“I deboli non possono essere sinceri.”/“Weak people can’t be sincere.”

François de La Rochefoucauld

-Parigi-Cairo ha detto?
-Sì…
-Che terribile paura!|
-Non si può generalizzare…
-Secondo lei ci sono persone che non sentirebbero paura?
-Sì, ci sono.
-Non concordo. Credo che la paura debba essere stata terribile!
-Mi ripeto: non generalizzerei…
-Lei riesce a immaginare cosa sarebbe un incidente aereo?
-Sì, ci riesco.
-E non le fa paura.
-Per gli altri, non per me.
-Non ha paura dell’aereo?
-No, quando si muove troppo mi viene un sonno salvifico.
-Vuole morire?
-So che morirò, come lei, come chiunque…
-In aereo sarebbe orribile!
-Dipende da dove accade… Sul mare, sarebbe come avere una tomba gigante!
-Vuole essere dissacrante e sembra ineducata…
-Ineducata? Dissacrante? Sono sincera per quanto posso, oggi. Parlo di me, delle mie sensazioni, del mio immaginario, della mia esperienza, non dell’aereo caduto nella tratta Parigi-Cairo sulle isole della Grecia. Per l’incidente e le famiglie posso soltanto pregare…
-Il suo modo continua ad apparirmi sarcastico e fittizio perché lei è qui e non sa di cosa sta parlando, non sa cosa sia un incidente…
-Ha ragione tranne per il fatto che mio padre è morto in un incidente automobilistico.
-Scusi.
-Di cosa si scusa?
-Di aver sottointeso.
-Non si preoccupi, questo non dovrebbe rendermi meno sarcastica ai suoi occhi, non ha alcuna relazione.
-Invece la relazione ce n’è!
-Sarebbe?
-La freddezza che le ha causato l’impatto della perdita e che la fa sottovalutare l’esperienza traumatica.
-Esperienza traumatica mia o degli altri?
-In primis, sua.
-Se mi fa immaginare un incidente aereo, immagino di morire, non di rimanere traumatizzata… E le posso assicurare che mi tranquillizza…
-Vede? Freddezza!
-Ho sempre creduto fosse resilienza…

Parigi, sotto un cielo che piange i suoi figli. 2016 – Maria A. Listur

 

“Weak people can’t be sincere.”

François de La Rochefoucauld

-Paris-Cairo you said?
-Yes…
-What a frightening thing!
-We can not generalize…
-Do you think that there are people who wouldn’t be afraid?
-Yes, there are.
-I don’t agree. I think that the fear must have been terrible!
-I repeat myself: I wouldn’t generalize…
-Could you imagine how would it be a plane crash?
-Yes, I can.
-And it doesn’t scare you.
– Others, not me.
-Are you not scare of the airplane?
-No, when it moves a lot I get in a such a salvific sleepiness.
-Do you want to die?
-I know that I will die, like you, like anyone else…
-On a plane would be horrible!
-It depends where it happens… On the sea would be like having a gigantic grave!
-You want to be desecrating and you seem uneducated…
-Uneducated? Desecrating? I am sincere as much as possible, today. I talk about me, my sensations, my imaginary, my experience, not about the crashed airplane on the Paris-Cairo route on the Greek Islands. For the accident and families I can only pray…
-Your way continues to seem to me sarcastic and fictitious because you are here and have no idea what you are talking about…
-You are right except for the fact that my father died in a car accident.
-Sorry.
-Sorry for what?
-For having implied.
-Don’t worry, that shouldn’t make me less sarcastic in your eyes, it has no relation.
-I rather say that there is a relation!
-Would that be?
-The coldness that it has caused the impact of the loss and that makes you underestimate the traumatic experience.
-Mine or other’s traumatic experience?
-In the first place, yours.
-If you make me imagine a plane crash, I imagine dying, non remaining traumatized… And I can assure you that it pacifies me…
-You see? Coldness!
-I have always thought it was resilience…

Paris, under a sky that weeps his children. 2016 – Maria A. Listur

Alla bambina/To the Child

Audace timoniere verso nuove vite…
da vivere, purtroppo, una per volta!
Voltata indifferente agli occhi altrui.
Devota, nel rimarginare incrinature.

Festeggi comoda, audace e compiuta.
Sai di essere gaia artefice e musa!
E silenziosa ridi, e sussurrando canti…
Unici suoni, da quel tempo, costanti!

piccola

1965 – Plaza del Congreso – Buenos Aires, Argentina

In volo, quando festeggiano tutte le età.
2015 – Maria A. Listur

 

To the Child

Audacious helmsman towards new lives…
To live, unfortunately, once at the time!
Turned indifferent to other’s eyes
Devoted, in restore cracks
Comfortably you celebrate, audacious and complete
You know you are gay creator and muse!
And quietly you laugh, and whispering you sing…
Unique sounds, from that time, constant!

In flight, when all ages celebrate.
2015 – Maria A. Listur

“La bellezza tenta i ladri più dell’oro.”/“Beauty tempts thieves more than gold.”

W. Shakespeare

-Vorrei morire…
-Sicuro?
-Te lo giuro.
-Perché lo dici a me?
-Perché sei mio fratello gemello.
-Non sono il tuo confessore!
-Sei il mio doppio… Dovresti – da qualche parte – sentire lo stesso.
-Io non voglio morire!
-Ti sbagli.
-Allora vorrei far morire la mia parte lesionista!
-Vedi! Ecco che sarò io a morire!
-La mia parte lesionista non te!
-Lo so che hai sempre creduto fossi distruttivo!
-Non lo credo, lo so!
-Vedi…
-Non riesco a compatirti!
-Neanche io!

Tossisco per interrompere il volume delle loro voci.
Uno di loro si volta verso la mia tosse.
I nostri sguardi s’incrociano.
Sono alle loro spalle, seduta ad aspettare l’imbarco;
saremo sullo stesso volo. Colui che ha considerato la mia tosse
quale segno di mancanza di privacy sussurra qualcosa
all’orecchio dell’altro. Si alzano quasi contemporaneamente.
Spariscono dal mio orizzonte.
Imbarco.
Sono al solito posto d’emergenza, allungo le gambe, riapro il libro,
rialzo lo sguardo al ritmo delle voci dei gemelli. Anche loro, molto alti,
siedono accanto a me nella zona d’emergenza.
Nel decollo mi addormento.
Mi sveglio senza aprire gli occhi.
Rubo ancora delle parole.

-Vedi perché non puoi morire?
-Non vedo.
-Guarda questa qui! Per cosa credi che si sia addormentata?
-Perché stanca?
-No!
-Perché le piace volare?
-Ma no! Pensa!
-Perché è serena?
-Ma no!
-Perché? Perché?
-Perché è sola!
-Ma tu che ne sai!
-Sono sicuro che non ha una sorella gemella!
-E da cosa lo intuisci?
-Dalla tosse!
-Ha tossito perché stavi urlando!
-Ha tossito perché non conosce cosa sia nascere accompagnati!

Mi prometto di non aprire gli occhi…
E rubo, rubo, rubo, forme di un amore che non conoscerò mai!

Parigi-Roma, in tre lingue, per me sono casa. 2013 – Maria A. Listur

 

“Beauty tempts thieves more than gold.”

W. Shakespeare

-I wish I’d die…
-Really?
-I swear.
-Why are you telling me this?
-Because you are my twin brother.
-I am not your confessor!
-You are my double… You should – somewhere – feel the same.
-I don’t want to die!
-You are wrong.
-Then I wish I could make die my masochistic part!
-See! Now it’s me who is going to die!
-My masochistic part not you!
-I know you have always believed that I was destructive!
-I don’t believe it, I know!
-See…
-I can’t share you!
-Neither can I!

I am coughing to interrupt the volume of their voices.
One of them turns towards my cough.
Our glances meet.
I am behind them, seated waiting to board;
We are going to be on the same flight. The one who considers my cough
as sign of lack of privacy is whispering something
to the other’s ear. They stand almost at the same time.
They disappear form my horizon.
Boarding.
I am in the usual emergency seat, I stretch my legs, reopen the book,
raise my glance to the rhythm of the voices of the twins. They too, very tall,
sit next to me in the emergency area.
During take off I fall asleep.
I wake up without opening my eyes.
I am stealing some words.

-You see why you can’t die?
-I don’t.
-Look at this one! Why do you think she fell asleep?
-Because she is tired?
-No!
-Because she likes to fly?
-No! Think!
-Because she is serene?
-Nooo!
-Why? Why?
-Because she is alone!
-What do you know!
-I am sure she doesn’t have a twin sister!
-And what do you understand that from?
-From the cough!
-She coughed because you where screaming!
-She coughed because she doesn’t know what it means to be accompanied!

I am promising myself not to open my eyes…
And I steal, steal, steal, forms of love that I will never know!

Paris-Rome, in three languages, to me they are home. 2013 – Maria A. Listur