.
2015 – Maria A. Listur