“Tutte le parole cercano di raggiungere qualcosa che fugge.”/“All the words try to reach something that runs away.”

Pascal Quignard

-Glieli dettano?
-Che cosa?
-I testi.
-Non stavamo parlando della pittura?
-Sì ma… Lei si mette a prendere appunti!
-Perché non vorrei dimenticare qualche cosa che mi è venuta in mente mentre lei sta pensando e…
-E mi distrae!
-Mi scuso. Stavo tentando il contrario, non volevo interromperla con il suono…
-Invece mi ha portato da un’altra parte!
-Continuiamo con la pittura?
-No. Mi è venuta in mente la scrittura e preferisco seguire l’istinto.
-Va bene. Mi dica.
-Quello che scrive sente che glielo dettano?
-Penso che ogni cosa sia un dettato ma non nel senso che dicono alcuni…
-Vuole dire, ascoltare delle voci?
-Sì.
-E cosa intende per dettato allora?
-Qualcosa di musicale, di corporeo… Un movimento che poi si traduce in scritto o dipinto o…
-E tutto è lo stesso?
-Il risultato è differente ma la fonte è la stessa.
-Qualcosa d’animico?
-Qualcosa non lo è?
-Mm… Corpo e mente, anima e corpo…
-No. Non riesco a scindere e non sono tifosa di queste definizioni.
-Linguaggio calcistico?
-Linguaggio riduzionistico.
-Non sembra la stessa persona che scrive, neanche quella che dipinge o quella che…
-La prego di non definirmi secondo la somma di quello che di me conosce.
-Tento di farmi un’idea precisa del suo lavoro, come lei ha tentato di non interrompermi…
-Siamo verso una strada di profonda frustrazione.
-Non esiste un’idea precisa o lei è brava a interrompere?
-Sta confrontando ed io non ho uno spirito competitivo.
-Abbandonerà il gioco?
-Cambierò gioco.
-Vediamo. E cosa propone?
-Un piatto di lenticchie con curry di verdura, Malbec argentino e pane azzimo fatto da me. Accetta?
-Ha vinto.
-Abbiamo vinto.

Roma, dove si può conquistare il vuoto. 2015 – Maria A. Listur

“All the words try to reach something that runs away.”

Pascal Quignard

-Does anybody dictate them to you?
-What?
-The texts.
-Weren’t we talking about painting?
-Yes but… You started taking notes!
-Because I wouldn’t want to forget something that came to my mind while you were thinking and…
-And you distract me!
-I apologize. I was trying the opposite, I didn’t want to interrupt you with the sound…
-As a matter of fact you brought me to another place!
-Shall we continue with the painting?
-No. Writing came to my mind and I’d rather follow my instinct.
-All right. Tell me.
-What you write do you feel that somebody dictates it to you?
-I think that everything is a dictation but not in the sense that someone says…
-You mean, listening to voices?
-Yes.
-And what do you mean by dictation then?
-Something musical, corporeal… A movement that afterwards translates in writing or painting or…
-And is it all the same?
-The result is different but the source is the same.
-Something of the soul?
-Is there something that isn’t?
-Mm… Body and soul, soul and body…
-No. I can’t differentiate and I am not a fan of those definitions.
-Soccer language?
-Reductionistic language.
-You don’t seem the same person that writes, neither the one that paints nor the one that…
-I beg you not to define me according to the sum of what you know about me.
-I am trying to get a precise idea of your work, as you tried not to interrupt me…
-We are heading towards a road of profound frustration.
-Doesn’t it exist a precise idea or you are just good interrupting?
-You are confronting and I don’t have a competitive spirit.
-Will you abandon the game?
-I’ll change the game.
-Let’s see. What do you propose?
-A meal with lentils with curry and vegetables, Argentinean Malbec and leavened bread made by me. Do you accept?
-You won.
-We won.

Rome, where emptiness can be conquered. 2015 – Maria A. Listur

Giovinezza/Youth

Sull’orizzonte delle cose scivolano:
Il desiderio, i surrogati
Quelle tre mammelle esagerate
La ripetizione, l’impossibile
L’immaginaria idea d’aiuto
La gioia, la voracità
La via, l’obiettivo
La frustrazione, la salute
Quelle voci assenti
La vita
Sette peccati senza capitale
La solitudine
I grilli silenziosi
La materializzazione
E te,
Che sai di essere viva,
Nei lembi delle mie parole.

MLV-6

Ritratti – ML Lascia Memoria 6/VII – Maria A. Listur

In me, dove la pelle nasconde bene i secoli.
2013 – Maria A. Listur

 

Youth

On the horizon of the sliding things:
The desire, the surrogates
Those three exaggerated breasts
The repetition, the impossible
The imaginary idea of help
The joy, the voracity
The way, the goal
The frustration, the health
Those absent voices
The life
Seven sins without death
The solitude
The silent crickets
The materialization
And you,
Who know to be alive,
In the corners of my words.

In me, where the skin hides well the centuries.
2013 – Maria A. Listur

“La bellezza tenta i ladri più dell’oro.”/“Beauty tempts thieves more than gold.”

W. Shakespeare

-Vorrei morire…
-Sicuro?
-Te lo giuro.
-Perché lo dici a me?
-Perché sei mio fratello gemello.
-Non sono il tuo confessore!
-Sei il mio doppio… Dovresti – da qualche parte – sentire lo stesso.
-Io non voglio morire!
-Ti sbagli.
-Allora vorrei far morire la mia parte lesionista!
-Vedi! Ecco che sarò io a morire!
-La mia parte lesionista non te!
-Lo so che hai sempre creduto fossi distruttivo!
-Non lo credo, lo so!
-Vedi…
-Non riesco a compatirti!
-Neanche io!

Tossisco per interrompere il volume delle loro voci.
Uno di loro si volta verso la mia tosse.
I nostri sguardi s’incrociano.
Sono alle loro spalle, seduta ad aspettare l’imbarco;
saremo sullo stesso volo. Colui che ha considerato la mia tosse
quale segno di mancanza di privacy sussurra qualcosa
all’orecchio dell’altro. Si alzano quasi contemporaneamente.
Spariscono dal mio orizzonte.
Imbarco.
Sono al solito posto d’emergenza, allungo le gambe, riapro il libro,
rialzo lo sguardo al ritmo delle voci dei gemelli. Anche loro, molto alti,
siedono accanto a me nella zona d’emergenza.
Nel decollo mi addormento.
Mi sveglio senza aprire gli occhi.
Rubo ancora delle parole.

-Vedi perché non puoi morire?
-Non vedo.
-Guarda questa qui! Per cosa credi che si sia addormentata?
-Perché stanca?
-No!
-Perché le piace volare?
-Ma no! Pensa!
-Perché è serena?
-Ma no!
-Perché? Perché?
-Perché è sola!
-Ma tu che ne sai!
-Sono sicuro che non ha una sorella gemella!
-E da cosa lo intuisci?
-Dalla tosse!
-Ha tossito perché stavi urlando!
-Ha tossito perché non conosce cosa sia nascere accompagnati!

Mi prometto di non aprire gli occhi…
E rubo, rubo, rubo, forme di un amore che non conoscerò mai!

Parigi-Roma, in tre lingue, per me sono casa. 2013 – Maria A. Listur

 

“Beauty tempts thieves more than gold.”

W. Shakespeare

-I wish I’d die…
-Really?
-I swear.
-Why are you telling me this?
-Because you are my twin brother.
-I am not your confessor!
-You are my double… You should – somewhere – feel the same.
-I don’t want to die!
-You are wrong.
-Then I wish I could make die my masochistic part!
-See! Now it’s me who is going to die!
-My masochistic part not you!
-I know you have always believed that I was destructive!
-I don’t believe it, I know!
-See…
-I can’t share you!
-Neither can I!

I am coughing to interrupt the volume of their voices.
One of them turns towards my cough.
Our glances meet.
I am behind them, seated waiting to board;
We are going to be on the same flight. The one who considers my cough
as sign of lack of privacy is whispering something
to the other’s ear. They stand almost at the same time.
They disappear form my horizon.
Boarding.
I am in the usual emergency seat, I stretch my legs, reopen the book,
raise my glance to the rhythm of the voices of the twins. They too, very tall,
sit next to me in the emergency area.
During take off I fall asleep.
I wake up without opening my eyes.
I am stealing some words.

-You see why you can’t die?
-I don’t.
-Look at this one! Why do you think she fell asleep?
-Because she is tired?
-No!
-Because she likes to fly?
-No! Think!
-Because she is serene?
-Nooo!
-Why? Why?
-Because she is alone!
-What do you know!
-I am sure she doesn’t have a twin sister!
-And what do you understand that from?
-From the cough!
-She coughed because you where screaming!
-She coughed because she doesn’t know what it means to be accompanied!

I am promising myself not to open my eyes…
And I steal, steal, steal, forms of love that I will never know!

Paris-Rome, in three languages, to me they are home. 2013 – Maria A. Listur